Associazione Mantovani nel Mondo
via Solferino n°36 46100 Mantova

Riceviamo dal Movimento Giovanile Italo Argentino di Mar del Plata - favero@statics.com.ar

Questa è una lettera nella quale c'è la testimonianza di un gruppo di giovani di origine italiana che vogliono far conoscere la loro realtà in questi difficili momenti che attraversa oggi l'Argentina. Perciò vi chiediamo di diffonderla. Grazie. 
Prof.ssa Bettina Favero

Lettera del Movimento Italo Argentino di Mar del Plata al mondo

Mar del Plata (Argentina), 9 gennaio 2002.-


Nelle ultime settimane l’Argentina ha subito una serie di avvenimenti che segnalano l’inizio di un cambiamento nell’atteggiamento del Popolo Argentino. Senz’altro le cose cambieranno e noi giovani abbiamo fiducia nella gente che ha voglia di migliorare le cose soprattutto nei momenti in cui è necessaria la presenza del Popolo. 
Siamo coscienti della nostra realtà e sappiamo quali sono i bisogni dei nostri connazionali, innanzitutto quelli che non hanno più lavoro, ma hanno lavorato più di quarant’anni in questo paese che ora non offre e non può offrire il benessere di allora.
Come giovani italo-argentini ma anche come persone adulte che lavorano ogni giorno per mantenere le nostre radici italiane, perché amiamo l’Italia e tutto ciò che ha questo bellissimo paese, per questo vogliamo chiedere ai Governanti ed ai Politici italiani che questa volta ci guardino un po’ di più e ci aiutino in questo difficile momento. 
Sappiamo che l’Italia ed anche tutto il mondo ci sta osservando, questo si può apprezzare nei mass media mondiali ma anche nei discorsi di Capodanno fatti dal presidente Ciampi e dal premier Berlusconi in cui c’era l’interesse e la preoccupazione per gli avvenimenti del nostro Paese. Tutto ciò si può capire esaminando alcuni dati importantissimi nel "mondo degli italiani all’estero": l’Argentina con i suoi 601.658 italiani registrati nell' A.I.R.E., è al primo posto a livello americano ed al secondo posto a livello mondiale dopo la Germania, per l’Italia rappresentiamo il 15% dell’italiani all’estero e il nostro Paese ha ancora notevoli risorse da sviluppare. 
Ma noi, come italiani all’estero, stiamo veramente aiutando l’Italia a sviluppare le nostre risorse? 
Quante volte ci hanno chiesto o anche proposto i centinaia di progetti che sono morti e muoiono nelle scrivanie dei nostri politici? Mai!  
Perciò pensiamo che, in questi momenti in cui l’Italia vuole allungare verso di noi un ponte, ci sia un allargamento e una compartecipazione dei rappresentanti degli italiani che vivono in Argentina (le Associazioni, i Com.It.Es., le Federazioni Regionali, gli Enti Assistenziali, i rappresentanti del C.G.I.E. i Consolati), in tutti le politiche decisionali dei progetti ed aiuti in modo che possano servire ai moltissimi italiani e tantissimi italo-argentini che vogliono continuare a lavorare in questa Terra cosi come lo hanno fatto fino ad ora. 
Una volta si diceva che in Argentina tutti i sogni si potevano avverare ed i soldi cadevano dal cielo, lo slogan di "fare l’America" era reale anche se purtroppo ci sono tanti che non hanno potuto raggiungere questo ideale , o forse lo hanno raggiunto, ma visti i trascorsi dell’Argentina, hanno perso tutto ciò che avevano. 
È per questo che come giovani vogliamo l’unione dei dirigenti italiani all’estero e così poter risolvere i grossi problemi che si presentano ora. Non vogliamo dall’Italia promesse che svaniscano col tempo! Vogliamo fatti ! Con questo pensiamo di creare posti di lavoro in Argentina in tutte le ditte di origine italiana che  sono da anni presenti nel nostro paese, proporre corsi di aggiornamento o di formazione per i tantissimi giovani che si augurano di continuare a vivere e lavorare in questa terra, non fuggire, investire nel nostro paese che ha sete e voglia di uscire di questa situazione. 
Dal nostro umile posto che si mantiene e cresce ogni giorno attraverso le manifestazioni culturali che ricordano le feste più importanti per l’Italia come l’anniversario della nascita del Tricolore, la festa della Repubblica oppure il giorno dell’immigrante italiano. Con l’aiuto e la collaborazione del l’Ente di Assistenza per gli Italiani Indigenti, la partecipazione nel Com.It.Es. e nella Federazione di Società Italiane di Mar del Plata, la pubblicazione del giornale "La Sfida", vogliamo portare avanti e continuare il lavoro dei nostri antenati che pur essendo stranieri, hanno trovato una Terra che li ha accolti a braccia aperte, con la speranza di diventare una grande Nazione, hanno costruito la nostra realtà e non vogliono che tutto quello fin qui fatto si perda. 
Il futuro sarà difficile ma, non impossibile! Crediamo in noi e nella nostra capacità di migliorare ed abbiamo fiducia nel nostro Paese. Speriamo che questa lettera sia letta da molte persone che forse non conoscono la nostra realtà oppure credono di conoscerla. La nostra richiesta è chiara: lavoro e investimenti che miglioreranno la situazione critica che ora attraversa l’Argentina. Grazie per averci letto e speriamo in un’altra opportunità per raccontarci il "miracolo argentino".
Prof.ssa Bettina Favero
Movimento Giovanile Italo Argentino di Mar del Plata - Pubblicazione "La Sfida"

favero@statics.com.ar
  giovanimdp@hotmail.com 

Stampa la poesia (3 pagine)

Mantovaninelmondo© 1999-2002
All rights reserved
liberatiarts© Mantova Italy