Mantovani nel Mondo     

EVENTI

Lombardia Beni Culturali si rinnova
http://www.lombardiabeniculturali.it/

Il portale Lombardia Beni Culturali si è dotato di una nuova veste grafica e di nuove funzionalità. Oltre ai cataloghi dei beni storico-artistici (architetture, opere d'arte, fotografie e altro), vengono gradualmente rese disponibili le risorse già ospitate su Lombardia Storica: banche dati di descrizioni archivistiche, edizioni di fonti documentarie, schede descrittive di istituzioni storiche.

Tra le novità si segnala la Vetrina, che raccoglie, in forma di blog, articoli e spunti di navigazione intorno a un oggetto o a una collezione di oggetti particolarmente interessanti.

Tra i molteplici contenuti, una serie di foto antiche di Sabbioneta che con il centro storico di Mantova, è stata di recente inserita nell’elenco mondiale del patrimonio dell’umanità per le architetture e le caratteristiche dell’impianto urbanistico. Le due città gonzaghesche sono entrate nel luglio del 2008 tra i 679 beni culturali ritenuti gioielli di valore assoluto.

Altre foto riguardano le barricate erette a Milano centodieci anni fa. Nella primavera del 1898 il costo del pane era stato quasi raddoppiato ed alla fine del mese di aprile scoppia la rivolta, prima in Romagna poi in Puglia, a Firenze e in altri centri dell'Italia.

A Milano il 6 di maggio agenti della polizia arrestano, nel corso di una agitazione, alcuni operai della Pirelli; verso sera, durante i tumulti davanti alla questura, due dimostranti restano uccisi.

Il giorno seguente le organizzazioni operaie dichiarano lo sciopero generale e i milanesi scendono nelle strade. Poiché i questurini non sono sufficienti, la cavalleria viene incaricata di riportare l’ordine. Ma si ottiene l'effetto contrario, in molti quartieri popolari vengono alzate le barricate. Nel pomeriggio del 7 maggio il Governo decreta lo stato d'assedio affidando il comando della piazza al generale Fiorenzo Bava Beccaris.

Domenica 8 maggio 1898, Milano insorge come cinquanta anni prima contro gli austriaci, solo che stavolta nobili e borghesi stanno dall’altra parte. Con il cannone ad altezza uomo l'"impavido" generale, ordina di sparare sulla folla. Quanti morti !

Il giorno 9 nel pomeriggio, i bersaglieri  espugnano l’ultima barricata in largo la Foppa e la rivolta viene sedata.

Vi invitiamo a scorrere le pagine del web troverete moltissime informazioni oltre ad una serie di album fotografici e documenti utili ed interessanti
PiLi 

 

Mantovaninelmondo© 1999-2008
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy