Mantovani nel Mondo                       

      News 

Stranieri nell'UE
Carta di soggiorno? Liberi di lavorare in tutta Europa
L'Italia, come altri Paesi Ue, non ha attuato la direttiva europea sui soggiornanti di lungo periodo.
Ma la sentenza di un giudice potrebbe far lavorare chi ha una carta rilasciata in un altro paese Ue

Lo scorso novembre un annuncio del vicepresidente della Commissione europea Franco Frattini ha fatto drizzare le antenne a milioni di immigrati in Europa: "Nel gennaio 2006 entrerà in vigore una regola che permetterà ai lavoratori extracomunitari che risiedono da oltre 5 anni in modo legale in uno stato membro di muoversi liberamente e lavorare in qualsiasi altro paese Ue".
Quella dichiarazione era troppo ottimista. Le cose sarebbero andate così solo se tutti i Paesi dell'Unione avessero adeguato le proprie leggi sull'immigrazione a una direttiva europea (2003/109/CE) dedicata ai cittadini di Paesi extraue che risiedono regolarmente da diversi anni in Europa.
Doppio binario
"Secondo la direttiva, i cittadini extracomunitari che soggiornano regolarmente in un Paese membro da almeno 5 anni, possono richiedere lo status di "soggiornanti di lungo periodo", venendo per molti versi equiparati ai cittadini degli altri stati dell'Ue. Tra i benefici principali ci sono il rilascio di un titolo di soggiorno di lungo periodo, come la carta di soggiorno, e la possibilità di spostarsi liberamente, anche per lavorare, in tutti i Paesi dell' Unione" spiega la dott.ssa Ledia Miraka, esperta in diritto dell'immigrazione.
In realtà, quando a gennaio sono scaduti i termini per dare attuazione alla direttiva, avevano risposto all'appello solo Austria, Lituania, Polonia, Slovenia e Slovacchia. E così intanto si viaggia su un doppio binario: succede ad esempio che chi oggi ha una carta di soggiorno rilasciata in Italia può andare tranquillamente a lavorare in Austria, ma il percorso contrario non è così semplice.
L'Italia non ha ancora adeguato la sua normativa alla direttiva europea. Secondo il Testo unico sull'immigrazione la carta di soggiorno viene infatti rilasciata solo dopo 6 anni di residenza regolare e chi l'ha ottenuta in un altro paese Ue può venire in Italia solo per motivi di turismo. Se vuole lavorare deve comunque tentare la lotteria dei flussi.
Rivolgendosi a un tribunale, è però possibile far applicare anche in Italia, caso per caso, quanto previsto dalla direttiva europea. Vediamo come.
In tribunale
"Prendiamo ad esempio un cittadino extraue che ha una carta di soggiorno rilasciata in Francia e trova in Italia qualcuno pronto ad assumerlo con tutte le garanzie previste dalla nostra legge per il rilascio di un permesso per lavoro" ipotizza la dott. ssa Miraka. "Quando chiederà un permesso per lavoro alla Questura questa glielo negherà perché secondo la legge italiana deve passare per i flussi. A questo punto il nostro "soggiornante di lungo periodo" potrà presentare ricorso a un giudice chiedendo che nel suo caso venga applicata la direttiva europea".
Ogni giudice chiamato a risolvere un conflitto tra una norma nazionale e una europea è tenuto infatti ad applicare la norma europea, purchè questa sia chiara e precisa e siano scaduti i termini per la sua attuazione. "Questi requisiti nella direttiva 2003/109/CE ci sono tutti, - dice ancora la dott.ssa Miraka - quindi il giudice non potrà che dare ragione al cittadino extraue, intimando che gli venga rilasciato il permesso per lavoro".
Il discorso è valido anche per chi, con una carta di soggiorno rilasciata in Italia, vuole andare a lavorare in un altro dei Paesi che non hanno dato attuazione alla direttiva. Naturalmente dovrà chiedere un permesso per lavoro alle autorità competenti in quel Paese e quindi, di fronte a un rifiuto, rivolgersi a un giudice.
Le controindicazioni? I tempi lunghi e le spese che deve affrontare chi intraprende un'azione legale. In tanti potrebbero pensare che ne vale la pena: secondo le stime della Commissione, in Europa ci sono almeno 10milioni di "soggiornanti di lungo periodo"…
Elvio Pasca

Lo studio Ismu: in Italia 3,3 milioni di immigrati
Rappresentano quasi il 6% della popolazione.
 Albanesi, romeni e marocchini i più presenti. Cresce l'integrazione

Tre milioni e 300mila: questo il numero degli stranieri, compresi 540mila irregolari, giunti in Italia da Paesi a forte pressione migratoria.
Lo afferma la fondazione Iniziative e studi sulla multietnicità (Ismu). Lo studio - contenuto nell'undicesimo rapporto di una delle organizzazioni che più assiduamente segue le dinamiche del settore - mette in luce caratteristiche contrastanti. Gli stranieri si stanno integrando in Italia: comprano sempre più case e il 14% del patrimonio immobiliare del Paese è di loro proprietà. Ma se quei tre milioni e 300mila immigrati rappresentano il 5,7% della popolazione italiana, gli stranieri da soli sono praticamente un terzo (il 32,2%) dei carcerati. Gli albanesi rimangono la comunità più numerosa (con un totale tra regolari e irregolari di 459mila persone), seguiti dai romeni (437mila) e dai marocchini (408mila). Molto staccate le altre nazionalità: 180mila gli ucraini, 169mila i cinesi, 110mila i filippini e tunisini.
"La questione forse più eclatante - commenta Gian Carlo Blangiardo, docente di Demografia all'Università Bicocca di Milano e curatore scientifico del rapporto Ismu - è che il numero di stranieri in Italia si è raddoppiato negli ultimi tre anni. Non sappiamo se il trend proseguirà con tale forza, ma se così fosse l'Istat ha già calcolato che nel 2050 gli stranieri sarebbero più degli italiani. E' chiaro che a tali numeri ingestibili non arriveremo mai, ma attualmente la pressione migratoria rimane molto forte".
L'analisi dell'Ismu sugli immigrati presenti in Italia - che si basa sull'incrocio dei dati dell'anagrafe e di altre fonti ufficiali con quelli di un campione rappresentativo di 30mila stranieri - a proposito delle grandi aree di provenienza evidenzia la netta superiorità degli est-europei che, con 1,5 milioni di unità, rappresentano il 46% del totale. Circa 600mila sono i nordafricani e gli asiatici, mentre sono la metà gli 'altri africani' e i latinoamericani. Tanti i giovani: nel biennio 2003-2005 sono aumentati di 80mila unità all'anno, per arrivare a superare, a gennaio 2005, le 502mila presenze. I titolari extracomunitari di imprese, al 30 settembre 2005, sono quasi 200mila, poco meno del 6% del totale, la maggior parte occupata nel settore delle costruzioni.
Nell'arco degli ultimi cinque anni, anche grazie alla crescente disponibilità delle banche a concedere mutui agli immigrati, l'acquisto di case è più che quadruplicato. L'accesso alla casa di proprietà sembra consolidarsi, tanto da giustificare la comparsa di agenzie immobiliari 'specializzate', gestite da stranieri che si rivolgono ai propri connazionali. Sempre più importanti anche le rimesse di valuta verso i Paesi d'origine: tra il 2000 e il 2004 l'Ufficio italiano cambi segnala una crescita da 749 milioni di euro fino a quota due miliardi. In base a uno studio della Banca mondiale, nel 2005 l'Italia è al settimo posto della lista dei Paesi industrializzati interessati dal mercato delle rimesse.
Intanto l'incremento di studenti stranieri si è velocizzato soprattutto con i processi di regolarizzazione degli stranieri e dei ricongiungimenti: secondo l'Ismu nello scorso anno scolastico erano 361mila gli allievi extracomunitari. L'Albania, il Marocco, la Romania, la Cina e la ex-Jugoslavia (le cinque nazionalità prevalenti negli ultimi anni) raggiungono insieme il 51% del totale di alunni con cittadinanza non italiana. La criminalità. A giugno 2005 i detenuti stranieri In Italia sono il 32,2% dell'intera popolazione carceraria: 19mila su 59mila. Gli stranieri denunciati per cui è iniziata l'azione penale, stando agli ultimi dati disponibili, aggiornati al 2003, sono 116.392 su 536.237 denunciati complessivamente in Italia: si tratta del 21,7% del totale (dato che, considerando solo il Nord, sale al 30%). E' il livello più alto mai registrato, superiore di quasi tre punti percentuali a quello del 2002, che si fermava al 19%.
Ma gli sbarchi di immigrati sulle nostre coste sarebbero in diminuzione. Secondo il rapporto, nel 2001 le persone sbarcate e intercettate erano state 20.143, nel 2004 solo 13.635. Sono cambiati anche i luoghi di approdo: nel 2001 le persone arrivate in Puglia e in Calabria sono state rispettivamente il 42% e il 30% del totale. Ma ora gli sbarchi di cui si ha notizia avvengono quasi esclusivamente in Sicilia: nel 2004 il 99,7% dei clandestini intercettati sono sbarcati sulle coste dell'isola, contro il 27,3% del 2001.
"Gli immigrati in Italia sono un fenomeno strutturale che deve essere affrontato senza paure - commenta Vincenzo Cesareo, segretario generale della fondazione Ismu - e che deve uscire dalla logica dell'emergenza, tanto dal punto di vista legislativo, quanto da quello sociale. E' necessario avviare un dibattito, anche a livello internazionale, sui modelli di integrazione: quelli finora adottati, infatti, hanno fallito. Anche perché le migrazioni contemporanee - conclude Cesareo - tendono ad assumere sempre più la configurazione della diaspora, con una comunità transnazionale, etnica o culturale che si costituisce in seguito alla dispersione di un popolo, costretto per qualche ragione ad allontanarsi da una patria nella quale i suoi membri continuano comunque a identificarsi".
 

 

Mantovaninelmondo© 1999-2006
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy