Mantovani nel Mondo                    

      News 

Terremoto in Perù

Un'altro disastro naturale si è aggiunto al freddo, un tremendo terremoto ha colpito mercoledì 15 agosto il paese causando oltre 600 morti e un migliaio di feriti.

Il terremoto di 7,9 gradi nella scala Richter registrato in Perù, alle 18 e 41 di mercoledì 15, (0,41ora italiana), è uno di quelli di maggiore magnitudo che c'è stato nel mondo da 1990.

L'epicentro del sisma di mercoledì, è stato localizzato nel mare, a 167 chilometri a sud di Lima e di fronte alle coste della città di Pisco. La città più colpita è proprio Pisco, a 300 chilometri della capitale Lima, dove insieme a Ica, si sono registrate il maggior numero di vittime e sono caduti molti edifici. Quasi il 70 percento della città di Pisco è stata distrutta dal forte sisma. Il sindaco Juan Mendoza Uribe, tra le lacrime, ha chiesto aiuto per i lavori di ricostruzione. La città è rimasta virtualmente distrutta e le scene di dolore si succedono dietro ogni angolo delle strade. Il terremoto ha interrotto anche la Panamericana Meridionale. I viaggiatori continuano a piedi il proprio viaggio, perché la via è bloccata per la caduta di un ponte. 
Gli ospedali di Ica sono al collasso dovuto alla "grande quantità di feriti" per il terremoto, mentre persone senza scrupoli approfittano della situazione per saccheggiare i negozi ed abitazioni.

Numerose organizzazioni non governative che operano da tempo in Perù hanno lanciato sottoscrizioni per aiutare le popolazioni colpite. Segnaliamo l'appello che ci ha inviato il centro CAITH di Vittoria Salvo, Mosoq Runa di Ada Stevanja, l’associazione MLAL di Zurite, l’associazione IER di San Salvador e la Famiglia della Piccola Locanda di Cusco. Chi conosce queste realtà sà che lavorano da anni nel mondo della solidarietà qui in Perù Il conto corrente sul quale depositare è il seguente: Matteo Achilli - Emanuele Riga Banco di Credito Cooperativo di Barlassina Agenzia di Saronno C/C 000008801272 - ABI 08374 -CAB 50520 - CIN V
Vi preghiamo di aiutarci, con un deposito o semplicemente diffondendo questo messaggio. Per favore è importante specificare nella causale del versamento la dicitura AIUTI PRO TERREMOTO e la PROPRIA MAIL, manderemo a tutti un bilancio dei soldi ricevuti ed in che modo sono stati spesi. Vi preghiamo di scrivere una mail a
info@peruetico.com così da poter anticipare immediatamente la somma deposistata senza aspettare l’accredito del bonifico stesso.Grazie fin da ora GLI AMICI DI CUSCO

Per notizie dettagliate, l'elenco delle vittime e dei feriti consultare il web ufficiale peruviano a questi indirizzi :
www.mpfn.gob.pe (ir al link: "Informes especiales").
www.rree.gob.pe (ir al link: "Perú - Victimas").
VICTIMAS Y HERIDOS TRASLADADOS A LIMA (n°862 persone)
I CONSOLATI del Perù di
Roma http://www.consuladoperuroma.it
Milano http://www.conpermilan.com

Altre foto sul terremoto
(dal web  www.peruan-org) 

Come al solito media Italiani dopo essersi sincerati che non vi erano vittime italiane non ne parlano anche se la situazione in quel paese è ben lontana da una pur minima normalizzazione. Nessuna sottoscrizione al contrario di quanto successe per altre catastrofi, ma i nostri media sono troppo presi a correr dietro a veline e calciatori ...
PiLi


In precedenza il governo peruviano aveva lanciato un appello a causa della discesa della temperatura a livelli estremi, fino a 20º sotto zero, nella zona alto andina a causa di un sistema di bassa pressione che provoca l'incremento di umidità ed il raffreddamento della zona meridionale del paese.  Presenza di gelate.
Dipartimenti interessati:
Ayacucho -Apurimac - Arequipa -Cajamarca - Cusco - Junín - Huanuco - Huancavelica - Loreto - Moquegua - Pasco - Puno - Tacna

Conseguenze
La notoria diminuzione della temperatura aumenta i casi di infezioni respiratorie. che causano la morte di persone, principalmente donne e bambini, del bestiame per mancanza di foraggio. Perdita di aree coltivabili. Distruzione di abitazioni precarie. Interruzione di alcune strade.

Le azioni del governo Peruviano
Dichiarazione dello stato d'emergenza in 13 dipartimenti del Perù per 60 giorni. Campagne sociali attraverso ministeri per raccogliere medicine, coperte, vestiti ed altri indumenti. Appoggio alla popolazione con lavoro temporale, affinché possa ottenere entrate sufficienti durante il freddo.
Richiesta agli organismi di cooperazione internazionale per la formazione di un tavolo di donatori a beneficio dei colpiti dal freddo.
Procedure di procedimenti semplificati per velocizzare donazioni, Decreto Supremo Nº 050-2007-PCM,

Campagna di Donazioni "Apriamo i cuori"
Cosa puoi donare?
VESTITI : cappotti polari, cotone, flanella e/o lana, calzature chiuse, teli e/o coperte.
ALIMENTI NON DEPERIBILI: conserve o prodotti trasformati, cereali, minestre e farine in scatola.
MEDICINE: sciroppi per la tosse, medicine per l'influenza, analgesici, pastiglie per il mal di testa, sciroppi e/o pastiglie per allergie, bende di ogni tipo, borse di acqua calda, medicine con vitamina C e fosforo.

Azioni del Consolato Generale del Perù.
Livello Istituzionale:
. Gestione con le autorità di Lombardia ed Emilia - Romagna.
. Sollecitazione di donazioni da istituzioni mediche e supporto.
Livello comunità peruviana:
. Convocare Associazioni e Consiglio della Consulta per l'aiuto nelle donazioni.
. Ampia diffusione su donazioni .

Donazioni in contanti:
Banca de la Nación (Perù):
- Conto corrente soles: 0000-246840
- Conto corrente dollari: 6000-020352
In Italia presso:
Intesa San Paolo S.P.A Agenzia Piazza della Scala 6 - MILANO
Conto Corrente Nº 615293228044
ABI 03069
CAB 09444.
Causale : "a favore del Consolato Generale del Perù - Aiuto Umanitaria onda di freddo in comunità alto andine"
 

Mantovaninelmondo© 1999-2007
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy