RIDIAMO CON MERLIN COCAI
Accademia Folenghiana di Mantova tel 0376 322303
Testo e disegni di Romano Marradi -copyright-
via Certosini 3 Mantova

Ma torniamo al seguito dei fatti satirici, poich la vacca Chiarina salva e Zambello se la spinge avanti tornando contento verso sua Cipada; quando capita un fattaccio, impensabile, che meglio di tanti altri conferma la meravigliosa fantasia di Cocai satirico: ed bene conoscere il tutto dalle sue stesse parole.
Vaca o cavra... la Chiarina ?
  Vacca o capra... la Chiarina ?
Gh’ na borgada, com’ la dis la Storia,
ciamada la Motela, a mila pas
- poch s poch s - darent a la Cipada:
par nmar ad caslete picolina,
ma granda per grandesa dla campagna.
Na cesa vecia, con di mr a toch,
crada l la gnea d'na rasa tale
da certi fra che sempar i era s
a far i ofisi in dla manera stesa
ch'i fa i todesch da spes in d'i ostarie.
Mi ben so mia 'd sicr con quala norma
l dentar is vives; ma, par cal poch
ch’as pl vardar al bel lsor dal sol,
splendor dla cesa l’era fra Stopin:
l l'ea insegn ai so' fra i precet, ma tti,
par na cosina bona, e gran dotor
in dl’arte lecatoria i dvent.
C’ una borgata, annota ben la Storia,
chiamata la Mottella, a mille passi
- un poco meno o pi - presso Cipada:
per numero di case piccolina,
ma grande per ampiezza di campagne.
La chiesa vecchia, con dei muri a pezzi,
era curata l da un tal razza
di certi frati sempre bene avvezzi
a far gli uffizi nello stesso modo
che fan spesso i tedeschi alle osterie.
Io non so bene, certo, con che norma
vivesser dentro l, ma per quel poco
che al bel lucor del sol si pu vedere,
era splendore in chiesa fra Stoppino:
che lui i precetti aveva dato ai frati
d’una cucina buona, e gran dottori
nell’arte leccatoria s’eran fatti.
D fra, 'd chi bon, perci, ch’i coltivava
al "sacro monastero" dla Motela,
i andava so mia indoa con pas svelt,
mal costum, trotando senza grasia,
a testa in alt vardandos ben datoran,
catif esempi a tanta povra gent.
E intant ch'i 'dr par strada a tapinar,
eco ch'i ved Zambel ch’agh vegn incontra,
con vos e con baston spuntirolando
la sfortunada vaca soa Chiarina.
Al prim di d - che mia parch dispost
in cl'ordan al so' socio 'l sperava,
ma sol par la dotrina e 'l gran stdiar
ch'l'ea sempar mis in dl'arte clinaria-
al pensa 'd combinar na trfa grosa
al poar Zambel, ch'la resta in dla memoria...!
Due frati, buoni, dunque, che curavan
il “sacro monastero” alla Mottella,
andavan non so dove a passo svelto,
trottando senza grazia, scostumati,
guardandosi dattorno a testa in alto,
cattivo esempio a tanta gente grama.
E mentre son per strada a camminare,
or vedono Zambel venirgli incontro
a voce e col bastone spungolando
la sfortunata vacca sua Chiarina.
Dei due il primo - non perch disposto
nell’ordine il suo socio superava,
ma sai per la dottrina e il grande studio
che all’arte culinaria aveva messo -
di combinare pensa un grosso tiro
al misero Zambel, che resti in mente.
E al socio soo l 'gh dis: "O fra Baldrach,
ti ferma i pe: me vi ciavar cla vaca
che cal vilan al mena, gist ades,
chi vers noaltar". Agh rispond Baldrach:
“Ehi. ..amen! mi son pront: saria 'd sicr
fortna grasa e contentesa piena
s'la nostra pignatona la podes
sorbir in d'al panson na vaca acsita”.
Fra Roch as cava sbit s la vesta,
e 'I par on bei sovnot in giacheton:
ch, senza guarnision, a ben vardar,
t’avresi ti gir che p adat
l l’era a ronca o spiedi bolognes
ptost che a dir la Mesa malament:
la cerga tolta, 'l corp ai gh'ea 'd sold.
Baldrach, alora, in mesa a frasche fise
as loga l davsin, com'i era intes
da combinar par na risida bona.
E al socio suo lui dice: “O fra Baldracco,
tu ferma i piedi; io voglio aver la vacca
che quel villano mena, proprio adesso,
qui verso noi”. E Baldracco gli risponde:
"Ehi...amen! sono pronto: ch sarebbe
fortuna grassa e contentezza piena
se ben la nostra pentola potesse
sorbire nel pancione una tal vacca !"
Fra Rocco, svelto, cavasi la veste
e sembra un giovanotto, col giubbone:
ch, senza guarnizioni, a ben guardare,
giurato avresti che lui adatto pi
era alla ronca o a spiedi bolognesi,
piuttosto che a dir Messa malamente;
tonsura tolta, il corpo avea d’un fante.
Baldracco, allora, tra le frasche fitte
l presso si nasconde, come intesi
eran di fare per riuscita buona.

Chiarina capra o vacca ?
Fra Roch, invece, 'l va con gran premra,
come 'n borghes qualnque, da Zambel:
"Birbon vilan", al dis, "in doa tapinat?
e a chi cla cavra 't meni?". E a l Zambel:
"Na cavra? cosa disat! l' na vaca;
ch'at vegna 'n cancar, l' mai stada cavra".
Ma Roch l' pront a dir: "Ma l' na cavra...!
Ti, caro 'l me vilan, t' trop bev".
Rispond Zambel: "Ti s ch'at gh','d sicr,
la vista 'n po'sguersina, che na cavra
at vedi al post dla vaca mia Chiarina".
Per fra Roch al sbraia di ps:
"Ch'at vegna 'n cancr 'in di oc ! ma l' na cavra,
Fra Rocco, invece, va con gran premura,
come un uomo qualunque, da Zambello:
"Villano birba", dice, "dove vai?
e a chi meni la capra?". E a lui Zambello:
"Tu dici, questa capra? ma una vacca !
Un canchero ti venga...mai fu capra”.
Ma Rocco pronto a dir: “Ma una capra:
tu, caro il mio villano, hai ben bevuto".
Zambel risponde:"Tu, di certo, hai
la vista un po’ guercina, ch una capra
al posto vedi di Chiarina vacca".
Per pi forte grida frate Rocco:
"Ti venga agli occhi un canchero... una capra,
t'al dighi mi!". Zambei al parla s-cet:
"Ti metat in s'al nas i ociai, mi dighi:
sta atenti che mi ades conosi mia
s'l' vaca questa o cavra! La gh'ha mia
la barba cme le cavre questa chi:
cagar l't vista del borele dre?
La cavra la gh'ha mia nisna coa...
invece questa chi la gh'l'ha longhina;
e mia po' -b- la fa quand le la vosa,
ma -b-, sol -b la dis, -b b-, -b b-..."
"Ma l' na cavra", 'l dis fra Roch; "difati
la gh'ha i cornin, e po ti 't gh' ras
la barba, certo, e par dadr tac
na gran coasa". "Ma son mia 'n barber",
al dis Zambel, "e mia 'd rasar son bon
na vaca mai, ma sol ad monsar ben".
lo dico io". Zambello parla schietto:
"Gli occhiali al naso mettiti, ti dico:
attento stai, che adesso io non conosco
se vacca questa, o capra! Lei non ha
la barba delle capre, questa qui:
cacar l’hai vista delle biglie dure?
La capra non ha mai nessuna coda,
invece questa qui ce l’ha lunghina;
e poi non - b - lei fa vociferando,
ma -boo- sol -boo- lei dice, -boo-boo-boo-".
"Ma una capra", dice frate Rocco: "infatti
ha ben le corna, e tu le hai poi rasato
la barba, certo, ed adattata dietro
una gran coda". "Ma non son barbiere...",
Zambello dice: "e per rasar non valgo
giammai una vacca, sol so munger bene".
"Ma andema...sta mia dir tetar na vaca",
ribat fra Roch; "ptost, so monsar ben
sta cavra chi". "Ma dighi mia bosie...
l' la Chiarina vaca", 'l dis Zambel.
"Ma andiamo...di tettar non dir la vacca",
ribatte Rocco: "munger so, piuttosto, questa
capretta". "Ma bugie non dico",
Zambello dice: “ la Chiarina vacca...!".
Fra Roch al tira 'n mocol, pran rab:
"Gha stet, ades, sta vaca toa a sgar,
come t'la ciami ti, contra i me sc,
ben ot ? Ch'l' le 'd sicr na cavra vera
vt ti scometar?". E Zambel: "Ma s,
a gha scometi: tira fra i besi:
s’as pl proar ch’l’ propria mia na vaca
sta vaca chi...mi sar p Zambel...
e le la sar p Chiarina vaca:
e ti t’avr na cavra guadagn...
se propria questa l’ Chiarina cavra!".
"A son content dalbon", al dis fra Roch;
"ma chi decider sta gran quistion?
Toh, varda, a riva 'n fra: l 'l pl decidar".
Baldrach al gneva fra gist dal bosch,
sicome par robar na volp tacagna
la sbsa in da 'n poler da polastrin:
con tanta gravit - 'n santificetor
al par infina - al va vers la cit
col so' sportin ch'agh casca d’al galon.
E quand cal socio l' davsin, il ciama:
"Ehi, Padre! 'V dispias mia le vostre gambe
da sta part chi indrisar, se i fra - l' vera -
i inamor dla Santa Carit?
Fra Rocco tira un moccolo, arrabbiato:
"Ci stai a giocarti adesso questa vacca,
come la chiami tu, contro i miei scudi
ben otto: ch’ una capra vera, certo,
vuoi tu scommetter?". E Zambello: "S,
ci sto a scommetter; tira fuori i soldi:
ch se si pu provar che non vacca
or questa vacca, io non sar Zambello
e lei non sar pi Chiarina vacca:
e tu una capra avrai ben guadagnato...
se proprio questa la Chiarina capra".
"Davvero son contento", dice Rocco:
"ma chi decider questa questione?
Toh, guarda. ..arriva un frate: lui lo pu".
Baldracco arriva giusto fuor dal bosco
siccome scaltra volpe per rubare
s'insinua in un pollaio di pollastri:
con tanta gravit - un "santificetur"
persino sembra - va verso citt
con lo sportin che casca dal suo fianco.
E come il socio gli vicino, chiama:
"Ehi, Padre: non vi spiace qui drizzare
Ie vostre gambe, poi che i frati - vero -
di Santa Carit sono invasati?
D chi 'n gidisi gist, parch la lit
l' certo mia da poch: chil 'l s'ostina
che questa che l 'I mena mia na cavra
ma ben la sia na vaca; 'l giura acs;
la Vostra Riverenza cosa disla?".
Rispond Baldrach: "Gh’ mia da dbitar
ch'la sia na cavra: al la diria anca n'orb!
E ti, povret, a dir t'at s ostin
ch'l' vaca ades sta cavra? Ma va l...
ch'at s 'n po' mat ! t anca quel scomes?".
E quel al riferis: “Ema sg
ben ot monede d’or contra sta vaca".
E a l Baldrach: "Al giudice son mi:
la cavra t'l' s persa". E acs Zambel
l' rest sensa la Chiarina cara,
ch'i fra in convent is porta a la Motela.
Un parer giusto date, ch la lite
non da poco: questo qui s'ostina
che questa che conduce non capra
ma sia ben una vacca: cos giura.
La Vostra Riverenza cosa dice?".
Baldracco afferma:"Non c’ dubbio alcuno
che sia una capra, lo direbbe un orbo.
E tu, meschino, a dir ti sei ostinato
che vacca questa capra? Ma va l...
che sei un po' matto; ed anche ci hai scommesso?"
E quello riferisce: "Abbiam giocato
contro sta vacca otto monete d’oro"
E a lui Baldracco:"Il giudice son io:
la capra l'hai gi persa". E allor Zambello
rimasto senza la Chiarina cara
che i frati al Chiosco portan di Mottella.
Cos per Zambello Chiarina vacca di nuovo perduta, e questa volta definitivamente portata al Convento di Mottella. E avr ben voglia Cingar, subito informato, di correre con Zambello a quella “santa sede” unitamente a prete Copino, un altro poco di buono di cui Merlin Cocai descrive con dovizia di particolari il comportamento indecoroso, nell’ignoranza pi profonda delle pratiche di Chiesa: troveranno s la vacca, ma gi cotta intera allo spiedo, divorata dai molti frati in festa seduti al lauto banchetto; e pure i nostri ospiti inattesi godranno del gusto squisito delle carni rosolate a dovere, e lo stesso Zambello confermer soddisfatto di non aver mai mangiato una carne pi buona."Ma dov’ Chiarina?”, si ricorder di insistere alla fine nella sua solita incomprensione: per cui toccher a Cingar concludere l’episodio: le ossa di Chiarina verranno sepolte nel pantano del lago perch lei possa poi tornar viva come vacca vera, da capra in cui era stata trasformata. Ed a questo punto il poeta, per finire opportunamente da buon filosofo, ci tramanda il bell’epitaffio in versi inciso sulla sua tomba: ch immagina siano le sue stesse parole:
"Mi stimi poca roba d’esar stada
Vendida da cal Singar furb e fals
par ben do volte: e gnanca se ho cib
col me cicin pran bon di fra sfrat;
na roba sol, invece, la 'm rincres,
ch'al m'ha tegn cavesa on matrlan.
E acs voaltar, om mortai, ptost
piansiv parch guid da 'n capo mat,
pus che s'a perd la vita dolsa".
"Io stimo poca cosa essere stata
venduta da quel Cingar furbo e falso
per ben due volte: e neppun se ho cibato
con la mia buona ciccia frati indegni;
una sol cosa, invece, mi rincresce,
che m’ha tenuta al laccio un gran balordo.
Voialtri, dunque, uomini mortali,
piangete perch in preda a un capo matto
p assai che a perder questa dolce vita.
Di fronte a questo sommo principio, a noi moderni non resta che lamentare come tanta saggezza del nostro conterraneo sia stata nei secoli troppo spesso assolutamente trascurata. Cosa alla quale si pu cercare di ovviare convalidando i suoi sani principi con l’analisi dei termini mantovani maccheronizzati, particolarmente scelti dal poeta per caratterizzare al meglio le fasi del racconto: perch egli doveva essere molto convinto dell’efficacia della sua parlata dialettale, tanto che se ne serv anche per forgiare epiteti grotteschi per i componenti della strana comunit di quei frati, edotti soltanto, asserisce Cocai buongustaio, in "praecepta coquinae", ossia in precetti di cucina, in qualit di "magistri lecardiae", vale a dire maestri in arte leccatoria.
"Baldracus", maschile da baldraca, ossia mestatore;
"Scapocchia" da capocia, testa matta: vale a dire scapestrato;
"Marmotta":dall’aspetto della marmotta si ricavato il detto, ancora in uso: facia 'dmarmota, cio tonto;
"Schirattus" da schirat, scoiattolo: come dire lesto di mano;
"Tafellus", da taf, nel significato di atto maldestro, detto di un incapace;
"Bisbaccus", da bisbocia, scorpacciata: come dire mangione.
Come termini comuni troviamo poi
"capuzzo" da caps, il cappuccio di fra Baldracco;
"gaioffam", proprio da gaiofa: il tascone a tracolla di uno dei due lestofanti;
"biassat" da biasar: Cingar sparla tra i denti come biascicasse;
"gucchiet" da gciar: agucchiare, una attivit dei frati in convento;
"marangonus" come marangon, cio falegname;
"smiollat" da smiolar, succhiare il midollo dall’osso, come fa un frate ingordo;
"ventronis" da ventron: il grosso ventre dei mangiatori gi sazi;
"putellae" da ptele : ragazze giovani: sono le Driadi venute ad onorare Chiarina;
"recressit" da rincresar: il rincrescimento di Chiarina morta.
"catarant” , da catar, trovare: Zambello e la Lena si trovano senza soldi;
tacono” da tacon; qui per rappezzato, ossia malconnesso, per dire di Zambello;
"goiolo”da goiadel, ossia il pungolo per stuzzicare la vacca Charina;
"biolcus” da biolch: Zambello bifolco;
"brettam” da breta: la berretta di Cingar travestito da Sadoch.

--precedente---------continua....--
Il prof. Marradi  oberato di impegni, ha sospeso gli articoli  dedicati al Merlin Cocai.
  Visto anche il poco interesse dei lettori per questa rubrica la sospendiamo, anche se solleciteremo il prof. Marradi  a fornirci nuovi testi da inserire 

Testo e disegni di Romano Marradi -copyright-
Mantovaninelmondo99-2000
liberatiarts