SCRITTI

Pubblichiamo (tratto dal sito www.a-mantova.com) uno dei pi famosi  sonetti in uso tra i mantovani delle generazioni precedenti e dedicato a Sant'Antonio. Questo l'originale, tratto da "La Musa Paisana con li fransi"  II edizione datata 1937 in cui sono raccolti numerosi scritti del sacerdote Don Doride Bertoldi al secolo Anfibio Rana. Questa poesia entrata nella tradizione popolare ha subito, a seconda della zona o del singolo paese, mutazioni dovute alla diversit della pronuncia e dei significati delle parole dialettali in essa contenuta. Rammentiamo che Don Doride Bertoldi ha scritto questo sonetto nel 1913 e che fu pubblicato in una prima edizione nel 1923 di cui riportiamo alcuni passaggi della prefazione di Em. Filiberto Martini:
"
Nella feconda rifioritura della poesia dialettale italiana, un posto cospicuo tiene la provincia di Mantova, per merito, sopratutto di D.Doride Bertoldi, al secolo Anfibio Rana. Gi prima della grande guerra europea egli - timidamente- tal la sua umilt e la sua modestia, aveva fatto capolino con qualche semplice, breve poesia che trov subito favore grandissimo nel popolo, il quale seppe apprezzare la vena facile, naturale, vivace; ed alcune, furono mandate a memoria e declamate nei vari ritrovi, come lieto intercalare ed allegro passatempo...."

per il lettore:
manca la Z - mancano le doppie - manca l' U toscano  - l'U corrisponde all'U francese o lombardo. l' corrisponde all'eu francese.

Sant'Antoni Chisolr

Sant'Antoni Chisolr
che ai darst al vegn da sner,
ecol chi coi so regai
coi so solit animai.

Con on fred, voi dir da can;
come quasi tuti i' an,
col vent d' sora, o col garbin,
Sant'Antoni dal porslin

In sli pianti gh' la brina,
e li stropi li s'ransina
in di fos s' fat al gias
e la nef la casca a stras,

Sant'Antoni, da la barba,
ai Mantvan l' 'n sant ch'agh garba
par fagh festa in piasa e in Cesa
spl dir fort, ch'in bada a spesa.

A Campdel, al Bondanel,
a San Iacom, a Quistel,
Sant'Antoni Chisolr
ch'al festegia j' i caser.

Sant'Antoni ! Cal formai
tgnil lontan da tuti i guai,
dal tarl e dal scapin,
Sant'Antoni dal gugin!

Si da brao. E sti porsei,
Sant'Antoni, fei gnir bei;
fe chi vegna du quintai
Sant'Antoni, sti' animai !

In dal giorn' ad Sant'Antoni
na s' laora gnanch pr'insoni
che i festegia al Protetor
dle so bestie i nostar sior !

Se da far qualcosa gh' resta,
s Domenica l' festa ;
ch' a n' gh' festi n bon d
par cert sior ai nostar di.

E i gh' impisa al lantarnin
la dadnans al quadartin,
ch' a na sbrusa stala e fnil
e poler forn' e porsil.

Oh ! ai padron la gh'prem la stala;
mal da guai se 'l pret al fala
d'benediragh al bestiam
al na 'l cuca cal salam !

Per tanti i gh' l' inpromet
al curat e a l'arcipret ,
ma in da gnent , chi rasa d'can
tant' ai pret che ai sagrastan.

E ch'al fola chi stradei,
par amor da chi porsei
da cl vachi, da chi b
e po dop, in ultim t

Fa da sn e da burat
e t l'asan , sior curat;
che salam !!! ma gnanca msuri;
t 'l codghin dli rascaduri !.

Ma per, pensandagh' a sora
a mi 'm par chi s' disonora,
si 'l fa sol par l' intares,
e i fa senpr' ala pu pes !

Predicava in dal desert
Sant'Antoni a bras' avert
a le bestie ch'ial scoltava
e nisuna la parlava.

Al leon al sia prudent
pu prudent ch'a n' 'l serpent
e ti lof, chi pigorin
lasi star, set ? poarin ?

Ti , sfaciada d' na siveta
con ch' jocion , sta bona chieta ;
e le bestie, cm i demoni,
j' obediva Sant'Antoni.

E i' agnei i tosa adr
i ia scordga fin ai pe,
fin la miola i gh' ciucia d'ios
quand i pl, chi brut balos !

Sant'Antoni Chisolr
l' riv ai darst da sner
con i solit soi regai
coi so solit animai.

 

13 gennaio1911.

Stampa la il testo

Mantovaninelmondo 1999-2005
All rights reserved
liberatiartsMantova Italy