Dai Lettori     

Scritti

Riceviamo  (abbiamo omesso l'indirizzo per la privacy se volete mettervi in contatto con l'autore inviate una e-mail al webmaster che la girer all'interessato) e pubblichiamo :

Il mio nome Antonio Gabriele Fucilone e scrivo da Roncoferraro, in provincia di Mantova. Ho consultato il vostro sito e devo dire che ci sono delle cose molto interessanti. Vorrei esprimere un parere sul concetto di "difesa della mantovanit !" A mio modo di vedere, il miglior modo per difendere la tradizione letteraria, quella culturale e, perch no, quella gastronomica di Mantova e della sua Provincia sta nel proporle nelle Scuole ed in vari eventi mondani, come le feste in piazza e vari eventi pubblici! Molto spesso si ha l'impressione che la cultura mantovana (come altre particolari del resto) tenda ad arroccarsi su s stessa. Questo pu essere deleterio!
Credo che, senza snaturarsi, la cultura mantovana debba proiettarsi nel futuro e confrontarsi sia con la cultura prevalente di quel determinato Paese in cui si trova (uso questa espressione perch la vostra un' associazione che raccoglie anche i mantovani emigrati all'Estero) e sia con le altre realt dialettali dell'ambito italiano, comprese quelle della Corsica che da un punto di vista culturale una regione italiana! Credo che solo un dialogo serio possa salvare la tradizione mantovana che di per s nobile! Concludo dicendo che la vostra una buona opera e vi omaggio con una mia poesia, pubblicata sul quotidiano "La Voce di Mantova".  Essa stata composta alla memoria di un professore delle Scuole Superiori a me caro, Massimo Zini, che si spense dieci anni fa, e a quella della signora Soriani Morena, madre di un mio vecchio amico, che un anno fa venuta anch'ella a mancare. Questa poesia esprime una "mantovanit diversa", per via delle mie origini e delle mie esperienze personali. Infatti, in essa vi sono parole siciliane, in quanto sono di origini siciliane per parte di madre, parole corse e mantovane!
Tre dialetti che coesistono con un lessico di tipo medievale!
Ora porgo i miei saluti!


ANTONIO GABRIELE FUCILONE
RONCOFERRARO (MANTOVA)

 

U CANTU DI LA MIO MANTOVA

Questa...comu Diu vuliti...h la mio Mantova!

S...questa h la Mantova de lu Cavaleri,
di Custantinu mpiraturi et di Sphrantzes...lu so amicu,
di Castrensis, di Lullo, di Rhazes et de li so penseri...
et h di San Gabriele et de lu prufissuri Zini...
et di Calacuccia Maria Felice...ch nt voceru...duci duci...
com a sente s h ora...a cant avissi...in questa vuci:

D una razza cus grande
Lasci solu una surella,
Senza cugini carnali
Povera, orfana, zitella.
Ma per f la to vindetta,
Sta sicuru, basta anch ella.

Ch finiti ellu...viulente cosa...si n fubbe puru in li so natali...
cantu questu...cantu di duluri s avara a fari...cuntru lu mali...
s p questa citt...ch puru h una rosa...
induve sente possu...quandu nesciu...
ch la so robba vnni nt ghjornu...lu piscaturi...
et ch chjama quella comu ps, pisci o pesciu...
invero nt cori...eiu...un pocu di Mantua et un pocu sicilianu...
com un pocu corsu...comu puru staci lu cantor Vinizzianu:


Non xhiamma ordinaria, no, la mia
xhiamma chi sul iu tegnu e rizettu,
xhiamma pura e celesti, chardi n mia;
per gran misteriu e cu stupendu effettu.
Amuri, ntentu a fari idulatria,
s ha novamenti sazerdoti elettu;
tu, sculpita ntra stalma, s la dia;
sacrifiziu lu cori, ara stu pettu.


Ma n h la Mantova siciliana sulu...comu lautra dotta...
comu sulu quella dmini grandi...et quella corsa,
ch puru di Virgiliu et de la signura di Canossa,
di Sordello et de li Gonzaga, de li Soriani et de li Norsa,
quella staci...comu puru a le Porte di SantAndria,
ch a li zitelli onne jocu ci duna, Santa Lucia...
a cant...in questa splendida meta...
puru h Quarenghi...lu cantor et pueta:


Santa Lsia di ptin...
ch at porti bi bilin...
v in sta c da puvret...
ch at spta al me ptlet.

S preg pudaria, com in Tindari et in Calvaruso,
la Maronna...in Grazie, un pocu fora, comu nt cattidrali...
induve h Sant Anselmo...com in Campana et in Murriali...
com in Bastia, lu Cristu Negru, o in Aiacciu
eiu, un pocu supranacciu et mantuan puru...et d Abruzzi,
un pocu missinisi et un pocu suttanacciu.

 

Ho solo espresso un parere sulla questione dei dialetti e del rapporto tra queste realt letterarie ed il mondo attuale.  Questo mio parere frutto della percezione che ho in merito alla situazione del dialetto.
Qui nel mantovano, in cui sono nato ed in cui vivo, noto che c' un certo declino del vernacolo che si sta riducendo sempre di pi ad una "realt di nicchia", limitata a pochi! Di per s il dialetto un modo di esprimersi particolare ed una peculiarit del territorio in cui si trova.  Oggi, per, sembra che il dialetto vada scemando con il passare delle generazioni. Anzi, noto che questa tendenza sempre pi marcata tra noi giovani. Uso la prima persona perch anch'io sono tra questi, dato che ho ventotto anni.
Per questo motivo, vorrei fare notare che sarebbe giusto che associazioni come la vostra o come il "Fogolr" o la "Filarmonica di Formigosa" o come tante altre interagissero di pi sia con le istituzioni e sia con la gente comune e che riproponessero il dialetto in un contesto nuovo, senza snaturare la sua genuinit e tutto quello che gira intorno ad esso. Il dialetto un patrimonio e pu dare un arricchimento. Ad esempio, io, per hobby, compongo delle poesie che pubblico sul quotidiano "La Voce di Mantova". Premetto, io non faccio poesie dialettali e n su tematiche legate al territorio ma di "stampo medioevale" e basate su ricerche e bagaglio culturale individuali. Ultimamente, ho introdotto nelle mie poesie termini del dialetto siciliano (che conosco) e di quello crso, che sto cercando di apprendere, perch derivante dal calco dell'italiano medioevale. Ritengo che questi due dialetti mi abbiano arricchito perch usandoli ho potuto capire molte cose. Ad esempio, ho imparato a curare meglio gli accenti e la fonetica, anche nell'italiano. Ho imparato anche a conoscere meglio una realt territoriale come quella della Corsica. Quindi, i dialetti rappresentano un patrimonio che va riqualificato. Questo vale per il mantovano, per il siciliano, per il veneto, per il crso e tutti gli altri vernacoli.
Vi faccio leggere altre mie poesie, delle quali una (quella intitolata "PREGHIERA IN MONTESIEPI") una preghiera in cui ci sono molti dei personaggi che ammiro come San Michele, il Gran Maestro dei Templari Jacques de Molay, l'imperatore bizantino Costantino XI Dragazes Paleologo, il re d'Inghilterra Carlo I Stuart, Paracelso, Papa Giovanni Paolo II e tanti altri, tra cui il calciatore dell'Inter Nicolas Burdisso, che inserito in questo "novero" per la sua vicenda umana e per il modo in cui l'ha affrontata, e due miei cari amici che si chiamano Elena Bosi ed Andrea Bravaglieri.
In quella intitolata "L'ISTORIA DE L'ALCHIMIA ET DE L'ARTI CHIMICHE" c' un riferimento alla "TAVOLA SMERALDINA" di Ermete Trismegisto.
Segnalo, inoltre, che il giorno 01 marzo ci sar una commedia dialettale presso la Sala di Capi di Barbasso, frazione di Roncoferraro.
Essa patrocinata dalla Pro Loco e dal Comune di Roncoferraro ed fatta dalla "Filarmonica di Formigosa", a ricordo di Soriani Morena.

 

MEMORIALE DE LAPPRENDISTA DI ROSSLYN


Com eiu nsunnai...eiu nt travagghiu fici!
Fubbe Diu...lo Babbu Nostru...questu a dare a me nsunnari...
per de locchi fare maraviglia et lo core ntamari?

Si fussi...s nt ghjesgia di Rosslyn...de lo Signuri...
ch Unu h et Trino...et mio n sara questa culonna!
S...s scunvintu...ch vole Ellu cunnosce a nuatri piccaturi...
so la putenza fare et larti com a li Santi et a la Madonna!

Ch sii...com eiu nicu a locchi di Diu...l mo...
pio...a pruv Ellu a cercare per s et so cari...
in questa petra, pagana in parere, come lo mari...
s nt cianta...intra lo tortile...com un filare...pria...
per lo vinu fare nt Misteriu! Com in Mantua SantAndria!

S...ibi pure h...ch nt morti...per nuatri salv...
s nt nostra mano, ch lorda h tanto, port so Figghiu...
et per Pascha poscia...ch a cant...
per primu lo Santu Apostulu Matteu...ebbe...megghiu...
si s, di tortile questu, a manghj et la verzura nt pedano...
pure li draghi...ch s contra...invero Ellu, ch n h vano,
com intra li gigli, lo maiz...doru lo granu...et lastri!

Si scrive questu miran li mortali...ch s sacrali...
lo zitellu, lo vechju et li me sodali...
o fratelli...per mio lanima nt Rusariu...sanu...
et per la mio ghjuvent invero...intra sego et incensi...
ch mondo questu lassari puonno...et me martoriu...
come s sicuru eiu...sar nt nvidia!

S...peggiu...de lo Nfernu...ch faci nimicu...
h questu piccatu et tristo assai...pure nt core...
et per vezzo invero...cangiando onne amicu!

 

L ISTORIA DE L ALCHIMIA ET DE L ARTI CHIMICHE


Verum, sine mendacio certum et uerissimum,

quod est inferius, est sicut quod est superius,
et quod est superius, est sicut quod est inferius:
ad perpetranda miracula rei unius.
Et sicut omnes res fuerunt ab uno, mediatione unius;
sic omnes res natae fuerunt ab hac una re,
adaptatione.

Mirallu! Poti s ellu, lo maestru Ermete, cola scientia
ch scrive su lo berilliu...fici una Tabula...di so putenza...
ch Diu ci dette...invero a purt nt nostra conscientia...
come nt Palora mover la natura et in cunniscenza?

Pater eius est Sol, mater eius Luna;
portauit illud uentus in uentre suo:
nutrix eius Terra est.
Pater omnis telesmi totius mundi est hic.
Vis eius integra est, si uersa fuerit in Terram.
Separabis Terram ab Igne,
subtile a spisso, suauiter cum magno ingenio.

S...ellu, ch grande tre volte...come nt nomina fubbe,
pur si Diu n ebbe cunnusciutu, da lIndia...a Roma,
da la Terra di Qin...a lAggittu et a la Grecia mosse...
et co li Saraceni...et co li Santi Albertu et Tumasgiu...
et co lo fratellu Ruggeru et dAurillac lo Papa...
per lEuropa...de lo Creato la scientia a dare...
et intra lo focu...lo jancu a vena in russu...in largasa...
et lo mito...ch s fici per la Terra...Alchimia!

Ascendit a Terra in Coelum, iterumque discendit in Terram,
et recipit uim superiorum et inferiorum.
Sic habebis gloriam totius mundi.
Ideo fugiat a te omnis obscuritas.
Hic est totius fortitudinis fortitudo fortis:
quia uincet omnem rem subtilem,
omnemque solidam penetrabit.

Co lo corvo su la citt di Pragauno cignu et una finici
a vul ebbenu...ch nt Oriol...loru nt Suli...
come nt Luna...larghjentu...fubbe et in li sculi...
quindecesimu et sedecesimu...per Rodolfu mpiraturi...
co lo parrinu Dee...in San Paulu...ch come langhjuli...
de la ghjesgia nt Rivilazione ci rumpu lugghia...di sonu...
una saetta...per raggia di Diu forse...co lo tonu!

Sic mundus creatus est. Hinc erunt adaptationes mirabiles,
quarum modus hic est.
Itaque uocatus sum Hermes Trismegistus,
habens tres partes philosophi totius mundi.

S npur si errante et in piccatufussi stata questa ghjente,
co lo Prince di Sansevero, Cagliostro et li Rosa Croce,
saranu larciprete Rubertu...et Antone Lavoisier...
et Brnsted ibiet Bohr? Si no...me sara vive atroce!

Completum est quod dixi de operatione Solis.

Questa h la Chimicad Alchimia figghia
et de lo sap...ch me lo core pigghia...
a te questu lassari vogghiu...o caru amicu...
quandu scauzu saraghju...su lo carrughju...
ch si n fussi quella...fari n pudarii tu...pur lo casgiu...
et sarai s invero nt bughju!

S...quandu staci nt pensier Ignorantia...
questu h...ch mirar n faci...et cunnosce...
Diu a lmo...et n Sanit et n Sperantia.

 

PREGHIERA IN MONTESIEPI

De la spada vostra...ch nt petra...Sancta una Cruci,
com induve questu facistu, in tagghiari, et ibi iarda,
ch venerato sete et nt Luci,
o bon Galgano, dolze s et gagliarda,
per il Verbo...fo s a voi la chiesta!

Com a Michele, di Diu Ghjustu et Anghjulu,
Patrozzu...ch fubbe vostru...per lOgghiu Novo, nt Seculu,
come ghjuvent...ch nt vita vieta vostra n vada...
eiu...questa a voi...nt voluntati movo...come, per di palluni lomo,
Nicolas, ch da mali in battere fora so figghia mise,
da ibi in Montesiepi, induve sete, a la Cicilia...et fora,
et...si vole Diu Nostru...a mio la Pruvincia...ora!

Orate...o divoto! Orate...per me cor...a Candileri,
per mio la famigghia...et Elena et Andria, me sodali...et me fratelli,
per il Giussano...et magno lomo de nostri cavalieri,
per lItalia et Benedettu Papa...et il Curato Ferrari...
nt Cumuna di Roncoferraro pria...et ora di Moglia parrinu,
onne ghjornu et sempre per Pane et Vinu!

Per, so babbu, Carlu r et Maria, so avia, captiva nt cast,
per Maria Beatrice, so mugghiere, et Ghjacumu...pure r,
per Ghjuvanni Paulu Papa et i Martiri dIspagna,
per Bessarion Basiliu et basilei ultimi Michele et Custantinu,
per Paracelsiu et Eduardu doctor Jenner, sanza lagna...
et sanza straziu...come per di Loyola Gnaziu...
et per dAbruzzi Gabriel et lAnime tutte...Diu supplicate!

Per Cristu...da la Pruvincia vostra, come ch vide...
per f bona protegĕre...de Paleologi, basileus Manuele,
da Siena et da la Toscana...per le genti et lAnghjulu Michele,
ch perfidi misero viddanu et furgiaru, come piccaturi...
in Costantinopoli...i Turchi portaron et in Otranto duluri,
di coloro, ch sanza Diu, ch de l Tempio Surdatu Maestru,
di Molay araldo Ghjacumu, nt focu...come lo Nfernu arsero...
peggiu assai...fubbenu...di Livornu elli et di cor infero,
di sangue russu...ch fici la chiazza...il drappo voi levate!
Amen.

ANTONIO GABRIELE FUCILONE RONCOFERRARO (MANTOVA)

                                                                                                                                         .... Continua

Mantovaninelmondo99-2008
 liberatiarts