La Legge Regionale 35/96 stanzia 17 miliardi di lire per il 2001
 
Contributi per le Pmi (Piccole e Medie Industrie)  lombarde che operano sui mercati esteri
La Regione Lombardia ha stanziato per l’anno in corso 17 miliardi di lire a favore delle aziende lombarde che operano sui mercati esteri. Gli operatori con l’estero potranno fare richiesta a valere sulla Legge Regionale 35/96, art. 6 lett. b e c (più conosciuta come misura D2: Sviluppo dell’internazionalizzazione delle imprese). Si possono ottenere contributi a fondo perduto sugli investimenti, sostenuti e/o ancora da sostenere, per avviare o consolidare il processo di internazionalizzazione.
 
Contributo a fondo perduto
Pari al 30% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 100.000 Euro. Le spese relative alla formazione del personale, nonché i costi del personale non possono superare il 20% del totale delle spese ammissibili
Contenuti interventi
1. Realizzazione di accordi di cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica con aziende estere finalizzate allo sviluppo della propria presenza sui mercati internazionali.
1. Accesso agli strumenti predisposti dall’Unione Europea o da altri organismi nazionali ed internazionali a favore della realizzazione di accordi di cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica con imprese estere.
1. Avvio e sviluppo di insediamenti produttivi e di strutture di distribuzione all’estero.
1. Partecipazione a gare di appalto internazionali all’estero.
Spese ammissibili
 Acquisizione di consulenze specialistiche riferite alla predisposizione di accordi di cooperazione e di joint venture con particolare riferimento alla valutazione fiscale, legale-contrattuale, economico finanziaria, progettazione ed engineering, definizione della politica distributiva.
 Viaggio, vitto ed alloggio, traduzioni ed interpretariato sostenuta dall’impresa e dai propri consulenti.
 Predisposizione della documentazione necessaria per la partecipazione alle iniziative di cooperazione disposte dall’Unione Europea.
 Acquisto, costruzione, ristrutturazione, affitto di beni immobili; acquisto di impianti e attrezzature necessari alla creazione e sviluppo di strutture produttive e/o distributive all’estero.
 Installazione e sviluppo di collegamenti telematici tra imprese.
 Predisposizione della documentazione necessaria per la partecipazione alle gare di appalto internazionali.
 Conferimenti come quota di capitale sociale alla joint venture, in denaro o in natura (macchinari, impianti e attrezzature).
 Formazione del personale coinvolto direttamente nell’attuazione di specifici progetti.
Scadenza
Le aziende possono inoltrare le richieste in qualsiasi momento.
Tempi
Le domande sono esaminate dai competenti uffici della Direzione generale industria, Pmi, cooperazione e turismo, per verificare la coerenza dei progetti con i requisiti della legge e valutarne la priorità in relazione agli obiettivi e ai criteri contenuti nella legge. Sulla base dei risultati istruttori vengono disposte, con scadenza trimestrale, le concessioni dei relativi contributi per l’approvazione della giunta regionale.
Consigli utili
Anche se non vi è scadenza per la presentazione delle richieste di contributi, un primo impegno di spesa verrà assunto dalla Regione Lombardia entro il primo semestre. Agli imprenditori che hanno progetti in corso o a breve termine, si suggerisce di inoltrare la propria richiesta entro metà giugno.