Parrocchia Sacro-Cuore 
Repubblica Democratica del Congo

SHABUNDA lì 15/11/2002


Carissimi,

Da oltre un mese e mezzo sono isolato senza possibilità di comunicazione fatta eccezione di una radio ricetrasmittente con la quale comunico ogni giorno con i miei confratelli di Bukavu. I Mai Mai, infatti hanno preso Shabunda abbandonata dalle truppe dell'RCD. Siamo rimasti soli due giorni, molta gente era gia scappata per evitare le rappresaglie dei MaiMai, i quali da oltre due anni desideravano prendere la cittadina di Shabunda. Tutta la popolazione si è riversata alla missione! Ho inviato dei messaggeri con delle lettere per calmare la rabbia dei nuovi che oltre il fiume cominciavano a sparare. Finalmente alle cinque del mattino sono entrati senza molestare, sparando solo alcuni colpi. Le lettere inviate hanno fatto presa su di loro: i capi sono venuti immediatamente alla Missione, abbiamo parlato a lungo e mi hanno detto che senza quelle lettere avrebbero fatto disastri poiché pensavano che tutta la popolazione era R.C.D. Grazie al cielo quegli scritti li ha calmati ! I giorni seguenti ho avuto molto lavoro per fare mediazione tra la popolazione e le intenzioni dì vendetta dei Mai Mai soldati semplici che entravano in massa a Shabunda con la voglia di rubare e saccheggiare. I loro comandanti hanno collaborato bene nell'imporre una certa disciplina! E' per questo che non potevo inviarvi notizie dalla mia Missione. La situazione era molto tesa e gli aerei non arrivavano. Oggi solo un aereo dell'ONU è arrivato per discutere sul problema dei Rwandesi Hutu ancora dispersi in foresta e armati al servizio dei Mai Mai. Per questo approfitto per farvi arrivare alcune notizie! La situazione ora è disastrosa: la popolazione gia provata dalla fame deve anche mantenere tutta una marmaglia di Mai Mai:oltre 1400 soldati. Sale, sapone, zucchero, insomma tutto manca! Non so più come mantenere e organizzare gli aiuti. Ho parlato con l'ONU, ma il loro intervento si fa desiderare, sembrano che non comprendano la gravità della situazione. Siamo tagliati fuori da ogni punto di rifornimento. Le medicine mancano e questo rende la situazione tragica! A tutti voi che continuate ad aiutarmi, mando ancora questo grido d'allarme! Moltiplicate i vostri sforzi! Il Signore ci da la forza di restare con questa gente martoriata, tutti gli organismi se ne sono andati! Dateci una mano! Occorrono tanti mezzi per aiutare un territorio vasto come la Lombardia! Dovreste vedere la gente che esce dalla foresta, bloccata da oltre 3 o 4 anni! Dovreste sentire la loro testimonianza di come sono stati sfruttati, torturati e derubati di tutto. Qui i Mai Mai si sentono controllati dalla nostra presenza ed è per questo che evitano di fare sciocchezze! Carissimi, non so come ringraziarvi! Non so cosa chiedere al Signore per voi! Non so se per l'occasione della festa di Natale posso ancora scrivervi: per questo vi mando gia da ora tanti auguri di Buon Natale. Che il Signore vi faccia vedere in quel Bambino nudo di Betlemme, la mia gente!
Con l'affetto di sempre!


                                                   Padre Giampietro Valente


lettera precedente

Mantovaninelmondo© 1999-2002
All rights reserved
liberatiarts©Mantova Italy