CANADA

UN NUOVO CIRCOLO E... UN NETWORK TV PER I MANTOVANI NEL MONDO
Rudy Marcolini (Tele Italia) lancia nuove idee per promuovere Mantova nel mondo

Secondo le voci dell’ambiente, Ŕ la pi¨ attiva delle associazioni. L’A.M.M., Mantovani nel Mondo, sta davvero bruciando le tappe grazie all’intraprendenza del suo presidente Marconciný, grazie alla capacitÓ di coinvolgere con il suo entusiasmo istituzioni e privati cittadini, mantovani e non, in Italia e all’estero. Le novitÓ si susseguono ad un ritmo incalzante: ora si prepara lo “sbarco” in Canada, in grande stile.
Enrico Mýchelini, socio mantovano dell’AMM, parte per un viaggio turistico, ma coglierÓ l’occasione per incontrare gli emigrati mantovani e per creare la sezione canadese dell’Associazione. E giovedl 16 luglio a Mantova Ŕ arrivato Rudy Marcolini, veronese di Montreal e presidente dei Veneti nel Mondo: a spasso per il mercato con la famiglia nelle splendide vie del centro storico, si Ŕ trattenuto con Marconcini e Mýchelini e ha lanciato le sue idee.
Marcolini dirige una stazione tv di lingua italiana nel Quebec, Tele Italia, che attraverso una rete di piccole stazioni raggiunge gli italiani in tutto il Canada.
Il presidente AMM, Marconcini, dal canto suo ha espresso come sempre il desiderio di promuovere Mantova e di aggregare cosi i mantovani sparsi sull’immenso territorio nordamericano: "
Purtroppo siamo gli ultimi a muoverci, i veneti sono molto pi¨ “avanti”. Grazie agli appelli di Tele Italia abbiamo scoperto i mantovani in Canada, ora si tratta di renderli partecipi del grande movimento che sta nascendo”. Un circolo, innanzitutto, una sezione dell’AMM, ma poi l’intraprendenza di Marcolini e Marconcini, cognomi quasi uguali e stessa voglia di fare, si spinge oltre: “Vi metto a disposizione la mia tv, sono sicuro che potrÓ diventare un canale importante per la promozione di Mantova e per mettere in contatto altre persone” ha dichiarato convinto Marcolini. Ed ha ipotizzato uno spazio televisivo, un “rotocalco” di una decina di minuti, realizzato dall’AMM con i suoi sponsor istituzionali e non, da trasmettere periodicamente sul network canadese. Il pubblico certo non mancherebbe “Montreal - ci spiega Marcolini -ha accolto moltissimi emigrati italiani che si sono poi distribuiti sul territorio, molti di loro al seguito dei cantieri della ferrovia transcanadese: oggi Montreal conta trecentomila abitanti di origlne italiana, ma non Ŕ tutto qui. Molti uomini politici, come il ministro dei lavori pubblici, sono italiani”. Negli occhi di Marcolini si legge la gioia di aver trovato un paese giovane e tollerante, in cui, dice, anche un emigrato pu˛ accedere a ruoli di responsabilitÓ.
Partito a vent’anni per il Canada, Marcolini ha fondato prima la radio italiana di Montreal, quindi la tv; poi, giornalista, ha girato il mondo da inviato, e alla fine Ŕ tornato al suo primo amore. Da otto anni Tele Italia sta crescendo con lui alla guida, ora ha 36 ore settimanali di programmi, quattro notiziari, e grazie al satellite e alle piccole stazioni locali (pi¨ di trenta) porta una voce italiana e notizie in tempo reale in tutto il Canada. I canali assemblano i loro palinsesti con la cronaca locale, i notiziari dall’Italia della Presidenza del Consiglio, e le loro inserzioni pubblicitarie. “
Su questa rete di canali c’Ŕ spazio per Mantova e per la sua immagine. Bisogna soltanto muoversi, e in fretta” ha concluso Marcolini. E non sta certo dormendo l’Associazione dei Mantovani nel Mondo, che studia da mesi forme di collaborazione con le istituzioni mantovane: e lo sforzo preziose del presidente Marconcini di mediare tra tutte le esigenze Ŕ proprio rivolto a creare un’immagine di Mantova (culturale ed economica) da esportare con successo.

Mantovaninelmondoę1999