Mantovani nel Mondo     

MOSTRE

La Forza del Bello
La Magna Grecia in mostra al Palazzo Te
 dal 29 marzo fino 6 luglio


Nelle sale affrescate da Giulio Romano e nelle Fruttiere di Palazzo Te saranno presentati oltre 100 opere di straordinario impatto visivo, in una sequenza narrativa che dal VII secolo a.C. condurrà lo spettatore fino ai ritrovamenti archeologici dell'Ottocento, alla scoperta della formazione del gusto moderno e dell'apprezzamento dell'arte antica.

Le tre sezioni in cui si sviluppa la mostra corrispondono alle tre fasi storiche di questa vicenda.

Nella prima fase (VII-II sec. a.C.) l’arte prodotta nelle città greche dell’Italia meridionale e della Sicilia s’intreccia con quella prodotta in Grecia e importata non solo dai Greci d’Italia, ma anche da altri popoli della Penisola, specialmente gli Etruschi, che ne sono conquistati e prendono a imitarla. Fra le culture durevolmente sedotte dall’arte greca spicca quella di Roma, cui è dedicata la seconda parte dell’esposizione (III sec. a.C. - IV sec. d.C.). I Romani non solo saccheggiano e raccolgono opere d’arte greca, ma attraggono artisti greci a lavorare per loro in Italia, e delle opere più celebrate vogliono copie “in serie”, a ornare case, palestre e giardini. Questa “moltiplicazione” dell’arte greca e l’eco duratura che essa lascia nelle opere degli scrittori romani, ne ha assicurato la fama e ha costruito le premesse per la sua ricerca e riscoperta dal Medio Evo all’Ottocento, tema della terza parte della mostra. A un’idea quasi favolistica dell’arte greca perduta si affianca, dal Quattrocento in poi, l’importazione di sculture dalla Grecia; rinasce il collezionismo di scultura antica e, nell’assiduo tentativo di ricostruire l’antica narrazione storica dell’arte, si impara a distinguere gli originali dalle copie, mentre dal suolo italiano spuntano nuovi originali greci.

La mostra è ideata e curata da Salvatore Settis, con la collaborazione di Maria Luisa Catoni e il contributo di Francesco De Angelis, Lucia Franchi e Paul Zanker, ha ottenuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale per i Beni Archeologici, dal Comune di Mantova, dalla Regione Siciliana e dal Museo Civico di Palazzo Te, sostenuta dalla Regione Lombardia Direzione Generale Culture, Identità e Autonomie della Lombardia, dalla Fondazione Banca Agricola Mantovana e dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Mantova, organizzata dal Centro Internazionale d’Arte e Cultura di Palazzo Te, con il contributo di Banca Agricola Mantovana e Eni.


Percorsi didattici per le scuole  L'Idea del Bello Dal 31 marzo al 18 maggio.
Informazioni Centro Internazionale d'Arte e di Cultura di Palazzo Te - Tel. 0376-369198  www.centropalazzote.it
Biglietteria di Palazzo Te  tel. 0376-323266.
 

 

Mantovaninelmondo© 1999-2008
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy