Mantovani nel Mondo                   

      News 

IX Concorso letterario Internazionale 
"Trieste Scritture di Frontiera - Premio Umberto Saba".

Premiazioni: mercoledì 9 maggio, Caffè S. Marco di Trieste (ore 18.00)

Premio organizzato da Altamarea, con il contributo di: Assessorato alle Attività Produttive della Regione Friuli Venezia Giulia, la collaborazione degli Assessorati alla Cultura della Provincia e del Comune di Trieste, e il patrocinio della Direzione Centrale istruzione, cultura, sport e pace della Regione
 

Premi del IX Concorso Internazionale 'Trieste Scritture di Frontiera' a:
Claudio Magris; Mauro Covacich; Valentino Zeichen e Jacopo Ricciardi (Roma); Barbara Strathdee (Nuova Zelanda); Ondina Demarchi (Australia); Luciano Morandini (Udine), Dieter Schlesak (Transilvania); Marco Rossi (Roma); Melita Richter, Lorenzo Dugulin, Ljiljana Avirovic, Erika Vida, Luca Visentini (Trieste)

Inoltre 9 menzioni speciali della Giuria

Claudio Magris, lo scrittore Mauro Covacich, i poeti Valentino Zeichen e Jacopo Ricciardi da Roma, Luciano Morandini da Udine e Dieter Schlesak, nativo della Transilvania; dall'Australia e la Nuova Zelanda le scrittrici Ondina Demarchi e Barbara Strathdee: sono alcuni dei vincitori del IX Concorso Internazionale 'Trieste Scritture di Frontiera ­ Dedicato a Umberto Saba', promosso dall'Associazione Altamarea per stimolare la conoscenza e il dialogo tra culture diverse e "di confine".
Diretto da Rina Anna Rusconi, il concorso annovera nella giuria vari noti scrittori, poeti e saggisti, e personalità del settore.

Le premiazioni si terranno mercoledì 9 maggio alle ore 18.00, all'Antico Caffè S. Marco di Trieste, in via Battisti 18. Hanno assicurato la loro presenza larga parte dei vincitori e segnalati, oltre che dei membri della Giuria. La serata, ad ingresso libero, sarà presentata da Giuliana Dalla Fior, Rina Anna Rusconi e Patrizia Vascotto; sono anche previsti degli interventi
musicali, con Eduardo Contizanetti alla chitarra e Marzia Postogna alla voce.
Il IX Concorso Internazionale "Trieste Scritture di Frontiera" è stato realizzato con il contributo dell'Assessorato alle Attività Produttive della Regione Friuli Venezia Giulia, la collaborazione degli Assessorati alla Cultura della Provincia e del Comune di Trieste, il patrocinio della Direzione Centrale istruzione, cultura, sport e pace - Servizio Attività Culturali della Regione, e la partecipazione di vari altri enti e realtà

L'elenco completo dei vincitori e segnalati, con le motivazioni, sono consultabili sul sito web: www.bekar.net



La giuria del IX Concorso "Trieste Scritture di frontiera" ha assegnato due premi alla carriera: per la narrativa a Claudio Magris, autore e saggista triestino di fama mondiale, che ha magistralmente indagato la cultura mitteleuropea, identità "di confine", problematiche storiche ed esistenziali. Il secondo premio alla carriera è stato invece assegnato al poeta Valentino Zeichen, che da trent'anni con le sue opere "offre puntuale testimonianza della sua acutezza..., della sua scrittura efficacissima e ad alta definizione", e del profondo legame con la nativa città di Fiume, pur risiedendo oramai da molti anni a Roma.

Il premio 'Poesia Giovane' è andato invece al trentenne romano Jacopo Ricciardi, giudicato tra gli autori degli ultimi anni "sicuramente uno dei più sicuri, uno di quelli che con maggiore costanza, con doti evidenti e con passione hanno dato vita alla "nuovissima poesia italiana".

Per la narrativa, nella Sezione 'Scritture di frontiera', primo premio ex aequo alla neozelandese Barbara Strathdee ed allo scrittore triestino Mauro Covacich: alla Strathdee per "Café Wars", romanzo pubblicato in Nuova Zelanda ed ambientato fra Trieste e Lubiana nei difficili anni della dissoluzione della Jugoslavia, da cui emerge la percezione degli avvenimenti avuta a Trieste, città in cui l'autrice ha vissuto per un periodo. L'ex aequo a Mauro Covacich è invece andato per "Trieste sottosopra", edito da Laterza, in cui -a giudizio della giuria- entrando nel vivo di tematiche attuali e rivisitando il mito della città asburgica l'autore "...ha regalato anche a Trieste un futuro, rispetto all'identità un po' âgé che la caratterizza".

Altro premio ex-aequo per la poesia: all'opera complessiva dell'udinese Luciano Morandini, giudicata "tra le più originali ed autorevoli... nell'alta fioritura poetica friulana del secondo Novecento", e a Dieter Schlesak, originario della Transilvania, "poeta della patria negata, e dell'esilio" per le sue opere "Settanta volte sete" e "Oltrelimite", pubblicate da Edizioni ETS.

Per la saggistica due premi speciali sono stati assegnati rispettivamente a: Melita Richter e Lorenzo Dugulin, di Trieste, curatori del libro "Percorsi interculturali", sulle problematiche dell'odierna realtà multiculturale e dei flussi migratori; e a Marco Rossi, di Roma, per il volume "Istria riscoperta. Da confine conteso a laboratorio della nuova Europa", pubblicato da
Ediesse, in cui l'autore "ricostruisce con obiettività... la complessa e tragica vicenda del confine orientale nel Novecento... rendendola accessibile anche al vasto pubblico dei non specialisti".

La sezione 'Giuliani nel Mondo' ha visto invece l'affermazione di Ondina Demarchi, residente a Sydney, per il libro-testimonianza "Una triestina in Australia", con storie d'emigrazione declinate al femminile, ricordi e radici delle propria terra d'origine.

Il premio per la traduzione letteraria è andato invece alla croata Ljiljana Avirovic, da oltre trent'anni rinomata traduttrice di opere letterarie dal russo e il croato all'italiano, e dall'italiano al croato, oltre che docente di lingue, autrice di vari saggi, e più volte premiata per i suoi lavori.

Infine, per la poesia inedita, premio ex aequo ai triestini Erika Vida e Luca Visentini: Erika Vida per la raccolta "Sarò ragionevole domani", dedicata alla Comunità Serbo-ortodossa di Trieste, dal particolare impasto linguistico fra italiano e termini serbi, sloveni, tedeschi e di altre lingue. Luca Visentini per la raccolta "Sermoni colpevoli", espressione di "poesia di elevato spessore, di matrice trasgressiva, allo stesso tempo narrativa, discorsiva e drammatica".

La giuria ha inoltre assegnato nove menzioni speciali ad altri finalisti. (Hanno ottenuto menzioni per le loro opere, nella Sezione 'Scritture di frontiera': lo scrittore trentino Marco Pontoni, il senegalese residente in Italia Cheikh Tidiane Gaye, da Firenze lo scrittore Mario Rigutti, dall'Istria il giornalista e scrittore Milan Rakovac, e da Trieste gli autori Kenka Lekovic, Luisa Nemez e Gianfranco Sodomaco. Inoltre, per la Sezione Poesia inedita, menzioni speciali per Alessandro Rosada, di Trieste, e per il friulano residente a Venezia, Francesco Indrigo).

Ufficio stampa - www.bekar.net : Maurizio Bekar, via Pauliana 10, 34134 Trieste; tel. 040/421591
fax 02/700.406.766; cell. 340/60.23.063; e-mail: bekar.net@operamail.com ; website: www.bekar.net

 

Mantovaninelmondo© 1999-2007
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy