Mantovani nel Mondo     

Ricorrenze

 Tradizionale esposizione dei   Sacri Vasi nella Basilica di Sant'Andrea di Mantova  

Il vescoso Busti con uno dei Sacri Vasi nella cripta -foto www.liberatiarts.comNella cripta di Sant’Andrea tradizionale apertura dei sacri vasi, secondo la leggenda portati a Mantova da San Longino. L’urna delle reliquie è stata aperta da don Ulisse Bresciani dopo che le varie serrature che la proteggono, sono state aperte  in una sequenza prestabilita alternandosi per tre volte dal vescovo Roberto Busti, da don Giancarlo Manzoli della curia e dal prefetto Giuseppe Oneri, detentori delle chiavi. Alla cerimonia hanno partecipato, con le autorità civili e militari, anche i rappresentanti della  cittadina tedesca di Weingarten,  gemellata con Mantova. Le reliquie sono state esposte sull’altare maggiore dove si è svolto il rito della Via Crucis, la lettura delle fasi della passione di Gesù dalla condanna a morte fino alla deposizione nel santo sepolcro. Nella serata si è tenuta la processione dei Sacri Vasi per le vie del centro dove i fedeli hanno seguito il vescovo attraversando corso Umberto, via Grazioli e via Roma. Al termine della funzione religiosa i Sacri Vasi sono stati nuovamente rinchiusi nell'altare della cripta.

Un breve videoclip dell'evento (del 2005)

 

I Sacri Vasi tra Leggenda, Fede, Tradizione e Storia.

Longino l'Isaurico (proveniente dalla provincia di Isauria oggi in Turchia) fu il soldato romano che trafisse con la lancia il costato di Gesù morente sulla Sacri Vasi - Mantova -foto www.liberatiarts.comCroce. Dalla ferita sgorgò sangue misto ad acqua ed alcune gocce finirono negli occhi malati da tempo di Longino che immediatamente guarì. Quell'evento portò alla fede il soldato che raccolse la terra intrisa del sangue di Gesù e la conservò in una cassetta metallica che lo segui nelle sue peregrinazioni fino a Mantova. Durante la permanenza nell'Ospedale dei Pellegrini per timore di perderla o di esserne derubato seppellì la Reliquia in un luogo segreto. Subì il martirio a causa della sua fede il 2 dicembre del 37 d.C. e sepolto in contrada Cappadocia. La santificazione di Longino avvenne sotto il papato di Innocenzo VI° il 2 dicembre 1340. La reliquia fu ritrovata nell'804, grazie alle indicazioni, fornite da Sant'Andrea ad un fedele, sul luogo esatto nell'orto dell'ospedale di Santa Maddalena ove era interrata. Accanto alla reliquia furono trovate anche delle ossa umane,
probabilmente quelle del Martire che sono conservate nella terza cappella a destra della Basilica di S.Andrea. La notizia del ritrovamento giunse anche a Carlo Magno che, impressionato dal fatto, invitò il Papa Leone III a recarsi a Mantova per avere maggiori notizie. Il Papa dopo opportuni accertamenti rilasciò una dichiarazione in cui si accertava l'autenticità della Reliquia e ne donò una piccola parte all'Imperatore che la fece deporre nella Cappella Reale a Parigi. Durante le invasioni degli Ungari, del 923, per il timore di una profanazione si provvide a dividere la Sacra Terra in due porzioni, una conservata nella Chiesa di S.Paolo contigua alla Cattedrale, la seconda ulteriormente divisa in due, all'interno di due vasi di cristallo, fu sepolta nell'orto dell'oratorio dedicato al Sangue di Cristo. Gli eventi e la segretezza con cui fu eseguito l'occultamento fecero si che solamente l'intervento dell'Apostolo Andrea nel 1048, apparso per tre volte ad un mendicante cieco permisero il secondo ritrovamento. La Chiesa ricorda tale fausto evento nella giornata del 12 marzo. In seguito, per la Reliquia furono costruiti una chiesa e un monastero. Vi fu un continuo afflusso in città di pellegrini che assieme a Papi e Imperatori Le rendevano omaggio. Nel 1053 papa Leone IX°, nel 1055 l'imperatore Enrico III che ne ricevette in dono una minuscola porzione, che, successivamente dopo diversi passaggi giunse nella cittadina di Weingarten (D) ove oggi è conservata e venerata. Anche nei secoli che seguirono i re, imperatori e Papi resero omaggio alla Sacra Reliquia. Il Papa Pio II° Piccolomini ne riconfermò l'autenticità. Il pontefice malato, rivoltosi per la guarigione al Sacro Sangue ne venne immediatamente risanato. Nel 1472, per dare degna custodia alla Reliquia, iniziarono i lavori dell'attuale Basilica di Sant'Andrea su progetto e disegno di Leon Battista Alberti. Nel 1479 fu "ritrovata" nella chiesa di S. Paolo, la porzione di Reliquia nascosta durante l'invasione degli Ungari nel 923. Il Sacro Sangue di Gesù dal 1500 venne custodito all'interno di due reliquari d'oro realizzati da Nicolò da Milano disegnati dal Bernini. Durante il Risorgimento, nel 1848 furono trafugati dai soldati di un reggimento austro-ungarico e mai più ritrovati. La Reliquia fu ripristinata con i frammenti nascosti, cui era stata suddivisa per misura prudenziale, negli anni precedenti. L'Imperatore d'Austria Francesco Giuseppe si fece carico, a titolo di riparazione, dei nuovi reliquari che furono realizzati da Giuseppe Bellezza.

Pietro Liberati

 

Mantovaninelmondo© 1999-2008
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy