news in breve dal mondo

  2006 

 
I Link di riferimento degli articoli


www.skype.com
i luoghi e la memoria
www.bekar.net
thebrainproject
www.giuramento.it
DUEDIDUE BAND
Il Notturno
www.italiannetwork.it/
centrolombardocba
http://www.pangeaonlus.org/
www.casamerica.it
COMITES-PERÙ
www.peruan-ita.org
www.fiumemincio.it
www.istitutosanti.org

 

 

In questa pagina

Gualdo Tadino: L’Italia migrante: passato e futuro di un Paese che cambia 14-12-06
Presentazione dei libri di Silvano Ferro il 12 dicembre a Torino
Pronto?…. C’è Babbo Natale? AUSER Volontariato Forlì - Storia e Storie i premiati
Concorso Internazionale di arte digitale visiva "The brain project 2006"
I siciliani residenti all’estero potrebbero esercitare il diritto di voto per corrispondenza anche nelle elezioni regionali.
'Io e l'altro' giornata di studio organizzata e promossa dal Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”
Passaporto brasiliano in mezz'ora in consolato a Milano
Incontro sul rapporto fra diritti umani e religioni (cristianesimo, ebraismo e islamismo) con l'ICEI
Giornate della Repubblica Dominicana alla Spezia
 Fondazione Casa America -Presentazione del Dizionario Storico Biografico dei Liguri in America Latina-
L’emigrazione in Argentina: dal romanzo alle storie di vita al Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”
Edgar Gonzalez presentará su libro "Cruces y sombras, Perfiles del conservadurismo en América Latina"
Il nuovo modello di passaporto elettronico dal 26 ottobre disponibile in tutte le Questure e uffici Consolari
4º Curso em S. Paulo imigração Italiana: dados históricos e pesquisa genealógica
L'Associazione “Giuramento onlus"
Pensieri Migranti presenta l'ultimo volume di Nicola Chiarappa
Un nuovo nato tra i quotidiani per gli italiani nel mondo: L'ITALIANO
Inizio col botto a Guidizzolo per la campagna abbonamenti
Incontro pubblico con i parlamentari italiani eletti in America Latina a Genova 30 settembre
Le donne nella canzone d'autore italiana degli ultimi trent'anni
1 ottobre la premiazione del Concorso Letterario Storia e Storie: “Modi di moda”  a Forlì
Quarta Festa del Volontariato a Mantova  22 e 23 settembre 2006
Torneo scacchi gratuito per Principianti - Roma 9 settembre 2006
XXIV FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FOLCLORE BERGAMO 20 – 27 AGOSTO 2006
“Aldilà dell’acqua” La storia di Renato Cesarini- il 13 agosto a Gualdo Tadino
ITALIAN NETWORK, web internazionale per gli italiani nel mondo
Premio letterario internazionale I° Edizione Borgotaro, Parma 23-24 settembre 2006
Ricostruzioni storiche nelle Terre di Matilde di Canossa- luglio-dicembre 2006
Premio Becas AVINA
Sabièra a San Benedetto Po Venerdi 7 luglio alle ore 22
Partenza del Festival LatinoAmericando, ad Assago dal 15 giugno al 15 agosto
'Nel ferro e nel carbone' , l'emigrazione bergamasca in Belgio
Premiazione del Concorso ' Eks&Tra' ed eventi collegati -Mantova 16-17 giugno
 Libro di storia pubblicato a cura dell’Associazione Amici degli Archivi Piemontesi
 Fondazione Casa America presenta 'Amore Tango'
Il tesoro di vini e sapori delle terre lombarde oggi anche on line
Presentazione dell'ultimo volume dello scrittore lussemburghese Jean Portante
Il Brasile nel cuore , Padova 5 -16 maggio
Presentazione di Metropoli inserto della domenica del quotidiano La Repubblica
Il Centro Lombardo di Córdoba (Argentina) ha già creato il suo weblog in internet
Arriva dall'Italia Miss Brasile 2006
Mantova  Piazza Erbe: Sicilia Viva in Festa 22 -25 aprile
Gonzaga Antiquaria 21-25 aprile in Mostra anche le opere dello scultore Enzo Nenci
Trovanoprofit, il primo portale italianoper fare incontrare on-line chi sostiene la solidarietà
4 incontri per conoscere e capire l’America Latina che cambia
Premio Pescara per giovani artisti
L’immigrazione italiana e il movimento operaio svizzero
Quali modelli energetici per la Cooperazione Internazionale italiana?
Museo dell'Emigrazione",presentazione del libro "John Fante, Storie di un italoamericano"
Ancona 16-18 marzo : Grupo de Teatro "Catalinas Sur" - La Boca - Burenos Aires- Argentina
Giornate Messicane 14 marzo - 14 aprile 2006 a Genova
Cerchiamo ogni cosa che parla dell'Italia
Donne: Pangea, oltre l'8 marzo per il diritto di genere
Le musiche di Stefano Gueresi accompagneranno i visitatori di Palazzo San Sebastiano
3º Curso -Imigração Italiana  Estado de São Paulo:dados históricos e pesquisa genealógica
DARKROOM un film di Dino Viani - 25 febbraio ore 18,30 Chieti
Studiare a Udine, venti borse di studio
F. Casa America Hernàn H. Mamani presenta " La donna dalla coda d’argento"
Shosholoza: un sogno sudafricano dal cuore italiano
Cena di sostegno progetti di cooperazione in Colombia e in Guatemala a Cremona
Omaggio a Mario Lodi performance teatrali
Festivaletteratura e Jolanda e il Corsaro Nero si parte il 3 febbraio 2006
Mantova Musica Festival dal 24 al 28 maggio
Anche a Mantova il Gruppo degli amici di Beppe Grillo
Nuovo sito del Collegamento Provinciale del Volontariato!
Auser Forlì -Storia e Storie- l’elenco dei premiati dell’edizione 2005.
Guidizzolo Rassegna di teatro ragazzi “Sipario magico” - Gennaio- marzo 2006
Fondazione Casa America: Risorgimento tra Due Mondi dal 19-1 al 12 febbraio 06
G
raduatoria dei progetti di formazione a favore degli italiani in paesi extraeuropei.
Fabio Claudio De Nardis il nuovo ambasciatore italiano in Perù
Progetti rivolti al sostegno formativo di vari gruppi di ragazze madri -Cremona 13-01-06
Addio a Andrea Carrara, direttore storico dell'Ente dei Bergamaschi nel Mondo
L'Associazione in linea con SKIPE- telefonateci gratis attraverso internet
Penombre- Cinema muto e seduzioni sonore nei Musei Umbri 2005/2006
Il messaggio di fine anno del Presidente Ciampi

Precedenti


Sala Conferenze Archivio di Stato di Torino
Piazza Mollino (adiacente al Teatro Regio di Piazza Castello) TORINO
 12 dicembre alle ore 10,00

L’ASSOCIAZIONE Amici degli Archivi Piemontesi
Piazza A. Moro 29
13048 SANTHIA’ (VC)
  L’ASSOCIAZIONE L&M  www.iluoghielamemoria.it
I Luoghi e la Memoria
Via Vanchiglia 3 (c/o Istituto Salvemini) 10124 TORINO
e-mail: posta@iluoghielamemoria.it 

Presentano i libri di Silvano Ferro


1- Metodo per creare banche di dati sugli archivi della popolazione
2-Possibili utilizzi delle banche di dati sugli archivi della popolazione. L’esempio di Marcorengo
3- Marcorengo. Mille anni di storia


 


Concorso Internazionale di arte digitale visiva "The brain project 2006"
307 iscritti, da tutti i continenti: le opere visibili su www.thebrainproject.eu
I voti della Giuria sulle 30 migliori opere, on line l'11 dicembre
Concorso promosso da: Acquamarina con il sostegno di: Direzione Centrale
Istruzione, Cultura, Sport e Pace della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Credito Cooperativo del Carso

Sono oltre 300 i concorrenti iscritti, da tutti i continenti, al Concorso internazionale di arte digitale visiva "The brain project 2006".
L'iniziativa è rivolta ad artisti e fotografi di ogni Paese e delle comunità italiane all'estero,    che utilizzino una qualsiasi forma d'arte
digitale o di elaborazione delle immagini al computer. Il concorso è promosso dall'associazione Acquamarina di Trieste, con il
sostegno della Direzione centrale istruzione, cultura, sport e pace della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e del Credito Cooperativo del Carso / Zadruzna Kraska Banka.

Sul sito web www.thebrainproject.eu sono visibili le 307 opere concorrenti al premio. 162 gli iscritti dall'Italia, mentre gli altri 145
provengono da tutti i Paesi dell'Europa occidentale ed Orientale, da Nord e Sud America,  Russia, Africa, Medio ed Estremo Oriente ed Oceania.  Oltre all'Italia il maggior numero di iscrizioni provengono: 40 dagli USA, 15 dalla Germania, 12 dal Brasile, 11 dal Regno Unito, 6 dal Canada, 5 dall'Australia. Iscrizioni sono giunte anche -tra gli altri Paesi- da Argentina, Cile, Egitto, Israele, Emirati Arabi, Sudafrica, India, Malaysia, oltre che dalle più vicine Svizzera, Austria, Slovenia, Repubblica Ceca e Slovacchia.

Il tema da sviluppare nelle opere era "Confini - Borders", e i concorrenti -utilizzando tecniche di fotografia, grafica, fotoritocco o pittura digitali- lo hanno sviluppato con toni evocativi, immaginifici, surreali, ma toccando anche le corde della critica sociale e dell'ironia.  L'11 dicembre la Giuria internazionale annuncerà  sul sito www.thebrainproject.eu le 30 migliori opere ed artisti selezionate, che entreranno a far parte della "galleria virtuale" dei vincitori sullo stesso sito web, del catalogo cartaceo e della mostra finale, in programma in gennaio a Trieste.
Sul sito www.thebrainproject.eu le immagini e altre informazioni sul premio, in italiano e inglese.

www.bekar.net


Organizzata e promossa dalla CGIL Regionale Umbria e della Camera del Lavoro di Perugia
in collaborazione con il Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”

L’Italia migrante:  passato e futuro di un Paese che cambia.
Giovedì 14 dicembre 2006, ore 15.00
presso la Mediateca del Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”
Gualdo Tadino, via Soprammuro


PROGRAMMA

Presiede
Hedi Khira  Responsabile della Camera del lavoro di Gualdo Tadino
Saluto
Angelo Scassellati  Sindaco di Gualdo Tadino e Presidente del Museo dell’Emigrazione
Interventi
Alberto Sorbini Direttore dell’Isuc, Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea
Patrizia Venturini Segretaria CGIL Regionale Umbria
Riccardo Fioriti Assessore della Provincia di Perugia e Presidente dell’AICCRE
Mauro Tippolotti Presidente del Consiglio Regionale Umbria
Mario Bravi  Segretario generale della Camera del Lavoro di Perugia

ore 17.30 Spettacolo conferenza Noi Vivremo del lavoro!” canti e storie di lavoro e di emigrazione con Gualtiero Bertelli e la “Compagnia delle Acque”  Giuseppina Casarin, Rachele Colombo, Paolo Favorido, Sandra Mangini

Aperitivo di fine lavori per i partecipanti.


Pronto?…. C’è Babbo Natale?
Un progetto Associazione AUSER Volontariato Forlì e Comune di Forlì - Circoscrizione 5.

L’incontro intergenerazionale per eccellenza, che permette, a nonni e bambini, di giocare con complicità, è durante il periodo natalizio. Auser Volontariato e Circoscrizione 5 presentano un progetto che consente a tutti i bambini che lo desiderano di parlare, grazie ad un magico collegamento satellitare, con Babbo Natale.
E’ già Natale! Un’esclamazione ricorrente di questo periodo quando ci si incontra, seguita in genere da un lungo sospiro che sta a significare il tempo che inesorabile scorre … Per fortuna non è così per i bambini! Ecco perché accade, da diversi anni a questa parte, che un volontario Auser Forlì, assuma la voce e le sembianze immaginarie di Babbo Natale attraverso il telefono: per questa occasione di relazione intergenerazionale (memoria, tradizione e innovazione) è rilevante il progetto proposto da Associazione AUSER Volontariato Forlì e Comune di Forlì - Circoscrizione 5.
Questo progetto consente così a tutti i bambini che lo desiderano di parlare, grazie ad un magico collegamento satellitare, con Babbo Natale. Egli parla con tutti i bambini e le bambine di ogni dove, che lo chiamano al numero telefonico 0543 712089, messo a disposizione dal Comune di Forlì - Circoscrizione 5, attivo nelle giornate di
giovedì 7, 14, 21 del mese di dicembre dalle ore 15,30 alle 18,30. E’ certamente un’esperienza importante di comunicazione, anche se a distanza favorita dalla tecnologia: è infatti possibile far arrivare letterine, con pensierini o storie inviando una e-mail a: circoscrizione5@comune.forli.fo.it  e ricevere in dono, entro gennaio, una bellissima fiaba. L’incontro vero e proprio con i bambini delle scuole del territorio e con tutti coloro che lo desiderano, avverrà quindi il 22 dicembre alle ore 10 nel piazzale di via Curiel a Forlì. Una festa nel corso della quale Papà Natale e Mamma Natale giungeranno su un carrettino tirato da un asinello di razza Raggio di Sole! Ai bambini intervenuti i volontari offriranno la merenda mentre la Scuola Media di Via Ribolle ed il DJ di Forlì Roller allieteranno la mattinata con musiche. La festa si concluderà presso la Casa di Riposo “Casa Mia” con canti dei bambini per i nonni ospiti.
E per la Befana? “Aspettando la festa della Befana” è una proposta rivolta ai bambini, con genitori e nonni, per imparare creare con materiale di riciclo attraverso laboratori gratuiti di manualità. L’appuntamento è per mercoledì
3 e venerdì 5 gennaio dalle ore 16 alle 18 presso la sede della Circoscrizione 5, via Curiel 51 - Forlì in compagnia di Renata e Sauro, volontari AUSER Onlus Forlì. I laboratori da favola sono gratuiti con iscrizione telefonica presso Auser Volontariato Forlì allo 0543 404912.


Il Comitato scientifico del Progetto Storia e Storie è già al lavoro anche per il 2007 Rimanendo impegnati ad inviare quanto prima il nuovo bando di concorso intanto sotto riporto, estratto dal Comunicato stampa degli Italiani nel mondo che sono stati premiati con l’edizione 2006.


Sezione C Migranti Italiani
I° Classificato Il ritorno dell’emigrante di Pietro Corsi – California;
II° Classificato Va Pensiero di Eugenia Bentivogli – Svizzera;
III° Classificato Paese che vai usanza che trovi di Vanilla Moro – NY.

Menzione di merito per quelle testimonianze di rilevante contenuto provenienti da “Centri di aggregazione”: Amavo vestirmi bene di Rosa Calipari (Casa di Riposo Zangheri).

Storia e Storie un progetto emozionale
Innanzitutto la meraviglia, Modi di moda … la nostra cultura e quella degli altri sono frutto di un processo dinamico di cambiamento …
La premiazione del Concorso Letterario Storia e Storie: “Modi di moda” per le sezioni adulti e migranti italiani,  nel  Parco Incontro di Via Ribolle (Forlì). Il saluto del Sindaco Nadia Masini ha lanciato la gran festa Fantasie d’Autunno che faceva da sfondo alla premiazione e che ha visto la presenza tra i circa mille intervenuti, per l’irrinunciabile appuntamento, l’Assessore Loretta Lega, il Presidente del Consiglio comunale di Forlì Luciano Minghini, i Presidenti di Auser Volontariato e di Circoscrizione 5. Una giornata di meraviglia nella quale grazie ad un semplice gesto da “impresa culturale” Fantasie d’Autunno è riuscita a conferire ulteriore e rinnovato senso condiviso al lavoro sul territorio, per il mondo più ampio, a tutto il percorso tematico –lungo dodici mesi - realizzato con la complicità delle tante persone e Associazioni di volontariato presenti. L’iniziativa, per l’ottavo anno consecutivo, è promossa da Auser Volontariato Forlì e Circoscrizione 5 con la collaborazione di: Amnesty International GR225, Comitato Volontari Parco Incontro, Associazione sportiva Pattinodromo, Centro Educazione Ambientale “La Còcla”, Associazione Donne nel Mondo, Centro per la Pace “Annalena Tonelli”, Forno Pasticceria Agatensi e Coop Adriatica. L’emozione, la partecipazione, l’intensità del progetto Storia e Storie sono così scaturiti proprio in quella giornata, il I ottobre, che AUSER ha voluto interpretare come la festa del protagonismo degli anziani per lo sviluppo della comunità. Di grande rilievo del resto sono state le qualità delle opere inviate al concorso: oltre 350 tra bambini, adulti, anziani e migranti italiani risultano i partecipanti.

I premiati per la sezione scuole sono:
 I° Classificato (ex aequo) Scuole dell’infanzia Il Bruco e La Rondine;
 I° Classificato Scuola elementare Matteotti IV^ Classe,
II° Classificato Scuola elementare Matteotti II^ Classe,
III° Classificato (ex aequo) Scuole elementari Mellini - e  III^ Classe e Follereau II^ Classe;
I° Classificato Scuola Media Zangheri I^ A e II° Classificato II^ A.

I premiati per la sezione adulti sono:
 I° Classificato Amare tutto il mondo di Dionigi Mainini;
 II° Classificato Salti e mutandoni di Espedita Grandesso;
 III° Classificato Briciole di Annamaria Drei.
Menzioni di merito per quelle testimonianze di rilevante contenuto provenienti da “Centri di aggregazione”:
Ricordi e ricordi di Olimpia Boldrini (Casa di Riposo Orsi-Mangelli);
 E zòc ed Nadel de “I soci dell’Auser Modigliana”.

I premiati per la sezione migranti italiani sono:
I° Classificato Il ritorno dell’emigrante di Pietro Corsi – California;
II° Classificato Va Pensiero di Eugenia Bentivogli – Svizzera;
III° Classificato Paese che vai usanza che trovi di Vanilla Moro – NY.
Menzione di merito per quelle testimonianze di rilevante contenuto provenienti da “Centri di aggregazione”: Amavo vestirmi bene di Rosa Calipari (Casa di Riposo Zangheri).


Io e l’altro. Le migrazioni: una risorsa o un problema?
Giornata di studio organizzata e promossa dal
Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”
in collaborazione con
la Scuola di Etica ed Economia di Assisi
e l’Istituto d’Istruzione Superiore R. Casimiri di Gualdo Tadino
Venerdì 24 novembre 2006, ore 15.00
presso la Mediateca del Museo Regionale dell’Emigrazione
“Pietro Conti”

La nostra terra inghiottita non esiste sotto i piedi, nostra patria è una barca, un guscio aperto. Potete respingere, non riportare indietro, è cenere dispersa la partenza, noi siamo solo andata. Erri De Luca

Il convegno è incentrato sul dialogo emigrazione-immigrazione. I temi al centro del dibattito riguardano le implicazioni politiche, sociali, economiche e culturali dei complessi fenomeni che attraversano le migrazioni. La giornata di studio, partendo dall’ultimo Rapporto Italiani nel Mondo, compie un breve viaggio nella dimensione storica dell’emigrazione italiana, sottolineando l’importanza dell’istituzione di una rete museale collegata a queste tematiche, per approdare nella seconda parte ad una riflessione sulle trasformazioni politiche, demografiche e culturali che investono l’Italia, terra oggi d’immigrazione. Alla luce di queste trasformazioni appare indispensabile la messa in atto ed il ripensamento di politiche sociali e d’integrazione più efficaci.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Segreteria organizzativa: 075 9142445 ; info@emigrazione.it 


Passaporto brasiliano in mezz'ora in consolato a Milano
Nuova organizzazione per il consolato di Milano.
 Carlos Moscardo, console aggiunto: "Il nostro motto è che accumulare le pratiche è un peccato mortale"

(ASI) - 2 novembre 2006 - MILANO - Una rivoluzione. Passaporti rinnovati in mezz'ora davanti agli impiegati. Legalizzazione di documenti e rilascio del codice fiscale effettuati in una manciata di minuti o al massimo in giornata. Tredici sportelli e un intero piano (il primo) dedicato all'utenza. Il consolato brasiliano di Milano si è dotato di una nuova struttura. Non è solo una questione di ampliamento degli spazi, ma di una più efficiente organizzazione interna. "Il rinnovamento è iniziato un anno e mezzo fa - racconta a Stranieri in Italia il console aggiunto Carlos Moscardo - con l'avvio di una formazione a 360° del personale, prima ingabbiato in un sistema asfittico di ripartizione del lavoro, per cui chi si occupava di visti non sapeva nulla di legalizzazioni e viceversa". A pagarne le spese erano naturalmente i cittadini. "Bastava che la persona addetta a un certo servizio si ammalava o andava in ferie - continua Moscardo - e le pratiche si bloccavano, con liste di attesa sempre più lunghe per i vari tipi di documenti". Nel nuovo consolato di corso Europa (inaugurato ufficialmente il 26 ottobre dopo due mesi di sperimentazione del nuovo sistema di lavoro) tutto è più visibile e controllabile. "E' un metodo di lavoro mutuato dalla quello utilizzato dalla nuova generazione di notai brasiliani - spiega il console - gli impiegati lavorano la pratica di fronte ai cittadini che possono controllare la correttezza della procedura". Ne guadagna la trasparenza, ma anche l'efficienza. "Abbiamo trasformato in una prassi quella che prima era un'eccezione: la consegna in giornata dei documenti. Per rinnovare un passaporto non è più necessario aspettare anche tre mesi. Basta mezz'ora. Il nostro motto è che accumulare le pratiche è un peccato mortale. Perciò qualsiasi documento, con l'eccezione dei visti, che necessitano di una procedura per forza di cose più lunga, cerchiamo di consegnarlo in tempo reale davanti al cliente". Quello milanese è il primo consolato brasiliano a dotarsi di questo sistema organizzativo, completato dall'apertura di una agenzia del Banco do Brasil all'interno della struttura. "Per ora lo sportello bancario serve solo per pagare i servizi consolari - conclude Moscardo - ma con il tempo sarà possibile effettuare anche altre operazioni".
(2 novembre 2006) Andrea Gagliardi


ISTITUTO COOPERAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE (ICEI)
VIAGGIO INTORNO AL TERZO MILLENNIO: IL MONDO E I SUOI PROBLEMI
I PROSSIMI APPUNTAMENTI: Sabato 16 Dicembre 2006:
IL RISPETTO DEI DIRITTI UMANI DA PARTE DELLE IMPRESE: UN DOVERE O UN ATTO VOLONTARISTICO?

Giovedì 23 Novembre 2006 ore 21 precise Biblioteca civica, piazza Unità d’Italia 1/G, Vimercate

NON SOLO EURO: PROSPETTIVE DI INTEGRAZIONE ECONOMICA NELL’UNIONE EUROPEA

Relatori: Felice Besostri docente nel dipartimento Studi internazionali presso la facoltà di Scienze politiche dell’Università degli studi di Milano,  Alessandro Vitale professore aggregato di Relazioni internazionali nell’Università degli studi di Milano.
Moderatrice: Luisa Sanna Centro orientamento immigrati “Franco Verga” 
L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
I PROSSIMI APPUNTAMENTI
Giovedì 30 Novembre 2006: SIAMO TUTTI EUROPEI? L’INTEGRAZIONE SOCIALE DA LISBONA A BUCAREST E A ISTANBUL
----------
Affronteremo il rapporto fra diritti umani e religioni (cristianesimo, ebraismo e islamismo). Per migliorare l’iniziativa, ci sarà più tempo a disposizione per le domande e il dibattito (suggerimento di Luisa Acerbi, Luigi Cogliati e Salvatore Mangano). Il tutto secondo il seguente programma:
Sabato 25 Novembre 2006 ore 16.15 precise  Biblioteca comunale – Sala delle capriate Largo delle scuderie 5, Lainate

I DIRITTI UMANI  E LE RELIGIONI  SONO COMPATIBILI?

Relatori: Fabrizio Eva geografo politico Giuseppe Franchetti direttore di Keshet (Arcobaleno)
Moderatore: Gian Carlo Costadoni coordinatore del ciclo di incontri
L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.


Giornate della Repubblica Dominicana alla Spezia
Esposizione delle opere degli artisti dominicani e mostra di artigianato
 16 - 19 novembre 2006
Inaugurazione il 16 alle ore 17.30 - Centro Salvador Allende
viale Mazzini, 2 La Spezia

 

Partecipano: Ana Silvia Reynoso, Ambasciatrice della Repubblica Dominicana; Mercedes Brito, Console Generale della Repubblica Dominicana a Genova; Giuseppe Ricciardi, Presidente Provincia della Spezia; Giorgio Pagano, Sindaco della Spezia; Giovanni Vesco, Assessore Regione Liguria; Marco Ferrari, Presidente Istituzione per i Servizi Culturali; Roberto Speciale, Presidente Fondazione Casa America; Aldo Sammartano, Presidente Camera di Commercio della Spezia. Vino d’onore gentilmente offerto da Parco Nazionale delle Cinque Terre.
Venerdì 17 novembreore 10.30 - Centro Salvador Allende Presentazione delle opportunità commerciali della Repubblica Dominicana Incontro per operatori del settore a cura di Natalie Isaacs, incaricata per gli affari commerciali della Ambasciata. Sono invitati rappresentanti di: Camera di Commercio, Autorità Portuale, Associazioni degli Imprenditori, ALCE, ecc.
ore 15.30 – Piazza Brin Liguria: nuovi cittadini dall’America Latina. Metodi di integrazione Intervengono: Cinzia Aloisini e Massimo Carosi, Assessori Comune della Spezia; Franco Cimoli, Assessore Provincia della Spezia; Roberto Speciale, Presidente Fondazione Casa America; Andrea Torre, Direttore Centro Studi Medì; Maria Peralta, Associazione dei Dominicani organizzati della Spezia.
ore 17.30 – Piazza Brin Incontro con lo scrittore Marcio Veloz Maggiolo Presenta Marco Ferrari, Presidente Istituzione per i Servizi Culturali; Roberto Speciale, Presidente Fondazione Casa America. Nell’occasione verrà presentato il Dizionario dei Liguri in America Latina della Fondazione Casa America. Sarà a disposizione l’album a fumetti La Sfida di Colombo sempre della Fondazione Casa America.
Sabato 18 novembre ore 16.30 - Centro Salvador Allende Presentazione delle bellezze turistiche della Repubblica Dominicana
Presentazione dell’isola di Santo Domingo con proiezione di video e distribuzione di materiale informativo. A cura di Neyda García, Direttrice dell’Ufficio del Turismo della Repubblica Dominicana a Milano con Andrea Gualco, Fondazione Casa America.
Al termine della presentazione verrà effettuato un sorteggio per un soggiorno di una settimana per due persone a Santo Domingo gentilmente offerto dall’Agenzia Columbus Viaggi – Gruppo del Ventaglio.
Domenica 19 novembre ore 17.00 - Piazza del Mercato Festa Dominicana Esibizione del gruppo musicale Arcobaleno e del gruppo di danza Casandra Damirón.
Durante il periodo delle Giornate della Repubblica Dominicana presso il Centro Salvador Allende gli Enti organizzatori della manifestazione allestiranno desk informativi rivolti ai cittadini stranieri e in particolare ai cittadini dominicani per far conoscere loro le proprie attività (opportunità di lavoro, accesso al credito, servizi alla persona, creazione d’impresa, formazione…)

Ambasciata della Repubblica Dominicana, Regione Liguria, Istituzione per i Servizi Culturali della Spezia, Comune della Spezia, Provincia della Spezia, Camera di Commercio La Spezia, Autorità portuale della Spezia, Fondazione Casa America


Martedì 14 novembre alle ore 17.30, presso la Fondazione Casa America
Presentazione del Dizionario Storico Biografico dei Liguri in America Latina

Ne parlano con Roberto Speciale, presidente della Fondazione Casa America, Gabriella Airaldi, Università di Genova e Franco Sborgi, Università di Genova: Fabio Morchio, assessore alla Cultura della Regione Liguria, Maria Cristina Castellani, assessore alla Cultura della Provincia di Genova, Felice Migone, presidente dell’Associazione Liguri nel Mondo.
Il Dizionario presenta più di 2.100 biografie dei Liguri che, emigrati o presenti in America Latina per periodi prolungati, hanno lasciato una significativa memoria di sé nel continente latinoamericano dall’età della “scoperta” a tutto il Novecento, con esclusione dei soggetti viventi. Il volume contiene importanti relazioni e saggi critici, ma è anche il frutto di un lungo lavoro di ricerca. L’emigrazione ligure fu significativa dal punto di vista storico perché i Liguri furono spesso tra i primi ad avventurarsi in modo pionieristico in quel continente, anche in quei Paesi dove era più difficile arrivare, ma anche dal punto di vista economico, sociale e politico per la creazione di numerosi e floridi nuclei di presenza e per l’influenza che esercitarono in diverse realtà.
La ricerca evidenzia non solo i nomi già noti da Colombo a Belgrano a Garibaldi, ma anche una ricca galleria di artisti, scienziati, marinai, esploratori, imprenditori, uomini politici, ecc., che hanno ricevuto molto da quella terra, ma che hanno anche contribuito al suo progresso e alla sua ricchezza.

Mercoledì 15 novembre, ore 17.15, Presentazione del Concorso Sguardi Latinoamericani in Liguria
e dalle ore 18.00 Corso di formazione della fotografa Giuliana Traverso
Saranno presenti: Roberto Speciale, presidente Fondazione Casa America e Giovanni Enrico Vesco, assessore alle Politiche dell’Immigrazione della Regione Liguria.

Il Concorso Sguardi Latinoamericani in Liguria intende offrire ai cittadini di origine latinoamericana residenti in Liguria un’occasione per valorizzare le proprie attitudini culturali e artistiche. Attraverso tre sezioni (fotografia, video e giornalismo) verrà chiesto ai partecipanti di esprimere come vivono la loro condizione e come vedono la città dove vivono e lavorano e quale sia il loro rapporto con la nuova realtà. Il Concorso prevede una serie di brevi Corsi di Formazione per preparare i concorrenti e comunque accrescere il livello di conoscenza degli ambiti artistico/culturali propri del concorso, grazie ad incontri mirati con esperti dei Media locali.

Fondazione Casa America Villa Rosazza piazza Dinegro, 3 16126 Genova
Tel. (39) 010 2518368 Fax (39) 010 2544101 info@casamerica.it


PRESTO I SICILIANI ALL'ESTERO POTRANNO VOTARE PER CORRISPONDENZA ANCHE ALLE
ELEZIONI REGIONALI - LA SODDISFAZIONE DE L’ALTRA SICILIA

Ben presto i cittadini siciliani residenti all’estero e regolarmente iscritti all’Aire potrebbero esercitare il diritto di voto per corrispondenza anche nelle elezioni regionali. Procede, infatti, al Parlamento della Regione Sicilia - che, lo ricordiamo, è una Regione a statuto autonomo - l’iter del disegno di legge n.19 del 3 luglio 2006 presentato da Salvo Fleres (FI) per "consentire ai concittadini che risiedono all'estero l'esercizio di un diritto e di un dovere civico garantito direttamente dalla Costituzione in piena armonia con gli intenti del legislatore nazionale". È lo stesso Fleres a spiegare il senso della sua iniziativa nella relazione all’Aula del Parlamento siciliano, dove ha presentato nelle settimane scorse il testo sulle "Norme per l'esercizio del diritto di voto dei siciliani residenti all'estero", con il quale la Regione "intende riconoscere il diritto di voto per corrispondenza dei siciliani residenti all'estero nell'elezione dell'Assemblea regionale siciliana, del Presidente della Regione e per i referendum di cui agli articoli 13 bis e 17 bis dello Statuto della Regione siciliana e disciplinarne le modalità di esercizio". "Alla luce del nuovo dettato della legge costituzionale 17 gennaio 2001, n.1 recante modifica dell'articolo 48 della Costituzione, con l'inserimento del terzo comma, concernente l'istituzione della circoscrizione estero per l'esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all'estero e dell'approvazione della legge nazionale che ne ha dato attuazione",  infatti, "non si può", secondo Fleres, "negare la necessità di un intervento normativo sulla materia anche a livello regionale". Il disegno di legge, che ha già ottenuto il parere favorevole della Prima Commissione, attende ora il via libera dell’Aula siciliana, ma anche il visto del Governo nazionale. Il testo prevede che, tra l’altro, che gli elettori siciliani residenti all'estero possano votare per corrispondenza all'elezione dell'Assemblea regionale siciliana, del Presidente della Regione e per i referendum di cui agli articoli 13 bis e 17 bis dello Statuto della Regione siciliana. Gli elettori all'estero voterebbero per la circoscrizione elettorale relativa alla sezione elettorale in cui sono iscritti, con riferimento alle Aire, con le medesime modalità del voto nazionale, già sperimentato in occasione delle recenti elezioni politiche di aprile. Ma potranno altresì
mantenere, nel caso lo vogliano, il diritto di esercizio di voto in Italia. E già arrivano i primi commenti dall’estero, in particolare da Bruxelles. In una nota alla stampa, infatti, "L'Altra Sicilia dà atto al deputato Salvo Fleres di aver raccolto una nostra battaglia storica e di averla portata in Parlamento Siciliano". "Chiunque dia il voto ai Siciliani della diaspora e per qualunque motivo lo faccia è benvenuto e va salutato con favore", commentano da Bruxelles. "Se il progetto diventerà realtà il firmatario forse neanche immagina quale effetto ciò potrà avere sugli equilibri politici interni siciliani", aggiungono, nella speranza che i connazionali all'estero possano un giorno "aiutare quei coraggiosi che lottano ogni giorno in Sicilia per sottrarla alla morsa del sottosviluppo, delle inqualificabili consorterie locali che quasi sempre detengono il potere e dello sfruttamento coloniale continentale". (aise)


Le ACLI Provinciali di Perugia ed il Circolo ACLI "Ora et labora"
in collaborazione con il Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”
Vi invitano all’incontro

L’emigrazione in Argentina: dal romanzo alle storie di vita
Giovedì 16 novembre 2006, ore 17.30
Presso la Mediateca del Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”
via Soprammuro, Gualdo Tadino

PROGRAMMA

SALUTI
Giovanni Pascucci Presidente circolo ACLI “Ora et labora”
COORDINA I LAVORI
Massimo Ceccarelli Presidente ACLI della Provincia di Perugia
INTERVENTI
Ing. Raffaele Arizio Presidente dell’ENAIP dell’Argentina (Ente Nazionale Acli Istruzione Professionale) Coordinamento ACLI America Latina
Una testimonianza: l’emigrazione italiana in Argentina  Cinzia Valentini Responsabile didattica del Museo dell’Emigrazione
L’emigrazione argentina in una romanzo: “Come il re e la regina. Di padre e in figlio in un lungo racconto sul Novecento”, Bonansea Graziella, La Tartaruga, Milano 2004
Patricia Miotti e Alberto Bustos L’esperienza particolare di una famiglia: andate e ritorni dall’Argentina
Al termine della manifestazione è prevista la visita guidata al Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”
In occasione della presenza in Umbria del Presidente dell'ENAIP dell'Argentina è stato organizzato un incontro sull'emigrazione italiana in Argentina. Partendo dalla testimonianza dell'ing. Raffaele Arizio, si approda alla recensione del romanzo "Come il re e la regina. Di padre in figlio un lungo racconto sul Novecento", di Graziella Bonansea (Milano, La Tartaruga, 2004). La vicenda di un figlio che narra prima del padre poi di sé. Alle spalle il carattere funesto degli avvenimenti del Novecento, le guerre, il fascismo, i difficili anni del secondo dopoguerra. Uomini e donne che si smarriscono all'inizio del secolo nella pianura della pampa argentina, o nel ritorno in un'Italia degli anni Venti. A conclusione dell'incontro è prevista la particolare testimonianza dei coniugi Patricia Miotti e Alberto Bustos, di origini italiane ed emigrati dall'Argentina nuovamente in Italia.
Per informazioni: info@emigrazione.it ; tel. 075 9142445


El escritor mexicano Edgar Gonzalez presentará su libro:
 "Cruces y sombras, Perfiles del conservadurismo en América Latina"
 en nuestro país el lunes 6  de noviembre, 7 pm en el Instituto de México.

El libro:
Cruces y Sombras. Perfiles del Conservadurismo en América Latina, es un libro que aborda las raíces históricas, la ideología y actualidad de los movimientos conservadores católicos en los países hispanoamericanos;describe redes y coaliciones internacionales conservadoras; señala personajes y grupos que desde Estados Unidos apoyan a esos movimientos; y proporciona datos sobre las conexiones entre grupos clandestinos de la ultraderecha en diferentes países, como México, Perú y Argentina.


Il nuovo modello di passaporto elettronico dal 26 ottobre disponibile in tutte le Questure e uffici Consolari

Dal 26 ottobre prossimo gli Uffici Consolari italiani all'estero e le Questure rilasceranno un nuovo modello di passaporto, di tipo elettronico, utilizzando più moderne tecnologie che offriranno standard più elevati di sicurezza. Lo rende noto il Ministero degli Affari Esteri, d'intesa con il Ministero dell'Interno.

Il passaporto elettronico è dotato di particolari caratteristiche di stampa anticontraffazione e di un microprocessore che consente la registrazione dei dati, certificati elettronicamente, riguardanti il titolare del documento e l'Autorità che lo ha rilasciato. Un ulteriore dato - relativo alle impronte digitali - potrà essere inserito nel microprocessore, dopo l'adozione di un apposito regolamento in discussione in ambito Comunitario.

Il costo del nuovo passaporto, in ragione della sofisticata tecnologia utilizzata, è stato fissato da un decreto emanato, in data 9 maggio 2006, dal Ministero dell'Economia: in euro 44,66 per il libretto con 32 pagine ed in euro 45,62 per quello di 48.

La tassa annuale di concessione governativa rimane invariata.

L'emissione del nuovo documento di viaggio, previsto da un impegno comune europeo, consentirà di continuare a beneficiare del Visa Waiver Program che autorizza l'ingresso negli Stati Uniti od il transito nei suoi aeroporti senza necessità di visto.

Dal 26 ottobre prossimo potranno infatti entrare o transitare negli Stati Uniti in esenzione di visto solo i titolari di passaporto elettronico, di passaporto con foto digitale rilasciato prima del 26 ottobre 2006, o di passaporto a lettura ottica rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005.


4º Curso em S. Paulo imigração Italiana: dados históricos e pesquisa genealógica
Após o sucesso das 3 primeiras edições no Memorial do Imigrante, vem aí o 4º Curso em S. Paulo:
 Imigração Italiana: dados históricos e pesquisa genealógica

Objetivos do Curso:
· Fornecer uma visão histórica básica sobre a Itália e o Brasil em fins do séc. XIX e início séc. XX, que permitam ao participante conhecer, entender e "sentir" o processo social e a experiência pessoal da emigração/imigração, valorizando seus antepassados.
· Fornecer elementos para que cada participante trabalhe com os dados que ele(a) coletar na própria família e inicie a confecção de sua árvore genealógica.
· Fornecer informações gerais sobre o reconhecimento da cidadania italiana, e instruções e dicas práticas para aumentar as probabilidades do(a) próprio(a) participante localizar a origem de seus antepassados e obter os documentos necessários para iniciar o seu processo.
· NOTA: se o seu único interesse é "tirar o passaporte italiano", este curso não é indicado para você.
Alguns pontos do conteúdo:

Ø História da Itália; causas da emigração/imigração; a viagem; o tripé do desenvolvimento paulista: café, trem, imigrante; a vida do imigrante; influências dos italianos na Capital e interior
Ø Divisão administrativa atual da Itália, mapas da Itália, aspectos geográficos e culturais
Ø Nome/sobrenome: origem; registros eclesiásticos/civis, italianos/brasileiros; alterações no Brasil
Ø Parentesco: no Direito Canônico, no Código Civil italiano e brasileiro, e na linguagem popular
Ø O escudo de família; o que significa descender de imigrantes?
Ø O tipo mais simples de gráfico genealógico: a árvore de costado; outros tipos de representação
Ø Genealogia no computador: programas, pesquisa e intercâmbio de informações via Internet
Ø Glossário genealógico português/italiano/inglês
Ø Pedido de documentos à Itália - cartas-modelo, como proceder
Ø Associações, sites, jornais da comunidade ítalo-brasileira na Capital e interior
Ø Pesquisa mais detalhada nos registros civis e eclesiásticos, na Igreja Mormon e em outros locais
Ø Casos interessantes de pesquisa familiar; reações comuns de familiares no Brasil e dos italianos
Ø Cidadania italiana - o que é? Passaporte: vantagens, mas também deveres. Documentos, passos, prazos
Ø Como o processo é registrado na Itália? Fazer o processo estando na Itália
Ø Bibliografia sobre imigração italiana/café/ferrovias/cidades; Glossário genealógico português/italiano/inglês
Ø Visita guiada ao Memorial do Imigrante: atividade extra, opcional, dia 11, das 10 às 12 hs. Entrada R$ 4,00, R$ 2,00 para estudantes, e gratuita para menores de 7 anos e maiores de 60 anos
Ø Atividade extra, gratuita, dia 25, das 10 às 12 hs: troca de experiências, em conversa informal, sobre reconhecimento da cidadania italiana
Ø VISITA por adesão, a fazendas de café ou ao Porto de Santos (domingo o dia todo, provavelmente no dia 3 de dezembro)

Local do Curso: FILEF / CGIL - anexo ao Patronato INCA R. Alfredo Ellis 68, Predio B – São Paulo, SP
(entre Viaduto Pedroso e Av. Brig. Luis Antonio, perto da Estação São Joaquim do Metrô)
Estacionamento fechado, ao preço especial de R$ 3,00 pelo dia todo
Prof.: Virginio Mantesso Neto, Bacharel em História, 100% ítalo-brasileiro, pesquisador da imigração italiana
Dia/hora das aulas: 4 sábados, 28 de out. e 11, 18 e 25 de nov. de 2006, das 14:00 às 18:00 hs
Inscrição: R$120,00 ; inclui Certificado e água / cafezinho / bolachas
Inf. e Reservas: email cursoimigracaoitaliana@uol.com.br ou cel. (11) 9185-1943


Pensieri Migranti
incontro con l'autore
Vi invitiamo alla presentazione dell'ultimo volume di
Nicola Chiarappa, Momenti, Crace, Perugia 2005
che si terrà sabato 11 novembre, alle ore 10.00 presso
l'Istituto d'Istruzione Superiore Raffaello Casimiri di Gualdo Tadino

L'autore, in un viaggio che attraversa anche i suoi precedenti racconti, Dialoghi con la memoria e Befreiung, raccolta di storie brevi (e dubbi), ci conduce in un viaggio fatto di memorie collettive e private legate all'esperienza dell'emigrazione. Le esperienze di Nicola Chiarappa si leggono come se fossero la sceneggiatura di un film, sceneggiatura costruita con la tecnica del flash-back. I brani si susseguono in un vasto arco di tempo, dalla sua emigrazione in Germania tra gli emigrati italiani negli anni ' 60, ai ricordi della nativa Puglia, alle riflessioni sul fenomeno migratorio dopo il rientro in Italia, in Umbria. I racconti brevi, in uno stile fluido e incisivo, si snodano in un continuo intreccio delle categorie del tempo e dello spazio, nonché in uno svilupparsi di contesti culturali passati e attuali, con anticipazioni di possibili futuri scenari. Gli attimi esistenziali dell'autore si giocano essenzialmente su tre scenari: - il luogo di origine, il "contesto agrario del Sud" e la sua staticità arcaica, quelle terre del rimorso di demartiniana memoria, - la Germania, la terra del riscatto, della crescita culturale, della ricerca personale, la terra della rigidità efficientista con le sue regole e la sua freddezza.  - l'Italia del ritorno, l'Umbria, i suoi dubbi, le sue riflessioni di studioso e di maturo ricercatore. Unitamente all' interesse per i suoi personaggi "verghiani", emerge nell'autore la visione della storia aperta continuamente alla revisione, agli arricchimenti di conoscenze;ma mai di basso profilo propagandistico, una storia che prepara un'etica civile in una società che vuole affrontare il futuro nella consapevolezza critica del proprio passato.


Associazione Giuramento onlus

La nostra associazione “Giuramento onlus ” nasce dalla nostra esperienza di emigrati . Avendo vissuto per molti anni in Germania ci siamo imbattuti molto spesso nelle grandi difficoltà che affrontano i nostri connazionali quando hanno bisogno di cure mediche e di quando, in generale, devono far valere i loro diritti nei confronti delle Istituzioni. La maggior parte di essi non sono pienamente padroni della lingua del Paese che li ospita e quindi, tutto diventa un ostacolo difficile da superare.
Il nostro progetto prende lo spunto proprio da questa situazione e si propone di organizzare una sorta di sopporto medico preventivo, in senso lato. Mille sono le circostanze nelle quali (parlo della Germania solo ad esempio) nelle quali la difficoltà di spiegarsi bene condiziona la vita dei nostri connazionali: una per tutte: i nostri bambini vengono quasi automaticamente etichettati come sottosviluppati e "consigliati" ad iscriversi a scuole particolari, nelle quali la gran parte dei frequentatori è di estrazione turca o italiana, appunto e solo una piccolissima percentuale è composta da bimbi tedeschi con seri problemi di apprendimento! E vuole sapere qual'è il fatto più grave? Il bimbo "invitato" ad iscriversi alla sonderschule (così si chiama) viene valutato dal punto di vista psicologico soltanto dall'insegnate scolastico! Non uno psichiatra, uno psicologo!
Tante e poi tante sono le disparità di trattamento che abbiamo notato nel corso degli anni, che alla fine abbiamo deciso di far qualcosa per questi nostri connazionali dei quali ci si ricorda solo al momento del voto.
Il mezzo che usiamo attualmente ( la nostra base di partenza) è un forum inserito nel nostro sito www.giuramento.it  nel quale i medici che fanno parte dello staff rispondono ai quesiti dei nostri visitatori.
Molto presto, però, vorremmo organizzare visite mediche periodiche per le varie branche mediche direttamente presso i consolati Italiani all’estero. Come già esposto, stiamo partendo dalla situazione tedesca, ma contiamo (e ne abbiamo le possibilità) di portare il nostro volontariato anche in altre nazioni: dovunque esista una comunità italiana da supportare.
Ci affianca di un equipe medica altamente specializzata disponibile a seguirci ovunque nel nostro progetto.
Francoise De Rosa
 
www.giuramento.it  via Tuscia 2 -  00053 Civitavecchia-  Tel 3287178606 fax 076 6679804


Un nuovo nato tra i quotidiani per gli italiani nel mondo: L'ITALIANO

Abbiamo il piacere di annunciare la nascita del quotidiano per gli italiani nel mondo L'ITALIANO. Ci teniamo a dire che L'ITALIANO non nasce certo in concorrenza con gli ottimi quotidiani italiani all'estero che, pur in condizioni difficili, da molti anni svolgono egregiamente la loro funzione di informare e tenere unite le comunità italiane nel mondo. La funzione de L'ITALIANO è complementare con le sue peculiarità: essere l'unico quotidiano per gli Italiani nel mondo edito in Italia e diffuso all'estero a rivolgersi
a tutti gli italiani nel mondo e non a quelli di determinati  Paesi o aree. In rete (www.litaliano.it) il numero 0 in attesa di registrazione, fino alla quale il giornale sarà esclusivamente in forma elettronica. Una volta ottenute le regolari autorizzazioni, ogni giorno verranno inviati circa 50.000 messaggi ad altrettanti indirizzi di posta elettronica in tutto il mondo per segnalare l'edizione quotidiana de L'ITALIANO sul sito internet. Contiamo di ampliare man mano il nostro indirizzario per arrivare ad almeno 100.000 indirizzi entro un anno. Per il primo mese stamperemo 3.000 copie a 4 pagine e le invieremo per posta ad indirizzi selezionati di tutto il mondo. Entro sei mesi arriveremo a 10.000 copie ad 8 pagine. Purtroppo in questo periodo il giornale, essendo spedito da Roma, arriverà ai destinatari 3 o 4 giorni dopo.Ecco perché nel frattempo ci organizzeremo per stampare in varie parti del globo edizioni teletrasmesse. Quando saremo a regime, comunque entro un anno, arriveremo a stampare 50.000 copie con l'obiettivo di raggiungere le 100.000 nell'anno successivo. Abbiamo messo su una redazione con giornalisti professionisti e pubblicisti di prim'ordine, gente che ha collaborato a giornali come Il Giornale, Libero, Il Secolo d'Italia, Il Riformista, gente che ha scritto libri di successo. Di volta in volta ospiteremo le opinioni di personaggi importanti. Vogliamo essere un giornale di approfondimenti, di riflessioni e, perché no, di denunce e di polemiche. Chi ci leggerà non si annoierà di certo. Siccome persino il quotidiano più  diffuso 
in Italia, IL CORRIERE DELLA SERA, da sempre ritenuto il giornale indipendente per antonomasia ha dichiarato, per bocca del suo direttore, una sua propensione politica per il centrosinistra, sarà concesso a noi dichiarare onestamente la nostra appartenenza al centrodestra. Ma sia ben chiaro che non siamo il bollettino di questo o quel partito, di questa o quella organizzazione. Scriviamo quello che ci pare giusto scrivere, da uomini liberi di centrodestra. 
Il Direttore Gian Luigi Ferretti e tutta la Redazione

Inizio col botto a Guidizzolo per la campagna abbonamenti. 

Oltre alla novità assoluta della pre-stagione, costituita da tre appuntamenti di cabaret, iniziati lo scorso venerdì con la presenza sul palcoscenico di Alberto Patrucco, direttamente da Zelig, che proseguirà per i prossimi due con Luca Klobas e Diego Parassole, sabato è stata anche la prima giornata per effettuare gli abbonamenti alla stagione classica, per la riconferma e prelazione dei vecchi abbonati. Un avvio ben augurante, oltre 150 abbonamenti staccati, che rappresentano già il 55% dei posti disponibili e che si avviano a minare il record dello scorso anno, 181 abbonamenti oltre il 67% della capienza. In questi giorni l’apparato pubblicitario del Comune coadiuvato dalla Biblioteca Comunale si appresta a sensibilizzare anche i comuni vicini, sempre mantenendo ottimi rapporti di vicinato e competenze territoriali con gli altri teatri della zona, distribuendo manifesti, locandine e programma della stagione che inizierà il prossimo 18 novembre, quindi ancora un mese abbondante per sottoscrivere l’abbonamento che con solo 100 euro, permette di assistere ai 6 spettacoli principali, di avere la prelazione poltrona su quelli fuori abbonamento, comunque di assistere a spettacoli a poco più del costo di una pizza. Una politica dei prezzi, quella perseguita dal Comune di Guidizzolo, sempre molto attenta al giusto equilibrio costi-qualità nonostante gli incrementi costanti degli spettacoli e delle produzioni teatrali. Sforzi che vengono parzialmente compensati dalla partecipazione dei sostenitori privati, molto sensibile a Guidizzolo, e dagli spettatori che permettono sempre gestioni accorte ed oculate, sapendo di poter contare su una discreta partecipazione di pubblico.

Ricordiamo che gli abbonamenti si possono sottoscrivere direttamente a Guidizzolo alla Biblioteca Comunale, ma possono essere anche prenotati al Box Office di Mantova, mentre per i biglietti dei singoli spettacoli da quest’anno, grazie anche alla tecnologia, si potranno acquistare, anche in un'unica soluzione più prenotazioni, sempre presso i punti vendita di Guidizzolo e rete Box Office.

18 novembre 2006 
ore 21.15 

Intero 18,00 € ridotto 15,00€

PREDISPORSI AL MICIDIALE 
di e con

ALESSANDRO BERGONZONI  
Regia ALESSANDRO BERGONZONI – RICCARDO RODOLFI
Scene MAURO BELLEI
Produzione PROGETTI DADAUMPA srl
Ufficio stampa LICIA MORANDI
Impianto tecnico TEMA srl

Non è mai facile raccontare i perché e i percome un bel giorno si senta la necessità di allestire uno spettacolo: ancor più se questo continua poi a variare,  moltiplicarsi, sfaccettarsi sera dopo sera. Perché proprio questa è, stavolta, la scommessa: costruire uno spettacolo continuamente mutante ma non rispetto al rapporto palcoscenico – platea ma rispetto invece al legame chimico artistico cervello -  elaborazione – accadimento drammaturgico. E’ Bergonzoni, e con lui lo spettacolo, che tutte le repliche vuole essere diverso. Ma attenzione, senza usare però nessun modulo improvvisativo, tanto che ci è impossibile dire in che percentuale e a che punto comincerà a cambiare le sicurezze acquisite la sera prima. Un artista che oltre a non voler la rete cambia anche in continuazione i propri attrezzi e i numeri migliori per avvicinarsi a scenari da lui mai immaginati fino a quel momento esatto. Le uniche “certezze” assolute sono quindi la scena di Mauro Bellei e l’orario di inizio, perché su quello della fine francamente non è dato sapere. E’ solo lasciando le certezze al di fuori della sala teatrale che “Predisporsi al micidiale” può essere letto anche come un consiglio comportamentale da seguire scrupolosamente per collaborare alla “trance” comica che inizia a svolgersi in palcoscenico per dipanarsi poi in platea aggrovigliando pubblico ed artista in gomitolo di lana metafisica.Riccardo Rodolfi  

 

2 dicembre 2006
 ore 21.15

Intero 18,00 € ridotto 15,00€

Enrico Beruschi

in
QUEL TRANVIERE CHIAMATO DESIDERIO
Commedia comica in due atti di
Sergio Cosentino
Scenografia e costumi  Laura Laciniati, regia Sergio Cosentino

Alvaro, un uomo sui sessant’anni è un tranviere milanese in pensione. Dopo trent’anni di onorato servizio, si è trasferito in campagna in un paesino proprio al confine con la Svizzera. Con lui abita la madre Rosa , una donna in gambissima di ottant’anni che ha avuto due mariti, il padre di Alvaro (italiano) e il padre di Frank (Svizzero), un uomo anch’egli sui sessant’anni che non accetta l’idea di invecchiare e cerca di mantenersi giovane fino al ridicolo. Frank ha girato il mondo ma non ha costruito nulla di solido. E’ un farfallone poco serio, un giocatore incallito che ogni tanto si ripresenta alla mamma in cerca di aiuto, soprattutto economico. Tutto in quell’abitazione parla ancora del vecchio tram di Alvaro alla guida del quale era chiamato Desiderio perché quando ad una fermata nessuno saliva o scendeva, lui chiedeva a tutti i viaggiatori di esprimere un desiderio, appunto.

In quella casa quindi la vita scorre tra le sue piccole manie, le visite a Rosa di Gepi  (una guardia di confine) ed i battibecchi tra Alvaro ed  il fratello che fra l’altro, essendosi venuto a trovare per l’ennesima volta in difficoltà, si è trasferito definitivamente lì.Non riuscendo a gestire la casa abitata da entrambi i figli, Rosa decide di richiamare Luisa, una bella donna sui quarant’anni che già vent’anni prima lavorava per lei svolgendo la mansione di collaboratrice domestica appunto. Dai discorsi tra Luisa e Alvaro veniamo ben presto a scoprire che i due hanno vissuto una storia d’amore ai tempi della prima permanenza di Luisa in quella casa e che lei, terminata quella storia, soffrendo molto e trovandosi un po’ smarrita ha avuto un breve flirt con Frank. La cosa non sarebbe di grande importanza se non perché Luisa è madre di Ilaria, una ragazza proprio di vent’anni che viene a sua volta a stabilirsi in quella casa. Inizia così un nuovo motivo di scontro fra i due fratelli assolutamente decisi a scoprire se Ilaria sia figlia dell’uno o dell’altro. Ben presto il confronto monta fino ad assumere toni parossistici tanto che la casa viene letteralmente divisa in due da una sorta di dogana centrale che separa la zona italiana da quella Svizzera. Nel frattempo Gepi, il giovane doganiere, si innamora di Ilaria e, con la complicità di Rosa, organizza per la ragazza la consegna di un anello come pegno del suo amore, trasformando però tale azione in un momento di grande comicità. Stanca dell’atteggiamento di Alvaro e Frank, finalmente Luisa rivela la paternità di Ilaria non prima che si siano verificati dei divertenti colpi di scena.

13 gennaio 2007 ore 21.15

Intero 15,00 € ridotto 5,00€

COMPAGNIA BESANA TEATRO
DON GIOVANNI
MOLIERE
Regia di Giuseppe Riva  

Siviglia, XVI secolo. Il Commendatore accorso in difesa dell'onore della figlia Donna Anna, viene ucciso dall'audace seduttore, il nobile Don Giovanni: Il duca Ottavio, promesso sposo di Donna Anna, giura di scoprire l'assassino, mentre questi fugge coperto dalle tenebre assieme al servo Leporello.
Raggiunto da Donna Elvira, una delle passate amanti, Don Giovanni abbandona ancora la scena, lasciando Leporello a sciorinare il "catalogo" delle conquiste amorose dello straordinario seduttore. Intanto si stanno svolgendo i festeggiamenti per le nozze di due contadini, Masetto e Zerlina: Don Giovanni seduce la sposina e, con minacce e lusinghe, riesce a star solo con lei. Ma arriva Donna Elvira, la quale sottrae Zerlina alle mire di Don Giovanni. Donna Anna riconosce dalla voce di Don Giovanni che egli è l'assassino di suo padre e, accompagnata da Don Ottavio e Donna Elvira, si dirige al castello di Don Giovanni, dove si sta svolgendo la festa organizzata "in onore" di Zerlina. Qui Don Giovanni viene smascherato e su di lui viene invocata la vendetta del cielo. Nel secondo atto, dopo altri inganni perpetrati grazie allo scambio di abiti con Leporello, Don Giovanni si rifugia in un cimitero, dove beffardamente invita a cena la statua del Commendatore. Tornato al suo castello, Don Giovanni si siede a tavola, respingendo l'ultimo tentativo di Donna Elvira di farlo ravvedere. Anche quando giunge la statua del Commendatore, che lo invita a pentirsi, Don Giovanni non arretra. È l'ora fatale: la terra si squarcia e Don Giovanni viene inghiottito tra le fiamme. Infine, Zerlina e Masetto celebrano le loro nozze, Donna Anna e Don Ottavio progettano la loro unione, Donna Elvira annuncia di volersi ritirare in un convento e Leporello va all'osteria, "a cercar padron miglior". L'opera, meravigliosa e immortale, si ispira al celebre mito di Don Giovanni, entrato nella letteratura nel 1630 con Tirso de Molina, per poi passare attraverso la penna di Molière e di Goldoni.

 

 

27 gennaio 2007 
ore 21.15

Intero 18,00 € ridotto 15,00€

Il Formicone
di Publio Filippo Mantovano.
Regia:  Restani – Latagliata

Con gli attori diplomati alla Scuola di Arti Teatrali di Mantova.

Una farsa cinquecentesca, scritta per una accademia teatrale dell’epoca di Andrea Mantegna, riporta in scena l’energia e la vitalità di un gruppo nutrito di giovani comici. L’esilarante testo che rimanda al teatro comico latino e all’Asino d’oro di Apuleio, apre uno scorcio su quella che sarà la più tarda commedia dell’arte e riempie la scena con il brillante trasformismo degli interpreti. Una girandola linguistica alimentata dai continui cambi di costume e di ruolo trattiene lo spettatore per il tempo fugace di una rappresentazione inedita.  

 

10 febbraio 2007 ore 21.15

 

Intero 15,00 € ridotto 5,00€

rigoletto

Intenso dramma di passione, tradimento, amore filiale e vendetta, Rigoletto non solo offre una combinazione perfetta di ricchezza melodica e potenza drammatica, ma pone lucidamente in evidenza le tensioni sociali e la subalterna condizione femminile in una realtà nella quale il pubblico ottocentesco poteva facilmente rispecchiarsi. Dal punto di vista musicale abbiamo, fin dal preludio, il ripetersi costante del Tema della maledizione, la ripetizione della nota Do in ritmo puntato.

 

 

17 febbraio 2007 ore 21.15

Intero 18,00 € ridotto 15,00€

LE INTELLETTUALI
di Molière
con
Salvatore Caruso  Beatrice Ciampaglia Arturo Cirillo  Michelangelo Dalisi  Rosario Giglio Giovanni Ludeno Monica Piseddu  Antonella Romano Sabrina Scuccimarra  regia  Arturo Cirillo

Lo spettacolo non è ambientato a Napoli, se fosse recitato in francese si potrebbe dire che è ambientato a Parigi. Se gli spettatori riscontreranno talvolta degli accenti napoletani questo dipende da altri motivi: dovendo fare una commedia che ha tra le sue tematiche quella del linguaggio e la sua parossistica degenerazione, e dovendo trovare un piano di realtà nell'oggi, mi sono riferito a realtà pacchiane a me, e ai miei attori, familiari. Non credo nella lingua italiana come lingua del teatro, come lingua capace di portare l'attore ad una sua fisicità e di metterlo in rapporto con la sua "storia".
Lo spettacolo non sposa una tesi, o un partito, si cerca di stare dalla parte di tutti e contro tutti, perché grazie alla grandezza di Molière ogni personaggio ha le sue ragioni che convivono con una bella dose d'ipocrisia. I moventi sono nobili i fini ignobili.
Lo spettacolo è corale e presuppone una compagnia che sappia giocare insieme, e che tutti i personaggi abbiano un loro respiro, una loro personalità e se, come spero, ci siamo riusciti è molto grazie a degli attori che sanno essere autori più che esecutori.
Lo spettacolo ha come protagonista il teatro, è quindi finto ma dice delle verità, si sta recitando e si parla del mondo con i suoi poteri e le sue perversioni.
Lo spettacolo non è completamente nell'oggi o nell'allora del diciassettesimo secolo, è nel presente contraddittorio della rappresentazione. Do fiducia a Molière e credo che ci possa dire tante cose su di noi, le nostre famiglie, i nostri intellettuali, le nostre complicazioni sessuali, il nostro egoismo, pur restando se stesso.
Lo spettacolo dovrebbe parlare da solo e se ho scritto queste note è solo per contraddirmi un pò.
Arturo Cirillo
 

 

21 marzo 2007 ore 21.15 Intero 18,00 € ridotto 15,00€

Vuoti a rendere
autore: M. COSTANZO  con: VALERIA VALERI - PAOLO FERRARI   Regia di: GIANCARLO ZANETTI  

Tra divertimento e malinconia, tra un presente sbiadito e un futuro smorzato dalla nostalgia, Vuoti a rendere è un momento di riflessione che una coppia matura si concede, alla fine della più lunga tappa della propria vita. Federico e Isabella, come sempre più spesso accade, vengono sfrattati dalla loro casa, quel tetto coniugale che li ha visti protagonisti per più di vent'anni. La tragedia, almeno per quel brontolone di Federico è che a sfrattarlo è quell'unico figlio messo al mondo: Marcello. Come "vuoti a rendere", mamma e papà vengono spediti in campagna, luogo che più si addice a quella che con un dolce eufemismo viene definita la "mezza età", il tempo cioè in cui la vita appannata dagli anni, si riduce drammaticamente degli spazi dedicati ai progetti, al futuro. Il trasloco è dunque la metafora del cambiamento di rotta, l'occasione per il bilancio di una vita passata tra mille frustrazioni, mille equivoci, mille sogni non realizzati, come quell'ingenua infatuazione, mai confessata, di Isabella. Un adulterio mai consumato, una tenera concessione alla voglia di ripercorrere emozioni e sentimenti di un altro tempo. Quel romantico viaggio a Parigi sempre sognato e mai realizzato. Le speranza di una carriera professionale, frenata dal raccomandato di turno, e poi la casa frutto di tanti sacrifici, ricompensati con uno sfratto. E insieme ai bauli che si chiudono, pronti per il viaggio, Federico e Isabella celebrano il tempo che fu, stretti sempre e comunque da un affettuoso legame che li ha visti percorrere insieme i difficili sentieri della vita di coppia.  

 

31 marzo 2007 ore 21.15 
Intero 18,00 € ridotto 15,00€

LA GUERRA DEI ROSE'S   Autore: W. ADLER  
Con: GIANCARLO ZANETTI - LAURA LATTUADA 

Regia di: UGO CHITI 

Sterpitosa commedia nera, acida e cattiva al punto giusto, che smonta con perfidia tutti i luoghi comuni sul matrimonio. Un meccanismo drammaturgico perfetto trascina la storia di due individui in un crescendo parossistico che descrive una realtà molto attuale. Una storia di amore e poi di follia. Dal loro incontro adolescenziale, all'amore a prima vista, fino al matrimonio. Poi un giorno qualcosa nella loro perfetta vita di coppia si rompe. Succede che Barbara si stanchi della vita di "angelo del focolare" impegnata solo a organizzare ricevimenti e feste e ad aspettare il ritorno a casa di Jonathan, avvocato di successo troppo preso dal lavoro per accorgersi delle aspirazioni della moglie, che vorrebbe farsi una carriera. L'infarto da stress che ferma Jonathan fa capire a Barbara che in fondo la vita da divorziata non sarebbe poi male, e nonostante l'opposizione del marito organizza le pratiche di divorzio. Inizia fra i coniugi una guerra accanita: costretti a vivere separati nella stessa casa. L'amore diventa odio, il senso del possesso sfida, l'orgoglio strategia di attacco. Subentrano ripicche, scherzi atroci, rivalse, cattiverie in un turbine di porcellane preziose rotte e dì odio reciproco, tanto forte quanto forte era stato il loro amore. Nessun pudore di sentimenti, nessun rimorso e purtroppo, come avviene spesso in questi casi, nessuna vittoria. l reciproci perfidi dispetti determinano dapprima la totale devastazione della splendida casa e infine la morte di entrambi, che precipitano nel vuoto appesi al grande lampadario di casa. Da non dimenticare lo straordinario successo del film di Danny De Vito con Michel Douglas e Katleen Turner.

 

 Informazioni per l’acquisto dei biglietti

Dove?                                                 Quando?

al teatro                                                nelle serate di apertura del teatro dalle 20.00 sino alle 21.30

al Box Office di Mantova                      che ha già aperto tutti gli spettacoli sino a marzo 2006,

alla biglietteria in Guidizzolo                   su prenotazione e successiva consegna

Abbonamento a 6 spettacoli euro €100,00

Abbonamenti a partire dal 7 fino al 27 ottobre presso Biblioteca Comunale  

Biglietti singoli spettacoli in vendita presso Cartoleria Carta & Matita – via Rodella 8 – 46040 Guidizzolo – 0376/818455 ed inoltre circuito Box Office Mantova e On-line su www.mantova.com


 Incontro pubblico con i parlamentari italiani eletti in America Latina,
 con il viceministro per gli Italiani all’Estero.

 Idee e proposte di lavoro e di iniziative
Sabato 30 settembre alle 15.00
 
Villa Rosazza piazza Dinegro, 3 - 16126 Genova

Intervengono on. Giuseppe Angeli, on. Marisa Bafile, on. Ricardo Antonio
Merlo, sen. Luigi Pallaro, sen. Edoardo Pollastri e il Viceministro del
Ministero degli Affari Esteri, sen. Franco Danieli

Presenta Roberto Speciale, presidente della Fondazione Casa America
Saranno presenti: prof. Adriano Giovannelli (Pro Rettore Università di Genova); Roberta Pinotti (Presidente della Commissione permanente alla Difesa della Camera dei Deputati); amb. Bernardino Osio (Segretario Generale Unione Latina, Parigi); sen. Carlo Rognoni (Consigliere RAI), prof. Victor Uckmar (Professore emerito Università di Genova), ass. Giovanni Vesco (Regione Liguria).
Sono state invitate le Autorità locali e consolari, rappresentanti delle realtà economiche, della società civile e della cultura.

Fondazione Casa America Villa Rosazza piazza Dinegro, 3 16126 Genova
Tel. (39) 010 2518368 Fax (39) 010 2544101 info@casamerica.it
 

Martedì 26 Settembre alle 17.30 si terrà a Villa Rosazza, l’incontro - dibattito La rivolta dei Pinguini incentrato sui movimenti studenteschi cileni delle scuole secondarie, nel periodo che va dagli anni ’80 ad oggi. Il dibattito sarà preceduto dalla proiezione di parti del documentario Actores Secundarios, che ricostruisce le manifestazioni degli anni ottanta attraverso le interviste di vari studenti che allora presero parte al movimento e spesso lo organizzarono. Con filmati e foto di quegli anni si ripercorre un periodo molto importante per la società cilena, quello degli anni dal ’83 al ’89, cioè fino alla caduta della dittatura.
Parteciperanno al dibattito:
Roberto Speciale, Presidente della Fondazione Casa America
Paolo Hutter, giornalista, militante ambientalista amico del Cile dove giovanissimo fu arrestato e portato allo Stadio Nazionale durante il golpe del ’73. Nel 2004, per le edizione Il Saggiatore, ha pubblicato “Diario dal Cile” che racconta la sua esperienza nel ’73 ed il suo primo ritorno, trent’anni dopo, nel 2003.
Marco Coscione, appena tornato dal Cile dove è stato testimone delle manifestazioni degli studenti avendo lavorato per nove mesi a Santiago del Cile, dal novembre del 2005 all’agosto di quest’anno.

Fondazione Casa America Villa Rosazza piazza Dinegro, 3 16126 Genova
Tel. (39) 010 2518368 Fax (39) 010 2544101 info@casamerica.it

 


Il Notturno oo
presenta
Le donne nella canzone d'autore italiana degli ultimi trent'anni

Sabato 30 settembre 2006 alle ore 11 presso lo Stadtgarten di Weingarten, la città tedesca della regione del Württemberg gemellata con Mantova, sarà rappresentato lo spettacolo musicale Dolcemente complicate, le donne nella canzone d'autore italiana degli ultimi trent'anni, canzoni di Loredana Berté, Gianna Nannini, Mia Martini, Fiorella Mannoia, Carmen Consoli e d’altre stelle della musica leggera italiana, interpretate da Anna Luppi e Mariaelena Valenti e accompagnate dalla  DUEDIDUE BAND (Massimo Minotti: chitarra elettrica e voce, Alberto Pavesi: batteria, Giancarlo Zucchi: tastiere, Massimiliano Perboni: basso).

L’iniziativa patrocinata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Mantova, s’inserisce nell’ampio ciclo d’eventi legati alla promozione del Cantestate, il concorso canoro di musica leggera, giunto alla decima edizione che nella finale del 5 agosto scorso a Mantova ha consacrato Mariaelena Valenti vincitrice del Premio Notturno.


Premiazione del Concorso Letterario Storia e Storie: “Modi di moda”
 domenica 1 ottobre al Parco Incontro di Via Ribolle Forlì

Fantasie d’Autunno, cultura in azione
La premiazione del Concorso Letterario Storia e Storie: “Modi di moda” per le sezioni adulti e migranti italiani, si terrà nel pomeriggio di domenica 1 ottobre al Parco Incontro di Via Ribolle (Forlì), alla presenza del Sindaco Nadia Masini e delle Autorità cittadine. Lo sfondo sarà la gran festa Fantasie d’Autunno. Per l’occasione alcuni attori interpreteranno i passaggi più significativi dei testi premiati. L’iniziativa è promossa da Circoscrizione 5 ed Auser Volontariato Forlì con la collaborazione di: Amnesty International GR225, Comitato Volontari Parco Incontro, Associazione sportiva Pattinodromo, Centro Educazione Ambientale “La Còcla”, Associazione Donne nel Mondo, Centro per la Pace “Annalena Tonelli”, Forno Pasticceria Agatensi e Coop Adriatica.

Nel corso della festa alla presenza dei molti amici che collaborano all’VIII edizione di Fantasie d’Autunno sono in programma diversi spettacoli, a partire dalle ore 15,00. In apertura l’esibizione “Quando i pattini erano a rotelle” di Forlì Roller, seguita da “… e la banda passò …” con una magistrale esibizione della Power Marching Band, per chiudere con l’anteprima nazionale della mostra “Manifesti in T-shirt” grazie agli amici del blog Florio Amado  ( http://florioamado.splinder.com ). I primi 60 anni della Vespa, lo scooter più famoso al mondo, verrà ricordato con “fin che la vespa va lasciala andare” grazie al Vespa Club Romagna.

Modi di moda … la nostra cultura e quella degli altri sono frutto di un processo dinamico di cambiamento … Il tema Storia e Storie di quest’anno è interpretato anche con altre 5 esposizioni: Il mutamento sociale attraverso l’arte mostra delle opere pittoriche del corso tenuto dall’artista Gino Erbacci, La storia in gioco – mutamento e tradizione nelle carte da gioco a cura di Ottorino Bartolini, Dolce e moderno come lo zucchero collezione di Camprini Paolo, Le “radici” narrate per immagini a cura di Auser Portico di Romagna, Antico e contemporaneo … tango revoluciòn con l’Associazione Medialuna. In contemporanea, tra i numerosi stand si potrà quindi approfittare dello “Stage gratuito di sfoglia al matterello” delle Sfogline di AUSER Forlimpopoli, visitare l’Infopoint di Amnesty International e i lavori delle Scuole partecipanti al concorso. Dopo una passeggiata fantastica con ANFFAS in “Usi e costumi a fumetti” si potrà tingere con le erbe officinali de “I colori della natura” proposta da La Còcla e praticare il Vintage - idee meraviglia con i laboratori di Auser Volontariato. Da non perdere poi l’attualità culinaria de “Lasciateci almeno il piatto!” con lo Stand gastronomico in funzione per tutto il pomeriggio, a cura del Comitato Volontari Parco. Per la curiosità di tutti i bambini intervenuti non mancherà la favolosa pesca gratuita con gadget offerti da Coop Adriatica, Forlì Roller e cittadini. In caso di maltempo la premiazione si svolgerà all’interno della struttura del Pattinodromo di via Ribolle.

 


Quarta Festa Provinciale del Volontariato Mantovano 22 e sabato 23 settembre

La quarta Festa Provinciale del Volontariato Mantovano si svolgerà nelle giornate di venerdì 22 e sabato 23 settembre. Le OdV del territorio torneranno ad animare il centro di Mantova con l’intento di farsi conoscere e di stringere contatti sempre più stretti tra loro e con la cittadinanza. Il CSVM, che anche quest’anno coordina l’organizzazione dell’evento, sta lavorando per cercare di rinnovare il successo della scorsa edizione. Le esposizioni dei vari gruppi di volontariato si snoderanno da piazza Marconi a piazza Sordello, dove sarà eretto un grande tendone che accoglierà gli eventi più spettacolari della kermesse. La festa celebrerà l’idea del lavoro in rete tra associazioni e quest’anno privilegerà la musica come momento di unione ideale tra i vari gruppi presenti e la cittadinanza.
Si comincerà venerdì 22, alla sera, con un concerto a cura dell’Orchestra del Conservatorio di Mantova. Per la giornata successiva sono state coinvolte altre istituzioni musicali mantovane, tra le quali la Nuova scuola di musica, l’ensemble del Contardo Ferrini, AlfabetaMusica e il Conservatorio di Mantova. Da segnalare che, in occasione della festa, verrà presentata una canzone dedicata al volontariato, una sorta di inno che il CSVM spera possa diventare popolare ben oltre i confini provinciali. L’autore del brano è il cantautore Luca Bonaffini. Non mancheranno esibizioni teatrali curate da gruppi mantovani. Queste le prime anticipazioni; prossimamente verrà pubblicato il programma ufficiale della festa.

“Scatti… di solidarietà”, ecco il bando della seconda edizione
Il Centro Servizi Volontariato di Mantova istituisce per il secondo anno consecutivo il concorso fotografico dal titolo “Scatti… di solidarietà”. Lo scopo del bando è quello di promuovere la cultura del volontariato e il tema dell’edizione 2006 è “Muoversi è un diritto”. Le opere devono essere spedite via posta o consegnate a mano entro e non oltre lunedì
11 settembre 2006.
Per visualizzare il bando e la domanda di partecipazione:
http://www.csvm.it/downloads/Regolamento%20e%20iscrizione.pdf 

“I giovani dentro il volontariato” edizione 2006
E' stata indetta dal CSVM la quarta edizione del premio “I Giovani dentro il volontariato”, rivolto a prodotti realizzati da studenti che hanno svolto attività di volontariato.
Scadenza il 9 settembre 2006. Ecco il regolamento:
http://www.csvm.it/downloads/sesto%20libretto%20studenti.pdf 

vedi resoconto >>>>


Torneo scacchi gratuito per Principianti.

Con il Patrocinio del Comune di Roma VII Municipio, sabato 9 settembre 2006, in occasione della "Notte Bianca", presso la Biblioteca G. Rodari (Roma, Via Vittorio Olcese 28), dalle ore 21 alle 24 Torneo scacchi gratuito per Principianti. Previsto anche un tabellone per "esperti". Premi per tutti i partecipanti.
 È raccomandata prenotazione.Info: Locatelli 333.9279226 - grazianol@yahoo.it
Per maggiori dettagli sull'evento: www.elo3000.it

 


XXIV FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FOLCLORE
BERGAMO 20 – 27 AGOSTO 2006

PROGRAMMA
Domenica 20 – 08 Ore 21.00 FESTIVAL ITINERANTE : Sampari Manokwari da WEST PAPUA a Pognano (Bg),
Martedì 22 – 08 Ore 21.00 FESTIVAL ITINERANTE : Sampari Manokwari da WEST PAPUA a TIONE (Tn),
Mercoledi 23 – 08 Ore 21.00 FESTIVAL ITINERANTE : Wisniowa Gòra dalla POLONIA a TIONE (Tn), Sampari Manokwari da WEST PAPUA a GANDOSSO (Bg),
Giovedi 24 – 08 Ore 21,00 FESTIVAL ITINERANTE : Wisniowa Gòra dalla POLONIA a PARRE (Bg), Danzas Yacambù dal VENEZUELA a TIONE (Tn), Sampari Manokwari da WEST PAPUA alla parrocchia di S. Alessandro in Colonna (Bg).
Venerdi 25 – 08 Ore 11.00 Comune di Bergamo : Saluto del Sindaco alle rappresentanze di tutti i gruppi con ricevimento nella Residenza Municipale.
Ore 20,30 Spettacolo in Piazza Vecchia in Città Alta a Bergamo: Wisniowa Gòra dalla POLONIA, Danzas Yacambù dal VENEZUELA  Sampari Manokwari da WEST PAPUA , Djangar dalla KALMYKIA ( RUSSIA ), e Notter de Bèrghem ( de sura ) da San Pellegrino ( Bg) .
Sabato 26 - 08 Ore 12,00 Cortile esterno Chiesa Ipogea Seminario Città alta a Bergamo: Dopo la celebrazione del Pontificale di Sant’Alessandro spettacolo folcloristico di saluto alle autorità religiose e civili.
Ore 21.00 Spettacolo in Piazza Pontida : “CANTUNOVU” della Compagnia di musica tradizionale SICILIANA.
Ore 21,00 FESTIVAL ITINERANTE : Wisniowa Gòra dalla POLONIA a Rota Imagna ( Bg) , Djangar dalla KALMYKIA ( RUSSIA ) a TIONE (Tn), Danzas Yacambù dal VENEZUELA a Romano di Lombardia (Bg).
Domenica 27 – 08 Ore 10,30 Chiesa del Carmine – Città Alta -Bergamo: S. Messa con la partecipazione di tutti i gruppi in abito tradizionale.
Ore 15,30 Spettacolo in Piazza Pontida : Concerto del Coro del Ducato di Piazza Pontida
Ore 16,00 Quadriportico del Sentierone : Ritrovo di tutti i gruppi stranieri e Italiani ed inizio della sfilata lungo il Sentierone
Ore 16,30 Spettacolo in Piazza Pontida : Spettacolo di chiusura del 24° Festival Internazionale del Folklore con la partecipazione di tutti i gruppi italiani e stranieri.
Ore 17.00 FESTIVAL ITINERANTE : “CANTUNOVU” della Compagnia di musica tradizionale SICILIANA. a SAN PELLEGRINO ( Bg )
ufficio del festival è la sede del ducato di Piazza Pontida, Piazza Pontida , 41, Bergamo, tel. 035.210275
Presidente sig. Bruno Agazzi " DUCA LIBER PRIM " cell. 335.7326372, uff.035.340460
per ricevere o chiedere altre informazioni, rivolgetevi al DUCA, oppure a , Fabrizio Cattaneo.
sito web : www.ducatodipiazzapontida.it


Il Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti” di Gualdo Tadino presenta
 una  serata in onore del grande calciatore italo-argentino Renato Cesarini, dal titolo
“Aldilà dell’acqua” La storia di Renato Cesarini
ideato e presentato da LUCA PAGLIARI
DOMENICA 13 AGOSTO 2006 ALLE ORE 21.00
PRESSO L’ANFITEATRO DI PIAZZASOPRAMMURO
INGRESSO LIBERO

Quello proposto dal giornalista Luca Pagliari è un percorso emozionante e coinvolgente che non conosce pause o cadute di ritmo.Pagliari, infatti, anche lui senigalliese come Renato Cesarini, autore del libro “Zona Cesarini. Il calcio, la vita” (ed. Bompiani), per 90 minuti, si muove sul palcoscenico tra vecchie foto, musiche e filmati, ripercorrendo la storia di Renato Cesarini, nato nel 1906 ed emigrato in Argentina, “al di là dell’acqua”, nel 1907.
Cesarini è stato un grande campione degli anni ’30, lo dimostrano i sette scudetti vinti consecutivamente, cinque con la Juventus e due con il River Plate: in campo era la fantasia, il passaggio non previsto, la rottura di ogni schema, la giocata vincente.
In seguito divenne uno degli allenatori più stimati d’Argentina e del mondo; ma la sua leggenda è quella di una persona libera e mai prigioniera di nulla, un uomo che ha sempre saputo e voluto tracciare schemi nuovi, sia in campo che nella vita.
Un sua frase celebre : “La cosa che assomiglia di più alla vita? Un campo di calcio. Lì ci sono tutti i personaggi”
mostra la grandezza di questo personaggio che ha voluto insegnarci che segnare un gol in zona Cesarini significa voler vivere senza rimpianti, perché rinunciare ad inseguire un sogno è un po’ come morire.
Se vuoi trascorrere una piacevole serata d’Agosto a Gualdo Tadino, in nostra compagnia, non mancare


Italian Network

dal 1 agosto ITALIAN NETWORK è passata ad un sistema veloce di collegamento attraverso il sistema RDD, denominato anche RSS-Feeds. Un sistema accessibile da parte di qualunque PC. Ciò permetterà di scegliere le notizie che vi interessano fra quelle
prodotte dalla testata in base al titolo ed al sottotitolo; evitare il collegamento tramite e mail, ovvero l'affollamento delle caselle di posta elettronica ed il rischio di posta indesiderata. Per poter accedere alle pagine RSS di Italian Network dovete, innanzitutto, scaricare dal vostro PC un programma Newsreader ovvero un Feeds Aggregator o Aggregatori (facilmente rintracciabile sulla rete). Vi consigliamo Feedreader. Si tratta di programmi che consentono all'utente di organizzare le informazioni in base alle proprie necessità, non hanno grandi esigenze in termini di memoria, e si possono scaricare gratuitamente dalla rete. Poi dovete selezionare il link relativo al logo RSS, che si trova alla pagina http://www.italiannetwork.it/rss.htm  (attivo dal 1 agosto) e con il tasto destro del mouse scegliere la voce copia collegamento. Una volta copiato il collegamento aprire il proprio programma aggregatore di NewsReader e aggiungerlo ai collegamenti da memorizzare.  In sintesi, è una tecnologia utilizzata per la divulgazione mirata e in tempo reale dei contenuti delle pagine Web. Molti siti, ad esempio, la utilizzano in sostituzione del servizio di newsletter, in quanto attraverso le pagine RSS è possibile segnalare all'utente qualunque tipo di informazione in tempo reale senza la necessità di inviare e-mail.
E' cio' che intendiamo fare anche noi, per farvi giungere con sicurezza ogni giorno i nostri servizi informativi.  Per qualunque informazione siamo a Vostra disposizione. Con i migliori saluti Maria Ferrante


La scrittura dell’emigrazione
Premio letterario internazionale
I° Edizione
Borgotaro, Parma 23-24 settembre 2006

L’Amministrazione Comunale di Borgotaro con la Comunità Montana delle Valli del Taro e del Ceno, la Provincia di Parma, la Consulta per l’Emigrazione della Regione Emilia Romagna, con il sostegno della Fondazione Cariparma è lieta di inviarVi il bando della 1° edizione del premio letterario internazionale “La scrittura dell’emigrazione”.

Bando del premio
Il premio è aperto a tutti gli scrittori italiani e stranieri, in lingua italiana o lingua diversa dall’italiano
Le opere dovranno trattare il tema dell’emigrazione italiana, storie di emigrazione e/o di emigranti italiani
La partecipazione è riservata ad opere edite in volume pubblicate da gennaio 2004 a giugno 2006
Due sono le sezioni di concorso:
1° sezione Narrativa e poesia, (romanzi, raccolte di poesia)
2° sezione Saggistica e ricerca storica
Le opere dovranno essere inviate in 6 copie alla Segreteria del premio c/o
Il Caffè del Teatro, via Filippo Corridoni, 6 43043 Borgotaro (Parma)
entro e non oltre il 10 luglio 2006
La giuria è presieduta da Mario Lavagetto, docente di Teoria della Letteratura all'Università di Bologna ed è composta da Maria Antonietta Terzoli, Carlotta Sorba, Maurizio Chierici, Romeo Broglia
I premi verranno assegnati a insindacabile giudizio della Giuria
La premiazione avverrà a Borgotaro Parma il 24 settembre 2006 all’interno di una manifestazione che prevede anche convegni, esposizioni e tavole rotonde sul tema dell’emigrazione italiana

Comitato organizzatore del Premio:Presidente Salvatorangelo Oppo, Sindaco di Borgotaro
Segreteria: Mariagrazia Manghi tel. 333 2434073; mariagrazia.m@alice.it
 (fonte) Tel. 043 268 51 27 info@tuttoitalia.ch  www.tuttoitalia.ch
 


Ricostruzioni storiche nelle Terre di Matilde di Canossa
Eventi storici, artistici ed enogastronomici nell'Oltrepo mantovano
dal 2 luglio al 31 dicembre 2006

Ricostruzioni storiche nelle Terre di Matilde di Canossa  Eventi storici, artistici ed enogastronomici nell'Oltrepo mantovano
dove: Mantova ingresso: libero

Nei comuni dell'Oltrepo mantovano, nel corso dell'anno si terranno ricostruzioni storiche ed una ricca varietà di manifestazioni ed eventi culturali. Il territorio mantovano delle antiche Terre Matildiche si estende lungo il Po ed alterna paesaggi fluviali, parchi, oasi, a pievi, castelli e torri medievali. Ricostruzioni storiche, spettacoli equestri, giochi, concerti, mostre, banchetti rappresentano l'occasione per un viaggio nelle terre mantovane legate a Matilde di Canossa, alla scoperta della natura, della storia e delle tradizioni locali.
Con il progetto Parco culturale Po di Matilde le comunità locali fanno sistema del proprio territorio ricco di risorse ambientali e testimonianze storiche, proponendo una rete integrata di servizi culturali e turistici.

Vi partecipano i Comuni di Bagnolo San Vito, Carbonara Po, Felonica, Gonzaga, Moglia, Ostiglia, Pegognaga, Pieve di Coriano, Poggio Rusco, Quingentole, Quistello, Roncoferraro, Revere, San Benedetto Po, San Giacomo delle Segnate, San Giovanni del Dosso, Schivenoglia, Sermide, Villa Poma, Villimpenta.

Programma da luglio a dicembre 2006:

Comune di Quingentole
2 luglio 2006 - ore 21,30 Piazza Italia, Quingentole (MN) Informazioni: Comitato 2000 tel.335.1230394
Golgota Interpretazione della passione di Cristo, spettacolo con giochi di bandiere, suoni, colori e voci della storia.

Comune di Sermide
15 - 16 luglio 2006 - ore 21,00 Piazza Risorgimento, Sermide (MN)  Informazioni: Comune tel. 0386.41549
Il Palio delle Contrade di questa edizione è dedicato a Giullari e Trovatori che divertono la Corte di Matilde di Canossa.
Il programma prevede la rievocazione storica dell'insediamento della Corte di Matilde con sfilata, coreografia e spettacolazione delle contrade.  Nel pomeriggio di domenica il pubblico sarà allietato dai giochi medievali: tenzoni di tiro con l'arco, corsa con la dama e corsa nei sacchi, seguiti dalla corsa equestre.  Al Palio prendono parte 8 contrade: Borgo La Fossa, Contrada dei Cappuccini, Gruppo Santa Croce, Contrada Fellonica anno Mille, Borgo Vecchio, Contrada Casa del Giovane, Contrada La Palazzina e Contrada Moia, per un totale di oltre 500 fra artisti e figuranti.
In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà la settimana successiva.

Comune di Felonica
11 agosto 2006 - ore 21,30 Piazza Municipio, Felonica (MN) Informazioni: Pro Loco tel. 339.3594307
Giullari e Trovatori che divertono la Corte di Matilde Rievocazione storica nel centro di Felonica in occasione della sagra di S. Maria Assunta.
3 settembre 2006 - ore 21,30  Chiesa di S. Maria Assunta, Felonica (MN)
Concerto cameristico eseguito dal maestro Gianni Fioravanti.

Comune Carbonara di Po
15 agosto 2006 - ore 21,00  Villa Bisighini, Carbonara di Po (MN) Informazioni: Comune tel.0386.41549
Notte alla Corte di Matilde Rievocazione storica in costume, giochi e tenzoni, ricostruzione di scene di vita e lavori del medioevo con assaggi eno-gastronomici realizzati da ricette dell'epoca matildica.

Comune Pieve di Coriano
27 agosto 2006 - ore 18,00 Piazza Gramsci, Pieve di Coriano (MN) Informazioni: Comune tel. 0386.39131
Matilde di Canossa ospite d'onore al matrimonio di giovani nobili Giochi d'armi e di fuoco, sbandieratori e arceri, banchetti con antichi sapori.

Moglia di Sermide
9 settembre 2006 - ore 21.00 Piazza Municipio, Moglia di Sermide (MN) Informazioni: Comitato rivisitazione storica tel. 333.5364020
In Piazza con Matilde Ricostruzione di una piazza medioevale attraverso le arti e i mestieri dell'epoca. Corteo storico in costume, giochi, recite e degustazioni cibi caserecci.

Comune di Roncoferraro 7 ottobre 2006  Corte Grande, Roncoferraro (MN) Informazioni: Comune tel. 0376.6629223
Mostra-convegno La pietra romanica a Roncoferraro.

Governolo di Roncoferraro
novembre/dicembre 2006Chiesa Parrocchiale di Governolo, Roncoferraro (MN) Informazioni: Comune tel. 0376.6629223
Festival organistico La voce del Montesanti


Premio Becas AVINA

El próximo 8 de agosto cierra la inscripción del premio Becas AVINA de Investigación periodística
A las 10 de la noche del próximo martes 8 de agosto vence la oportunidad para postular al concurso de becas para investigación periodística de la Fundación AVINA .
El formulario para inscribirse y enviar la propuesta está disponible en: www.avina.net/becas.nsf  Allí también encontrará el Reglamento.
El equipo de la Secretaría Técnica estará disponible, incluyendo el fin de semana, para resolver todas las dudas o inquietudes en la dirección: becas@avina.net
Las Becas AVINA de Investigación Periodística buscan apoyar periodistas que propongan historias alrededor de temas relevantes para el desarrollo sostenible en América Latina.
BECAS AVINA de Investigación Periodística cuenta con el apoyo de la Fundación Nuevo Periodismo Iberoamericano (FNPI), Internacional Center for Journalists (ICFJ), Instituto Prensa y Sociedad (IPYS), Centro Knight para el Periodismo en las Américas, Sociedad Interamericana de Prensa (SIP), Asociación Brasilera de Periodismo Investigativo (ABRAJI), Agencia de Noticias por los Derechos de la Infancia (ANDI), Foro de Periodismo Argentino (FOPEA), y La Iniciativa de la Comunicación América Latina (CILA).
La Fundación AVINA se asocia con líderes sociales y del empresariado en sus iniciativas para el desarrollo sostenible en América Latina. En la actualidad AVINA cuenta con una comunidad de mil líderes-socios en todo el continente y 19 Representaciones en la región. Para más información acerca de la Fundación AVINA visitar: www.avina.net
Muchas Gracias;por difundir y participar de este concurso;
Lucía Capozzo  prensa y comunicación Av. Santa Fe 3252 PB C C1425BGU - Buenos Aires - Argentina
Telfax (54-11) 4824-9483 Cel (54-9-11) 5063-1063


Sabièra a San Benedetto Po
Venerdi 7 luglio alle ore 22, nella Sala de Po del Museo Civico Polironiano


Partenza del Festival LatinoAmericando, ad Assago (MI) dal 15 giugno al 15 agosto
L'ESTATE HA I COLORI DI LATINOAMERICANDO.
AL VIA IL FESTIVAL CHE CELEBRA UN GRANDE CONTINENTE

La sedicesima edizione del Festival LatinoAmericando punta su sonorità nuove, risultato di un incredibile fermento artistico del continente, e su grandi nomi come Gilberto Gil, Daniela Mercury e Juanes (unica data italiana per la star di "Camisa Negra").
Il 15 giugno prende il via, con lo straordinario spettacolo di balli cubani Fuegos del Caribe, uno degli eventi culturali più prestigiosi e attesi legati all'America Latina. Giunto al suo sedicesimo anno di vita, sull'onda di un successo sempre crescente (l'anno scorso ha ospitato oltre 800 mila visitatori) e di una notorietà che valica i confini italiani, il Festival LatinoAmericando si appresta a ravvivare il Forum di Assago (Milano) per due mesi, fino a Ferragosto, con una girandola di suoni, colori, eventi, iniziative, e con una straordinaria carica di umanità che coinvolge la folta rappresentanza delle comunità sudamericane presenti nel nostro paese e i milioni di appassionati italiani.
Il festival oggi orgogliosamente punta su quel senso di continuità che lo ha consacrato come uno degli esempi di longevità più significativi dello spettacolo e della cultura, ma che non significa certo appiattimento sulla routine o mancanza di nuovi stimoli. Basta pensare alle proposte musicali del prossimo cartellone. Se in passato il festival è riuscito a anticipare mode e tendenze che di lì a breve sarebbero esplose nei locali e nelle radio, quest'anno esso si presenta come fucina di esplorazione di nuovi suoni che prendono origine dai celebri ritmi latinoamericani (salsa, merengue, bachata, tango, ecc). L'edizione 2006 punta ad affiancare ai generi tradizionali sonorità e ritmi che ne rappresentano la naturale evoluzione, all'insegna di un fermento artistico-culturale e di una contaminazione tra generi che sta lasciando traccia in tutto il mondo: timba cubana, cumbia, reggaeton, son cubano, axe brasil, afro pop baiano, samba funky, rock colombiano, nueva trova, tango elettronico, pop tropical... queste nuove sonorità saranno rappresentate da artisti che si affacciano sulla ribalta europea dopo il successo in patria: Orishas, Bajofondo Tango Club, La33, Bacilos, Olodum, solo per citare alcuni nomi.
Tra le star più conosciute, il festival avrà l'onore di riabbracciare amici come il ministro Gilberto Gil, icona vivente della musica d'autore, Daniela Mercury (classe e carisma allo stato puro), i Los Van Van, forse la sintesi più riuscita, in chiave moderna, delle sonorità cubane, Oscar D'León e Gilberto Santa Rosa, incontrastati re della salsa venezuelana e portoricana, rispettivamente. Grande è l'attesa per una star mondiale assai apprezzata del calibro di Juanes pronto a ribadire che non si vive solo di... "camisa negra"! E quello con il concerto di Juanes rappresenterà un appuntamento veramente speciale: colui che è stato votato tra le "100 persone più influenti del mondo per la capacità di comunicare con la sua musica" (Time Magazine) e tra le "50 persone più belle del mondo" (People Magazine) sarà infatti ospite di LatinoAmericando in esclusiva per l'unica data italiana.

Il Festival LatinoAmericando, nato nel 1991, è oggi la più importante manifestazione dedicata all'America Latina. Con il passare degli anni è diventato una tradizione della Milano d'estate, grazie soprattutto a uno spontaneo entusiasmo e a una costante attenzione del pubblico per le numerose proposte e iniziative offerte. Un evento unico in Europa che ha un forte valore culturale, integrando l'aspetto dello svago e del divertimento con quello informativo su un continente affascinante che da sempre è in cima all'immaginario europeo.


Il Centro Studi Valle Imagna
presenta la terza fase del progetto di ricerca sull’emigrazione bergamasca in Belgio
Corna Imagna – Sala parrocchiale della Comunità
Sabato 24 giugno 2006  ore 20.30
Presentazione del volume (in due tomi)

Nel ferro e nel carbone
Percorsi e caratteri dell’emigrazione bergamasca nelle fabbriche e nelle miniere del Belgio
di Antonio Carminati e Costantino Locatelli



ore 21.30
Proiezione del film documento   Venticinque sul filo di Alberto Valtellina e Sergio Visinoni
__________________________

E’ prevista la partecipazione del sen. Vincenzo Bombardieri, di mons. Antonio Locatelli e del consigliere regionale Pietro Macconi.
Queste pubblicazioni sono state realizzate dal Centro Studi Valle Imagna nel cinquantenario della tragica ecatombe di Marcinelle e nel sessantesimo anniversario del Protocollo di Roma sul carbone del 23 giugno 1946. Progetto di ricerca approvato dal Settore Famiglia e Solidarietà Sociale della Regione Lombardia, sostenuto dal Ministero degli Italiani nel Mondo, dall’Assessorato ai Servizi Sociali della Provincia di Bergamo, dalla Comunità Montana Valle Imagna, dall’Ente Bergamaschi nel Mondo e realizzato in collaborazione con la Missione Cattolica Italiana di Seraing e il Circolo dei Bergamaschi di Liegi. Il convegno è stato inserito nell’ambito della Rassegna culturale ed artistica FestiVal Imagna 2006 promossa dalla Comunità Montana Valle Imagna.
 


L’Assessorato comunale alle Politiche all’Immigrazione, Pari Opportunità e Cultura delle Differenze
 l’associazione Eks&Tra il Dipartimento di Italianistica dell’Università di Bologna
presentano

PREMIO EKS&TRA 16 e 17 GIUGNO 2006 MANTOVA

INGRESSO LIBERO
Venerdì 16 giugno 2006 ore 21, Teatro Bibiena, via dell’Accademia 57
Gian Antonio Stella, Gualtiero Bertelli e la Compagnia delle Acque
presentano:
Odissee.
Canti e storie di mari e migranti

Testo ispirato a "Odissee. Italiani sulle rotte del sogno e del dolore" Di Gian Antonio Stella edizioni Rizzoli
Ricerca storica musicale e nuove canzoni di Gualtiero Bertelli

Con l'aiuto di foto straordinarie Gian Antonio Stella racconta il rapporto di paura e di amore tra gli italiani e l' oceano, la spaventosa barriera d'acqua che pareva separare la nostra miseria dalla ricchezza della Merica. Gualtiero Bertelli ha ricostruito le canzoni che hanno segnato quei viaggi per mare. La Compagnia delle Acque è uno dei gruppi più affiatati e raffinati d'Italia nel campo della musica popolare.

Sabato 17 giugno 2006 ore 21, Teatro Bibiena, via dell’Accademia 57
PREMIAZIONE della XII edizione del Concorso Eks&Tra per scrittori migranti

Consegna della Medaglia del Presidente della Repubblica da parte del Sindaco di Mantova, Fiorenza Brioni e di Monica Perugini, assessore Politiche all’Immigrazione, Pari Opportunità e Cultura delle Differenze
 Presenta: VITO
Musiche di contaminazione tra Italia e Brasile Bob Dusi & Banda Charanga

In via Tassoni 12, Mantova
Sede assessorato comunale alle Politiche all’Immigrazione, Pari Opportunità e Cultura delle Differenze
Ore 18 Apertura della mostra fotografica “Con gli occhi del cuore: viaggio tra immagini e parole”
Gli scrittori migranti che hanno partecipato negli anni al Concorso Letterario Eks&Tra daranno voce alle fotografie di Tullio Valente,
fotografo italiano, cittadino del mondo. A cura di Laila Wadia, vincitrice della X edizione del Concorso Eks&Tra


L’Associazione Nostre Origini di Torino,
 www.nostreorigini.org , mail info@nostreorigini.org ,
  23, 24 e 25 giugno 2006.
Presentazione del libro di storia pubblicato a cura dell’Associazione Amici degli Archivi Piemontesi,
che racchiude le ricerche svolte nell’arco di 30 anni, un manuale che tratta la trascrizione informatica delle registrazioni di battesimi/nascite, matrimoni e decessi anteriori al 1899 e un pocket (un piccolo libro) di statistiche e curiosità, questi ultimi pubblicati a cura dell’Associazione L&M - I Luoghi e la memoria.

Il programma è il seguente:
venerdì 23 giugno presso l’Archivio di Stato di Asti, via Govone 9, tel. 0039 (0)141 531229, dalle ore 9,00 alle 17,00 Giornata di studi su un nuovo metodo per creare banche di dati sugli archivi storici di parrocchie e comuni con le registrazioni anagrafiche anteriori al 1899; nel pomeriggio vi sarà il confronto con altre esperienze analoghe in Italia e all’estero.
Titolo: Un nuovo metodo per creare banche di dati sugli archivi della popolazione anteriori al 1899. Esperienze a confronto dall’Italia e dall’Estero.
La Giornata di studi di Asti ha il patrocinio della Provincia di Asti e della Comunità Collinare Alto Astigiano.
sabato 24 giugno presentazione dei risultati a un livello più divulgativo con, a mezzogiorno, un pranzo per tutti a 25 euro presso il ristorante Belvedere di Robella, (AT), via G. Romita 8, tel. 0039 (0)141 998110, fax 0039 (0)141 998110. Le prenotazioni devono essere effettuate direttamente al ristorante;

domenica 25 giugno, mattinata libera e pomeriggio visita a Marcorengo (TO), paese dove è stata creata la prima banca dati, di esempio per le altre.

L’aggiornamento del programma sarà presente sui siti internet www.silvanoferro.it  e www.nostreorigini.org  .

ASSOCIAZIONE NOSTRE ORIGINI


La Fondazione Casa America presenta
AmoreTango
di Angelo Walter Brandi
Fratelli Frilli Editori
Mercoledì 14 giugno alle ore 18.00

Interverranno Roberto Speciale, Presidente Fondazione Casa America, Amina Di Munno Presidente Associazione Amici di Casa America, Goffredo Feretto e l’Autore del libro (letture di Sara Arata). Seguirà una esibizione dei ballerini della scuola del “Genova Tango
Festival” a cura di Paolina Antognetti per l’Associazione Culturale P&P. ( www.genovatangofestival.it  ). Abbinata alla presentazione del libro l’opportunità di gustare la sera stessa dalle ore 21.00 presso il Ristorante “El Tango” di via della Liberta 113 r. (zona Foce) un menù appositamente preparato per tutti coloro che prenoteranno al numero 010 5536502 entro il 13 giugno citando la Fondazione
Casa America. Il menù, a 19 euro a persona, prevede una porzione di empanada, grigliata mista di carne argentina, contorni di patate e verdure e acqua.


Genova. Michele e Claudia, maestri della scuola di tango “Due in uno” vivono un momento difficile. Dopo tanti anni, nonostante il successo della loro attività, la stanchezza inizia a insinuarsi tra di loro. Nicoletta, studiosa della storia del Tango arriva a Genova da Buenos Aires portando con sé alcune vecchie lettere... Michele e Claudia hanno allestito una mostra fotografica sul tango all’interno della loro scuola, Nicoletta incuriosita va a vederla e si inserisce così nella loro vita… Sullo sfondo della storia del tango, emerge il racconto della loro vita, la storia di un’antenata di Nicoletta vissuta a Genova alla fine dell’800 e poi emigrata a Buenos Aires testimone del fermento culturale che portò alla nascita del tango. L’arrivo di Nicoletta dà a Michele e Claudia nuovi stimoli per la loro attività. Fra di loro nasce l’amore...

Il romanzo prende spunto dall’incontro di Claudia e Michele maestri di tango genovesi con Nicoletta, maestra arrivata da Buenos Aires, e descrive liberamente, senza cadere nel didattico, l’evoluzione del fenomeno Tango. Le emozioni suscitate dal tango fanno da sfondo ai risvolti psicologici delle relazioni tra i personaggi. Nicoletta, attraverso la lettura di vecchie lettere, racconta la storia di una sua omonima antenata che affronta il viaggio in piroscafo fino a Buenos Aires e sulla nave incontra un suonatore di bandoneon che la farà innamorare del tango, un amore che passerà alle generazioni successive. AmoreTango è costruito su diversi piani temporali con un attento intreccio
delle storie dei vari personaggi, passando dalla descrizione di fatti reali (basata su ricerche fatte dall’autore) a eventi immaginati. Tra gli episodi più significativi, la fondazione di Buenos Aires, la descrizione del viaggio in piroscafo, fino ad arrivare nel presente a Genova, dove Claudia e Michele ballando sulle note di Libertango si scoprono innamorati uno dell’altra.

Angelo Walter Brandi è nato a Genova nel 1958. Diplomato, lavora come analista programmatore. Da sempre appassionato di scrittura, in particolare poesia, è al suo debutto nella narrativa ( www.angelowalterbrandi.it  ).

Fratelli Frilli Editori - www.frillieditori.com

Fondazione Casa America Villa Rosazza piazza Dinegro, 3  16126 Genova
Tel. (39) 010 2518368  Fax (39) 010 2544101 info@casamerica.it  www.casamerica.it


Scopri il tesoro di vini e sapori delle terre lombarde
Da oggi anche on line www.giralacarta.it

La stagione dei sapori e dei vini di Lombardia è sempre… aperta, ma fra maggio e giugno si entra nel vivo degli appuntamenti più avvincenti, che proseguiranno sino all’autunno inoltrato. L’inizio è stato domenica 21 maggio con la Strada del vino dei Colli Longobardi, che ha proposto l’iniziativa “Arrivano i Longobardi”, quattro momenti di degustazione di prodotti tipici in un itinerario guidato attraverso il territorio bresciano. E a giugno si continua in quel di Mantova, dove la Strada dei Vini e Sapori propone tre itinerari in bicicletta alternati alla navigazione sui laghi (2 giugno: “Le Terre di Matilde di Canossa”; 3 giugno: “I due fiumi – L’ Oglio e il Po”; 4 giugno e 3 settembre: “Trigoltour”). Nel Lodigiano, invece, la Strada del Vino San Colombano e dei Sapori ha ideato la proposta di un’intera settimana fra paesaggi, immagini e profumi. Il 5 giugno, grande appuntamento con le golosità enogastronomiche in occasione della “Festa delle Erbe e delle Ciliegie” a San Colombano. In Valcalepio, musica in azienda fra giugno e luglio (“Valcalepio in musica”), aspettando l’11^ edizione di “Andar per vigne”, nella terza domenica di settembre, ottobre e novembre. Tutti in Valtellina a partire da luglio per il Ciapel d’Oro (Concorso enologico e promozione dei viticoltori – Castione Andevenno), la Sagra del Pizzocchero (Teglio, sempre a luglio), Calici di Stelle (Sondrio, agosto), la Sagra dei Crotti (a Chiavenna, settembre), Il grappolo d’Oro (a Chiuro, sempre a settembre), la Sagra delle mele e dell' uva (Villa di Tirano, fine settembre), la Mostra del Bitto (Morbegno, ottobre) e “Morbegno in cantina” (sempre in ottobre). In contemporanea con il Festival Internazionale Musicale “Armonie sotto la rocca” (30 luglio – 21 agosto), la Strada dei Vini e dei Sapori del Garda propone “Lesettegiornate del Garda – Musica e altri piaceri della vita”: degustazioni, Cene con l’Artista, prodotti della gastronomia per approfondire la conoscenza di uno dei più noti luoghi di Lombardia. La Strada del vino Franciacorta propone, invece, in occasione del Festival del Franciacorta organizzato dal 16 al 18 settembre, la terza edizione della “Caccia al Tesoro” tutta dedicata a cantine, gastronomia e cultura. Alla Caccia al Tesoro si può partecipare a cavallo, in moto, in bicicletta e in auto (domenica 17 settembre). Dal 13 ottobre, la Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese invita alla seconda edizione di “Agnolotto e Bonarda”, appuntamento con 10 ristoratori per rinnovare l’abbinamento classico fra il rosso d’Oltrepò e la portata della tradizione (sino al 24 novembre). La Strada del Gusto Cremonese confermerà invece la sua tradizione novembrina con la “Giornata delle Carni e del Gran Bollito”, che comprenderà anche la seconda “Disfida del cotechino”.
Maggiori e dettagliate informazioni sul sito www.giralacarta.it
Info:
Ufficio Stampa Federazione delle Strade dei Vini e dei Sapori della Lombardia  per “Gira la Carta Lombardia”
Cinzia Montagna  ufficiostampa.federazione@giralacarta.it
 Il catalogo di “Gira la Carta Lombardia” può essere richiesto a Federazione delle Strade dei Vini e dei Sapori della Lombardia
Direzione generale Agricoltura della Regione Lombardia  Via Pola 12/14  20124  Milano


Il Museo Regionale dell'Emigrazione Pietro Conti di Gualdo Tadino
Martedì 6 giugno alle ore 18.00, Mediateca del Museo,
presentazione dell'ultimo volume dello scrittore lussemburghese Jean Portante,
"Mrs Haroy. La memoria della balena", edizione Empiria.

Jean Portante, esponente di spicco della scena letteraria lussemburghese, è nato a Differdange nel 1950, da una famiglia italiana emigrata a più riprese, nel corso del 900, dall'Abruzzo nel bacino minerario del Lussemburgo. Ha iniziato a pubblicare negli anni ottanta, proseguendo così per altre via la sua rivolta contro la deriva del mondo, ed ha al suo attivo fino ad oggi più di una ventina di opere: poesia, romanzi, racconti, drammi teatrali, saggi. Scrive in francese, una delle tre lingue ufficiali del Lussemburgo. Tradotto in vari paesi ha ottenuto diversi riconoscimenti anche a livello internazionale, tra cui il prix Mallarmè nel 2003.
"Qual'è il nesso possibile tra una balena chiamata Mrs Haroy e un emigrato? Ecco il punto di partenza, solo apparentemente paradossale, per questo viaggio nella memoria sapientemente condotto da Jean Portante con modalità del tutto originali, in cui elemento autobiografico, rivisitazioni letterarie, meditazione che si interroga sui destini del mondo si elaborano in una sintesi felice e carica di suggestioni. La balena ha lasciato la sua terra natale milioni di anni fa per andare a vivere nel mare, ma non è mai diventata un pesce ed ha ancora bisogno di respirare fuor d'acqua. Così si può dire che nella sua esistenza, resa sempre più fragile dai ripetuti massacri che l'accompagnano, ma anche immortalata dagli innumerevoli miti che la poetica di tutti i tempi e sotto ogni latitudine annovera, ha ancora in sè qualcosa della terra perduta. Come l'emigrato che, partito a sua volta dal luogo di origine, sogna dell'impossibile ritorno. Perchè tutti sanno che il soggiorno a Differdange è allo stesso tempo una condizione provvisoriamente definitiva e un destino definitivamente provvisorio".
 


Festa BRASILIANA di Solidarietà
 Sabato 6 maggio in Civitas - Fiera di Padova pad. 8 - Apertura ore 18.30

18.30 Spettacolo di danza “AQUARELA” – La danza dei sette colori- con il Grupo de Crianças del Progetto LUAR promosso dalla Comunità Internazionale di Capodarco
19.30 Concerto itinerante dei Bloko Maranhão
20.30 Cena multietnica di cucina brasiliana preparata da Slow Food Brasile.
Buffet a contributo fisso 25€ adulti -10€ bambini. Introducono: Ansiliero Francisco e Veronese Marco, Slow Food Brasile
21.00 Esibizione di Capoeira a cura dell’associazione Capoeira Trento
21.30 Chiudono la festa i Bloko Maranhão miscela esplosiva di radice latine e africane, ritmi afro-samba e drum &
base
...e altre sorprese!

Ospite d’onore: delegazione ufficiale brasiliana

Adhemar G. Bahadian - Ambasciatore del Brasile in Italia, Marina Silva – Ministro Federale dell’Ambiente, Patrus Ananìas – Ministro Federale Assistenza Sociale, Paolo Vanucchi – Ministro Federale per i diritti umani integrazione popolazioni indigene, Luis Dulci – Ministro Federale per il Programma del Governo, Carlos Vicente – Vice Ministro Federale dell’Ambiente, Fernando Lyrio – Responsabile Internazionale progetti dell’Amazzonia, Ayala Dias Ferreira – Componente della Direzione Nazionale Brasiliana dei Sem Terra, Stato del Parà, Giacinto Ferreira – Presidente CONABI – Compagnia Nazionale Forniture Alimentari, V. Carlyle Villarino – CONABI Compagnia Nazionale Brasiliana di Forniture Alimentari, Ansiliero Francisco – Slow Food Brasile, Veronese Marco – dirigente Partito dei Verdi Brasiliani, Rosangela Maria Sobrinho Sousa – Ministro Assistenza Sociale dello Stato del Piaui e Coordinatore programma Fome Zero del Piaui , Marcia Cristine Pereira de Oliveira – Presidente Forum delle Associazioni contro lo sfruttamento minorile nel turismo sessuale dello stato del Ceara, Josè Pinheiro Dos Santos- Coordinatore Associazione Mandacarù. Regione di Pedro Segundo, Piaui, Marcelo Barros – Teologo e scrittore, Zacarias Ribeiro De Oliveira – Sindaco del Comune di Itapirapuà, Oldair Romes Santos – Assessore al Bilancio di Itapirapuà, Fabio Dos Santos – Coordinatore del
Centro di Diritti Umani dello stato di Rio Grande du Norte.
L’iniziativa è parte del Progetto “Il Brasile nel Cuore” – Giornate italiane della solidarietà e della cooperazione con il Brasile - promosso da Civitas , Associazione Italiana Sostenitori “Fome Zero” in collaborazione con il Governo Federale del Brasile
Per maggiori info: www.civitasonline.it

 


Fondazione Casa America
 Presentazione di Metropoli inserto della domenica del quotidiano La Repubblica
Venerdì 5 maggio ore 18.00 presso Villa Rosazza in piazza Dinegro, 3

Interverranno Gennaro Schettino, direttore di Metropoli e Roberto Montoya, giornalista di Metropoli Saranno presenti Roberto Speciale, presidente Fondazione Casa America e Agostino Petrillo, docente di Sociologia Generale presso il Politecnico di Milano.
Sono invitati i Consoli a Genova e i Rappresentati delle associazioni di cittadini di origine latinoamericana presenti a Genova e in Liguria. Da giovedì 4 maggio saranno disponibili presso Villa Rosazza copie dei numeri arretrati di Metropoli affinché chiunque sia interessato possa visionarle per farsi un’idea più precisa dell’inserto e per esprimere durante l’incontro osservazioni, richieste e suggerimenti.
da Metropoli del 15/01/2006 “Voce ai cittadini dell’Italia futura” di Ezio Mauro “Metropoli”è prima di tutto la prova del cambiamento intervenuto nel nostro Paese negli ultimi dieci anni. La conferma che gli immigranti sono diventati una realtà sociale, politica, culturale ed economica nell’Italia di oggi. Un atto di fiducia nel dialogo, nella convivenza civile e nell’arricchimento delle reciproche esperienze, nella possibilità di una crescita comune, in un’Italia che sarà naturalmente diversa da quella che abbiamo conosciuto fin qui. Ė la prima volta che nasce un settimanale di impianto nazionale interamente pensato e dedicato agli stranieri che vivono
in Italia. Ed è la prima che un grande quotidiano nazionale decide di rivolgersi direttamente a questo tipo di pubblico specifico, individuando nel mondo dell’immigrazione non soltanto un nuovo mercato di lettori, ma un deposito- in gran parte sconosciuto alla stampa italiana - di esperienze, culture, tradizione, interessi, valori ed esigenze che meritano di essere scoperti giornalisticamente e valorizzati, portandoli dentro la discussione quotidiana della nostra società. Un giornale, dunque, che segna una nuova epoca, un cambio di stagione nel nostro Paese. Che vuole soprattutto informare, ma nel senso più ampio del termine: mettendo “in rete”, cioè in connessione tra loro, le domande e le risposte che gli immigrati scambiano ogni giorno con l’ Italia, fornendo tutte le notizie di servizio (casa, lavoro, leggi e diritti, lingua e scuola, salute, soldi) utili a “usare” al meglio il nostro Paese. Pubblicando lettere e pareri di esperti. “Metropoli”, dunque, nasce direttamente dalla cultura trentennale di “Repubblica” come strumento di servizio per gli immigranti: ma nasce anche per aiutarli a contare e a pesare di più nella nostra società, coniugando i loro diritti e le leggi italiane, allargando e arricchendo così il concetto di cittadinanza.
Fondazione Casa America Villa Rosazza piazza Dinegro, 3 - 16126 Genova  Tel. (39) 010 2518368 Fax (39) 010 2544101
info@casamerica.it  www.casamerica.it

 


Centro Lombardo di Córdoba (Argentina) ha creato il suo weblog
in internet, l'indirizzo è: www.centrolombardocba.blogspot.com

In un altro impegno di sistemazione e per mantenere la nostra gente ben informata abbiamo portato a termine con molta soddisfazione questa prima tappa: far salire sulla rete tutte le notizie della nostra associazione e quelle che siano d’interesse per la comunità lombarda d’Argentina. È nostra intenzione completare e migliorare sempre di più il materiale pubblicato.
Vi invitiamo ad annoverare il nostro sito fra i vostri links.Cordiali saluti,
Commissione Direttiva Centro Lombardo di Córdoba Argentina


Arriva dall'Italia Miss Brasile 2006

E' di una bellezza sensazionale ed è di origine italiana, Rafaela Zanella, la ragazza eletta Miss Brasile 2006. Raffaella, capelli neri ed occhi castani, è nata a Santa Maria, parla molto bene l'italiano e ha intenzione di diventare chirurgo plastico. La ragazza di origine italiana ha battuto nella gara finale Maria Claudia Barreto de Oliveira (Miss Acre), arrivata seconda e Beatriz Neves (Miss Santa Catarina), terza, che però ha ottenuto la possibilità di partecipare alle selezioni per Miss Bellezza Internazionale. La nuova Miss Brasile, invece, ha conquistato automaticamente il diritto a partecipare alla selezione di Miss Universo di quest'anno.


MANTOVA - PIAZZA ERBE
dal 22 al 25 Aprile - dalle ore 9.00 alle ore 20.00
 Ingresso libero
SICILIA VIVA IN FESTA
Grande manifestazione folkloristica siciliana
con il Patrocinio della Regione Sicilia

L'Associazione culturale SICILIA VIVA, al fine di proporre un interscambio culturale, turistico e commerciale tra le genti del nord e quelle della Sicilia organizza manifestazioni e feste folkloristiche nelle piazze delle principali città del Nord Italia.

I visitatori possono degustare e acquistare il meglio della ricca tradizione gastronomica siciliana: tipici cannoli (5.000 cannoli mignon saranno distribuiti gratuitamente il giorno dell'inaugurazione della festa), cassate, dolci di marzapane, vini (Marsala, Passito di Pantelleria, Malvasia di Lipari per citarne alcuni), liquori, salumi, formaggi tipici, sott'oli, sughi pronti, salse, olive, pistacchi, arancini con ripieno di carne e piselli o prosciutto e formaggio.
E poi libri, cd dei canti popolari siciliani, videocassette, prodotti dell'artigianato locale.

Ad affiancare questi settori commerciali sarà un interessante programma culturale che coinvolgerà grandi e piccini. Per tutta la durata della manifestazione balli, musiche e opera dei Pupi contribuiranno a far conoscere questa stupenda regione italiana tutta sole, ospitalità e.. bontà!!!!

Il Teatro dei Pupi del grande Maestro siciliano ONOFRIO SANICOLA racconterà le immortali avventure del paladino Orlando pazzo d'amore per la sua bella Angelica. Sarà aperto al pubblico anche il Laboratorio annesso al teatrino per scoprire come nascono i Pupi.

A completare l'omaggio alla tradizione culturale siciliana saranno i canti e le danze dei GRUPPI FOLKLORISTICI (si ricorda che tutti gli spettacoli saranno gratuiti).

Sicuri di offrire una grande opportunità per conoscere e acquistare prodotti tipici originali e di qualità, invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare e a farsi trascinare da questa esplosione di allegria, di gusto e di divertimento.

PROGRAMMA
Sabato... Grande inaugurazione con distribuzione gratuita di 5.000 cannoli siciliani mignon.
Sabato alle ore 12.00, 16.00, 17.00, 18.00 Spettacoli dell'Opera dei Pupi Siciliani del Maestro Sannicola:
Giorni feriali alle ore 16.00, 17.00, 18.00
Domenica e Martedì alle ore 11.00, 12.00,, 16.00, 17.00, 18.00
Programma: gli spettacoli narrano le immortali avventure del paladino Orlando pazzo d'amore per la bella Angelica. www.operadeipupi.monnfruit.com

Domenica e Martedì dalle ore 15.00 alle ore 18.30 In Piazza Erbe e per le vie del Centro storico di Mantova
Sfilata del gruppo folkloristico "TERRA DEL SOLE" con musiche, canti e danze tipiche siciliane
 Tutti gli spettacoli sono gratuiti

Segreteria Organizzativa: Cinzia Miraglio Organizzazione eventi & comunicazione
Via Castello, 2 - 26013 Crema (CR) - Tel. 0373/86228 - Fax 0373/252297 - Cell 335/6196576
E mail: cinziamiraglio@libero.it


GONZAGA ANTIQUARIA
II edizione
MOSTRA MERCATO D’ANTIQUARIATO E D’ARTE
(FIERA MILLENARIA di GONZAGA)
21-25 Aprile 2006

Mostra delle opere del “periodo mantovano” dello scultore Enzo Nenci 1903-1972

Collezione Museo Privato Famiglia Nenci  Mostra a cura dello Studio Archeo900 di Ferrara

“Gonzaga Antiquaria”, alla sua seconda edizione, ospiterà dal 21 al 25 aprile nel padiglione 2 della Fiera Millenaria le opere dello scultore Enzo Nenci ( Mirandola di Modena, 1903- Virgilio di Mantova, 1972 ) facenti parte della collezione di famiglia ospitata in un Museo privato situato nel centro di Mantova ( via Marangoni, 30 ).

Le sculture realizzate tra il 1945 e il 1971 fanno parte del “periodo mantovano” dell’artista e comprendono “le forme ribelli” – nudi maschili che si traducono in nodi e grumi pieni di materia, frementi sotto la superficie- , “le adolescenti”- figure e volti giovanili dai tratti appena lievitati- “ gli orientali”- caratterizzati da una concentrata spazialità per intendere il fatto plastico come processo di affinamento spirituale- e le “ stalagmiti- stalattiti”- che giungono ad un grado di essenzialità formale che sfiorano la pura astrazione -.

L’esposizione è accompagnata da un catalogo illustrato con presentazioni dello storico e critico d’Arte Franco Monteforte e della storica dell’Arte Renata Casarin, della Soprintendenza per il Patrimonio storico artistico di Brescia, Cremona e Mantova; la pubblicazione contiene i testi dedicati alle opere di Nenci da illustri Poeti del nostro tempo ( Mariella Bettarini, Donatella Bisutti, Domenico Cara, Gianni D’Elia, Fabio Doplicher, Flavio Ermini, Biamcamaria Frabotta, Elio Grasso, Cesare Greppi, Marco Guzzi, Roberto Pazzi, Elio Pecora, Giancarlo Pontiggia, Gregorio Scalise, C.Alberto Sitta, Ida Travi).

Enzo Nenci
nasce a Mirandola di Modena nel 1903, dal maestro di musica Giuseppe Nenci e dalla nobildonna senese Giacomina Giuletti Dei, e cresce in un ambiente intellettualmente stimolante frequentato da musicisti, letterati e artisti. Vive la giovinezza a Ferrara, e dopo gli studi tecnici si reca a Firenze dove frequenta i corsi di scultura e lavorazione del marmo sotto la guida dello scultore liberty Ezio Ceccarelli ( 1865- 1927), amico di Auguste Rodin. In seguito si reca a Roma e frequenta la studio di Arnaldo Zocchi (1862- 1940), cugino della madre e conosce i maggiori artisti della capitale. Nel 1924 apre studio a Ferrara e tra il 1925 e il 1933 attraversa un’intensa stagione espositiva che lo vede presente in importanti rassegne a Ferrara, Padova e in Emilia Romagna. In questo periodo svolge impegno nella scultura monumentale lasciando importanti testimonianze a Venezia, Ferrara, Bologna e per la Libia ( ritrovate ultimamente a Massa). Nel dopoguerra si trasferisce a Mantova inserendosi nel miglior ambiente artistico locale e dove realizza opere che per la raffinatezza formale e la ricchezza dei contenuti lo distinguono in modo personalissimo nella storia dell’Arte del Novecento.Dopo la sua scomparsa, avvenuta nel 1972 a Virgilio di Mantova, sono state curate diverse mostre antologiche in prestigiosi Musei e Gallerie pubbliche :
1983, Museo Civico di Palazzo Te, Mantova;
1984, Civica Galleria d’Arte moderna, Palazzo dei Diamanti, Ferrara;
1987, Mostra itinerante Gallerie Comunali di Mirandola (MO) , Copparo (FE ) , Virgilio (MN)
1990, Museo Nazionale di Palazzo Ducale, Mantova
1997, Casa del Mantegna, Mantova
1999, Galleria d’Arte moderna di piazza del Grano, Merano
2001, Museo d’Arte moderna Villa degli Ippoliti , Gazoldo
2002, Palazzo Pretorio, Campiglia Marittima (LI)
2003, ( Centenario della nascita ) Museo Civico di Mirandola; Museo Virgiliano di Mantova; Civica Galleria d’Arte modferna di Gallarate- Centro sistema per l’Arte moderna della Regione Lombardia
2005, Fashion District, Mantova
presentate da importanti storici dell’Arte: L.Caramel, R. Bossaglia, P. Fossati, V. Sgarbi, C. Bertelli, F. Monteforte, A. Trombadori, L.Magagnato, F. Bartoli, D. Cara, G.M. Erbesato, M.C. Mundici, R. Margonari, A. Andreotti, L. Scardino.
Inoltre i più raffinati Poeti del Novecento ( M.Luzi, A.Parronchi, P. Bigongiari, M.L.Spaziani, L.Erba, P.Ruffilli, P.Ruffato, R.Sanesi, F. Scataglini, L.Vetri, M.Artioli, T. Kemeny, F.Loi, G. Luzzi, E. Miccini, R. Mussapi, G. Niccolai, B. Regis, G. Finzi, G. Gramigna, V. Guarracino, J. Insana, I. Arcelli, U. Bellintani, P. Bertolani, P. Biasi, A. Cappi, M. De Angelis, F. Giovannelli, M. Graffi, V. Magrelli, M. Ramous, A. Rosselli) hanno dedicato allo scultore dei bellissimi versi raccolti nel volumetto Trentatre poesie per Enzo Nenci presentato nel 1993 dal Ministero dei Beni Culturali e Ambientali a Palazzo Ducale di Mantova .

INFO FIERA MILLENARIA DI GONZAGA srl – www.fieramillenaria.it Tel. +39.376.58098 Fax +39.0376.528153
E.MAIL info@fieramillenaria.it INFO STUDIO Archeo900 – Curatore mostra: arch. Alberto Squarcia
www.archeo900.com  - archeoxx@tin.it - +39.335.1363928


 

Telecom Progetto Italia in collaborazione con Lentati & Partners ha
lanciato Trovanoprofit, il primo portale italiano dedicato interamente a
 “fare incontrare on-line chi offre, chi cerca e chi sostiene la solidarietà”.

Trovanoprofit è un portale che mette a disposizione di tutti un motore di ricerca per trovare, all’interno del mondo del nonprofit, le risposte alle proprie necessità. È interamente gratuito ed è guidato dal desiderio di contribuire e sostenere chi si adopera per risolvere problemi sociali e ambientali, nel pieno rispetto dello spirito di generosità e di responsabilità sociale.
Trovanoprofit ha tre obiettivi:
1. Permettere alle associazioni senza scopo di lucro di rendersi visibili e reperibili da chiunque necessiti di un aiuto
2. Offrire un supporto a chi intende prestare la propria opera volontaria presso strutture Nonprofit
3. Permettere alle aziende che siano interessate ad avviare rapporti di collaborazione con organizzazioni senza scopo di lucro di entrare in contatto con le associazioni più vicine alle loro esigenze.

Ora non resta che visitare il sito all’indirizzo www.trovanoprofit.it  per scoprire i vantaggi che offre. Le associazioni possono anche contattare il numero verde 800.36.93.30 (attivo da lunedì a venerdì dalle 9.30 alle 18.30).

 


"4 incontri per conoscere e capire l’America Latina che cambia”
1° Ciclo di incontri di approfondimento culturale su un continente che si trasforma
Associazione Latinoamericana di Cremona

Da giovedì 16 marzo fino a giovedì 27 aprile, con cadenza quindicinale, l'Associazione Latinoamericana di Cremona organizza un ciclo di incontri di studio e approfondimento sull'America Latina che cambia; gli incontri si terranno presso il Centro Interculturale Mondinsieme in Via Speciano n. 2 a Cremona dalle ore 21.00 con l'introduzione del Dott. Mauro Castagnaro, giornalista ed esperto del continente latinoamericano, già redattore della rivista SIAL (Servizo Informazione America Latina).
Per l'Associazione Latinoamericana di Cremona Il Presidente Fabio Veneroni
 



II PREMIO PESCARA
Premi d'incoraggiamento per giovani artisti
Museo d'Arte Moderna "Vittoria Colonna", Pescara
EDIZIONE 2006
 Il circolo culturale Attraversarte è lieto di presentare il II PREMIO PESCARA.

Anche per questa edizione gli artisti interessati potranno rispondere al bando che sarà pubblicato a breve su siti intenet e riviste del settore. Potranno essere presentate opere per le tre categorie in concorso: fotografia, pittura e video.
I finalisti, 14 per ogni categoria, avranno l'occasione di esporre il proprio lavoro presso il Museo d'arte Moderna Vittoria Colonna di Pescara, location dell'evento.
Il Premio Pescara sarà accompagnato da un catalogo e i vincitori del concorso, uno per ogni categoria, si aggiudicheranno il premio di 1500,00 euro. La Kermesse terminerà con una "serata evento"
Il Premio Pescara sarà presentato e pubblicizzato sulle più importanti testate giornalistiche locali e nazionali del settore.
Attraversarte Staff Per informazioni e comunicazioni Scrivete a attraversarte.circa@virgilio.it
o chiamate i numeri 338 3594462 Marta Martella  3479418369 Erica Di Febo


L’immigrazione italiana e il movimento operaio svizzero
Die italienische Immigration und die schweizerische

Arbeiterbewegung
Giovedì 16 marzo 2006 / Donnerstag 16. März 2006
c/o UNIA Zentralsekretariat Zürich, Strassburgstr. 11, Zürich - 6° piano / 6. Stock Ore 14-17 / 14 h - 17 h

Introducono la discussione / Einleitung
Leonardo Zanier, Presidente di EUNETZ, Ex Presidente della Federazione delle Colonie Libere Italiane in Svizzera / Präsident EUNETZ, ehemaliger Präsident der FCLIS

Karl Aeschbach, ex Segretario dell’Unione Sindacale Svizzera – USS / ehemaliger Sekretär des Schweizerischen Gewerkschaftsbundes - SGB  
Dibattito con interventi di sindacalisti/e, attivisti/e delle associazioni dell’immigrazione, ricercatori/trici
Diskussionsrunde mit verschiedenen GewerkschafterInnen, AktivistInnen der Migrantenvereine und ForscherInnen

Conclusioni con la tavola rotonda /
Podiumsgespräch und Schlussfolgerungen:
Sindacato e migrazioni in Europa /
Gewerkschaft und Migration in Europa

Coordina/ Leitung: Vania Alleva, Resp. Dipartimento Migranti, Giovani e Pari Opportunità di UNIA
Intervengono /
TeilnehmerInnen:

Rita Schiavi, Segretaria Centrale di UNIA, Presidente dell’Associazione INCA

Titti Di Salvo, Segretaria Confederale della CGIL, Resp. del Dipartimento Politiche Internazionali
Il seminario si svolge nell’ambito delle celebrazioni per il centesimo anniversario della Fondazione della CGIL
Das Seminar findet im Rahmen des 100. Jubiläums der italienischen Gewerkschaft CGIL statt


 
Il Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti" e l'Amministrazione Comunale di Gualdo Tadino
presentano "JOHN FANTE e la cultura degli Italo-Americani". MARTEDI' 14 MARZO alle ore 17.00.

La manifestazione culturale, partendo dalla presentazione del sesto volume de "I Quaderni del Museo dell'Emigrazione", dal
titolo "John Fante, Storie di un italoamericano", scritto dal Prof. Gianni Paoletti, vuole essere un omaggio allo scrittore, protagonista del volume, e alle sue vicende di emigrante.

Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti"
Il Direttore Catia Monacelli


Adhemar Bianchi (Grupo de Teatro "Catalinas Sur" - La Boca - Burenos Aires- Argentina)
Gianluca Barbadori, Soc. Coop. "Ponte tra Culture":
g.barbadori@unpontetraculture.com  o Infoitalia@unpontetraculture.com
Il progetto é realizzato in strettissima collaborazione tra GTR - Recremisi ( info@teatrorecremisi.it  ), la IV Circoscrizione del Comune di Ancona e la nostra Cooperativa.


CONVEGNO NAZIONALE “ENERGIE RINNOVABILI  e TECNOLOGIE APPROPRIATE  PER IL SUD DEL MONDO”
Quali modelli energetici per la Cooperazione Internazionale italiana?
SABATO 8 APRILE  dalle ore 9,00 alle ore 18,00
A TREZZANO Sn (Milano)  c/o CENTRO SOCIOCULTURALE (V.Manzoni 12)
Per info e iscrizioni (gratuite): salvambiente@yahoo.it  02/48402693
Programma su www.digifiera.com/enersud 

Salvambiente, Oltreilconfine, Ecoistituto del Piemonte, CAST (Bergamo), Energetica, CIRPS (Roma), CERTAS, Univ. Torino/ Fac. Agraria: CISAO (Centro Interdipart. Ricerche e Studi Africa Occ.), Ecoles du Sahara , MLAL (Verona), Comitato Amicizia (Faenza), SOCO, Termotend System (Argenta), Ampelos, Rete Lilliput e Emmissionizero e altri.
Con il Patrocinio del Comune di Trezzano SN e Provincia di Milano, con il sostegno della Regione Lombardia.
PROGRAMMA
9,00 Accoglienza e iscrizione
9,30 Saluti e presentazione di tutti i partecipanti Apre i lavori Bruna Brembilla (Assess. Ambiente Prov. Milano)
9,45 Introduzione: “Qual è la realtà attuale della cooperazione internazionale italiana nel campo energetico e delle tecnologie appropriate. Quali ragioni per lavorare su questo argomento” (Sergio Marelli: Presidente Assoc. ONG italiane e Direttore Gen. Volontari nel Mondo FOCSIV.) (Energetica)
10,30 –PRESENTAZIONE DI ESPERIENZE/SOLUZIONI PER:POMPARE ACQUA: manuali (Certas), eoliche (LVIA),fotovoltaiche (Comitato Amicizia/Ampelos)
11,30 CUCINARE: Essiccatori (Termotend System ), cucine solari (Salvambiente), forni (CISAO) . Cucine migliorate (MLAL/Comitato Amicizia).
12,45 COSTRUIRE con bambù (Emissionizero)
13,00 BUFFET EQUO e a basso impatto ambientale.
VISITA MOSTRA STRUMENTI SOLARI, EOLICI, FOTOVOLTAICI, ecc
14,30 CONTINUA PRESENTAZIONE ESPERIENZE/SOLUZIONI
POTABILIZZARE ACQUA:fotovoltaico (CIRPS)
ILLUMINARE: fotovoltaico (/MLAL/Amici Benin/ Ecoles du Sahara/ AMPELOS), idroelettrico (CIRPS)
COMUNICARE: telematica (Soco)
16,30 DIBATTITO e raccolta di nodi/sfide/problemi/proposte
17,30 CONCLUSIONI sulle proposte da portare a chi si occupa di Cooperazione Internazionale. (Ecoistituto del Piemonte e Sergio Marelli.)


Un mese di Messico a Genova Programma delle: Giornate Messicane 14 marzo - 14 aprile 2006
Fondazione Casa America Villa Rosazza  piazza Dinegro, 3 - 16126 Genova

Il 14 marzo l’Ambasciatore del Messico in Italia Rafael Tovar y de Teresa, il Sindaco Giuseppe Pericu e Roberto Speciale Presidente della Fondazione Casa America inaugurano la mostra fotografica Gli archivi fotografici Casasola, Messico 1900-1940. La mostra si inserisce nell’ambito delle Giornate Messicane, serie di eventi culturali organizzati in collaborazione con l’Ambasciata del Messico a Roma e con il Consolato del Messico a Milano  e a Genova. La mostra propone i 96 scatti del fotografo Augustín Victor Casasola
offrendo uno sguardo sulla storia della società messicana della prima metà del XX secolo. L’archivio dei fratelli Casasola è una delle collezioni che maggiormente hanno alimentato l’immaginario collettivo dei messicani, illustrando la rivoluzione messicana e contemporaneamente scrivendo un capitolo fondamentale della storia della fotografia di questo Paese. I fratelli Casasola sono considerati i pionieri del reportage fotografico in Messico e in America Latina. Dopo il grande successo riscosso all’Istituto Italo Latino Americano di Roma, la mostra è allestita a Genova e rimarrà aperta presso Villa Rosazza fino al 14 aprile (orario dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30). Parallelamente alla mostra viene proposto un ricco calendario di incontri volti a presentare alcuni aspetti del Messico di oggi quali le bellezze naturalistiche e artistiche, l’attualità sociale, l’offerta turistica e la realtà economica.  Mercoledì 15 marzo sarà dedicato alle opportunità commerciali e di investimento del Messico. Ospiti di Assindustria Genova (via San Vincenzo, 2) e del suo Presidente Marco Bisagno, l’Ambasciatore del Messico, il Console Generale a Milano Benito Andión Rancho, il Consigliere Commerciale José Luis Fernández e il Console del Messico a Genova Alessandro Garrone, incontreranno le realtà economiche-imprenditoriali della Liguria per presentare la situazione economica del Messico e le possibilità di scambio con l’Italia e la Liguria. Tutte le manifestazioni seguenti si terranno alla Fondazione Casa America.
Si comincia venerdì 17 alle ore 17.15 quando sarà protagonista il patrimonio storico-naturalistico del Messico. Diana Viale (Direttrice dell’Ente per la promozione turistica del Messico) e il giornalista Pietro Tarallo illustreranno le suggestive bellezze del Paese e sarà sorteggiato tra tutti i presenti un soggiorno di dieci giorni in Messico (Yucatan e Riviera Maya) offerto da Oltremare.
Gli incontri successivi ripercorreranno alcuni importanti momenti della storia e dell’attualità messicana.
Giovedì 23 (ore 17.30) l’attenzione sarà focalizzata sulla situazione politica odierna con gli interventi dei professori Jacqueline Peschard e Pedro Salazar (Universidad Nacional Autónoma de México) assieme al preside della Facoltà di Giurisprudenza di Genova, Paolo Comanducci, e al Presidente della Fondazione Casa America.
Venerdì 24 (ore 17.30) Marco Bellingeri (Università di Torino), Agostino Petrillo (Politecnico di Milano) e Roberto Speciale discuteranno del passato recente del Paese traendo spunto dai tragici eventi che Città del Messico visse durante nell’ottobre 1968 pochi giorni prima l’apertura dei Giochi Olimpici analizzando la situazione socio-politica che li determinò e le conseguenze che ne derivarono.
Infine martedì 4 aprile alle ore 17.30, la professoressa Luisa Faldini (Università di Genova) parlerà delle grandi civiltà precolombiane degli Atzechi, dei Maya e Toltechi fiorite in Messico. Al termine della conferenza sarà estratto, fra i presenti e che hanno partecipato ad almeno tre incontri delle Giornata Messicane un biglietto aereo A/R per il Messico offerto da Oltremare.
Tutto il periodo della manifestazione sarà inoltre scandito da una rassegna cinematografica e documentaria che prevede la seguente programmazione:
20 marzo Santitos di Alejandro Springall, 1998.
Presenta Marco Cipolloni, Università di Genova.
22 marzo Documentari su Porfirio Díaz e Francisco Madero. Presenta Stefano
Tedeschi, Università La Sapienza, Roma.
27 marzo Por la Libre di Juan Carlos de Llaca, 2000.
29 marzo Documentari su Francisco Villa ed Emiliano Zapata.
30 marzo Documentario sul muralista Diego Rivera. Presenta Matteo
Fochessati, Wolfsonian Foundation.
3 aprile El Segundo Aire di Fernando Sariñana, 2001.
-------------------------------------------
Fondazione Casa America Villa Rosazza  piazza Dinegro, 3 - 16126 Genova tel. 010 25 18 368 - fax 010 25 44 101
www.casamerica.it  - info@casamerica.it 


Cerchiamo ogni cosa che parla dell'Italia

 

Un appello rivolto a : IIstituzioni, Musei, Aziende Turistiche, Ministeri, Università, Scuole, Case Editrici, Camere di Commercio e altri settori istituzionali e privati, interessati in diffondere la lingua e cultura italiana e l'immagine d'Italia.  Biblioteca, Emeroteca, Videoteca e Cineteca Italiana a Recife/ Brasile.

L'Istituto di Cultura Brasile-Italia a Recife, Brasile, diffonde la lingua e cultura italiana presso le comunità brasiliana e italo brasiliana sul posto con vari eventi e realizzazioni di mostre. Siamo interessati in avere le vostre collaborazioni e donazioni (gratuite)
di: libri, riviste, giornali, CD, film (cinema), documentari in DVD e VHS, manifesti delle città, regioni e di vari argomenti per le nostre mostre, dèpliant turistici ecc. Per l'invio chiediamo di spedirci in piccoli pacchi, dovuto alla rigidità dei libri da parte della posta e fisco brasiliani di pacchi venuti dall'estero.
Nostro indirizzo è:  INSTITUTO DE CULTURA BRASIL-ITALIA  ATT.: Dott.ssa. Cristina Elisabeth Presbitero
Rua Marques Amorim, 46.  Boa Vista - Recife - Pernambuco - Brasil  CEP: 50070-330
Tel.: (0055) 081-3221.4112  e-mail:icbit@ig.com.br 

Collaboriamo con scuole, università, imprese, rotary, ecc. in quel che riguarda prestiti di mostre, libri, film nelle feste delle nazioni (stand Italia) a scopo di diffusione (gratis). Siamo interessati in poter intraprendere rapporti di collaborazione con scuole e università, in quel che riguarda la concessione di borse si studi in Italia ai nostri studenti. Informiamo alle agenzie di viaggi e turisti brasiliani sugli itinerari da seguire nei loro viaggi in Italia. Ringraziamo per le vostre attenzioni, collaborazioni e donazioni. Cordiali Saluti,
Cristina E. Presbitero Direttrice


Donne: Pangea, oltre l'8 marzo per il diritto di genere

In occasione della prossima Festa della Donna, 8 marzo 2006, la Fondazione Pangea Onlus chiede a tutti gli operatori media di dare spazio alla campagna di sensibilizzazione in corso per far conoscere le sue attività e i suoi progetti, invitando tutti a muoversi e a impegnarsi a favore delle Donne nel mondo. La campagna, denominata “PANGEA, LA VITA RIPARTE DA UNA DONNA” mette al centro le Donne, le principali beneficiarie dei progetti sviluppati e condotti dalla Fondazione Pangea Onlus in Asia e Africa. Nella giornata in cui in tutto il mondo si ricordano le Donne, la Fondazione Pangea Onlus ritiene importante ricordare che serve andare oltre l’8 marzo, oltre le celebrazioni e favorire in ogni settore un impegno forte e continuativo a favore dell’emancipazione femminile e del rispetto dei diritti umani. Prima associazione no profit in Italia ad aggiornare con contenuti video i propri sostenitori, la Fondazione Pangea Onlus presenta la prima puntata di un nuovo format video, chiamato “da PERSONA a PERSONA TV”, un vera e proprio magazine che inizialmente avrà cadenza trimestrale e verrà inviato a casa dei sostenitori su dvd e sarà disponibile in streaming sul sito web della fondazione (www.pangeaonlus.org) oltre che su molti altri siti web d’informazione e televisioni satellitari che lo ospiteranno gratuitamente. Seguendo la mission della Fondazione Pangea, è stato sviluppato un prodotto multimediale, a cui partecipa come conduttrice la nota attrice Ottavia Piccolo, che porta a tutte le persone interessate contenuti originali di sensibilizzazione sui problemi sociopolitici dei paesi in cui interviene Pangea (al momento Afghanistan, India, Nepal, Repubblica Democratica del Congo e prossimamente Pakistan) insieme ad aggiornamenti dal campo sui progetti in corso.
Nello stesso tempo sarà diffuso anche il numero zero di “da PERSONA a PERSONA”, un notiziario mensile fondato ed edito da Fondazione Pangea con lo scopo di sensibilizzare sulle proprie attività, ma allo stesso tempo sarà un manifesto pieno di sguardi, di facce, di Vita. Sarà un messaggio trasmesso attraverso parole scritte da persone quasi normali che, seguendo una stella, viaggeranno in mondi ai più sconosciuti nella loro vera essenza. Cercheranno di raccontare sensazioni, emozioni, problematiche e speranze di persone che vivono dietro l’angolo.
La mission di Pangea è quella di far comprendere che dando fiducia a una Donna, investendo su di lei, in realtà si investa sul futuro dell’Uomo, dell’intera Umanità. In luoghi di conflitto e povertà estrema, garantiamo alle Donne microcredito, istruzione, formazione professionale e consapevolezza dei propri diritti: strumenti per ricostruire se stesse, creare reti di solidarietà, favorire uno sviluppo duraturo nella propria comunità. Pangea crede fermamente nella necessità di investire nel talento e nella capacità delle Donne per costruire un mondo di pace reale. Chiediamo a tutti di attivarsi e dare visibilità ai progetti di sviluppo di Pangea.
È possibile organizzare interviste con il presidente Luca Lo Presti, con la responsabile Progetti Simona Lanzoni attualmente in India o con la nostra testimonial Ottavia Piccolo. Sono disponibili foto e immagini video di alta qualità.
http://www.pangeaonlus.org/


"3º Curso - Imigração Italiana para o Estado de São Paulo:dados históricos e pesquisa genealógica"
MEMORIAL DO IMIGRANTE  http://www.memorialdoimigrante.sp.gov.br

Objetivos

  •  Fornecer uma visão histórica básica sobre a Itália e o Brasil em fins do séc. XIX e início séc. XX, que permitam ao participante conhecer, entender e "sentir" o processo social e a experiência pessoal da emigração/imigração, valorizando seus antepassados.

  •  Fornecer elementos para que cada participante trabalhe com os dados que ele(a) coletar na própria família e inicie a confecção de sua árvore genealógica.

  • Fornecer informações gerais sobre o reconhecimento da cidadania italiana, e instruções e dicas práticas para aumentar as probabilidades do(a) próprio(a) participante localizar a origem de seus antepassados e obter os documentos necessários para iniciar o seu processo.

Confira em nosso site as informações completas sobre este  curso.


Não esqueça de dar uma passada pela "Loja Virtual" em nosso site, onde você pode adquirir livros, apostilas e camisetas para você ou para presentear alguém, ajudando assim a Associação de Amigos do Memorial do Imigrante a manter vivo este maravilho espaço cultural.

MEMORIAL DO IMIGRANTE http://www.memorialdoimigrante.sp.gov.br
 


Studiare a Udine, venti borse di studio
L'iniziativa è destinata ai discendenti di emigrati dal Friuli Venezia Giulia
 Scadenza termine il  30 aprile 2006 

20 borse di studio per i figli o i discendenti di emigrati dal Friuli Venezia Giulia in tutto il mondo: le offre il Convitto Nazionale "Paolo Diacono" di Cividale del Friuli (Udine), che oltre alle strutture residenziali, comprende come un liceo classico, uno scientifico, il liceo socio-psico-pedagogico, quello linguistico e alcune scuole tecniche e professionali collegate.

Il concorso viene bandito grazie alla Convenzione tra il Convitto e l'Ente Friuli nel Mondo e con il patrocinio di diversi Enti pubblici e privati. Grazie a quest'opportunità, i giovani alunni potranno perfezionare il proprio percorso formativo, frequentando regolari corsi scolastici nella terra d'origine dei loro padri e arricchendo in particolare il proprio bagaglio culturale con il perfezionamento delle lingue e delle culture italiana, friulana e delle altre lingue e culture autoctone presenti nel Friuli-Venezia-Giulia. I candidati, di età compresa tra i 14 ed i 18 anni, devono possedere una sufficiente conoscenza e comprensione degli elementi fondamentali della lingua italiana.
Le domande di ammissione al concorso e la relativa documentazione dovranno essere presentate direttamente o a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno a: Convitto Nazionale Paolo Diacono "Piazzetta Chiarottini, 8 33043 Cividale del Friuli. La domanda può essere anche inviata all'Ente Friuli nel Mondo o inviata via e-mail a: segreteria@cnpd.it  oppure info@friulinelmondo.com  L'aspirante allievo deve presentare alcune dichiarazioni, indicando: la situazione economica del nucleo famigliare, l'indirizzo preciso della famiglia, e allegare la fotocopia del passaporto e la documentazione scolastica.
È prevista una cauzione di 400 euro quale garanzia per il rimborso di eventuali danni, che dovrà essere versata dagli studenti prescelti al momento dell'ingresso in Convitto. La scadenza ultima per partecipare al bando è il 30 aprile.
News ITALIA PRESS


 DARKROOM
 un film di Dino Viani
 Chieti Auditorium Cianfarani
 25 febbraio ore 18,30


UN CONCERTO PER PALAZZO SAN SEBASTIANO
Palazzo San Sebastiano Venerdì 24 febbraio - ore 17.00
Presentazione del progetto - concerto e brindisi

Venerdì 24 febbraio, alla presenza del compositore Stefano Gueresi e della giornalista Maria Antonietta Filippini viene presentato il progetto di sonorizzazione realizzato per le postazioni multimediali presenti in Palazzo San Sebastiano.
Palazzo San Sebastiano, sede del Museo della Città, presenta in ogni sala espositiva una postazione multimediale che accompagna il visitatore nel percorso di visita e di conoscenza delle opere esposte. Da venerdì le postazioni saranno accompagnate da uno sfondo musicale appositamente composto dal compositore mantovano.

Informazioni
Palazzo San Sebastiano. tel. 0376-367087
museodellacitta@domino.comune.mantova.it

 


Fondazione Casa America
Mercoledì 22 febbraio alle ore 17.45
Hernàn Huarache Mamani presenta il suo libro
La donna dalla coda d’argento

Intervengono il presidente della Fondazione Casa America on. Roberto Speciale e l’on. Giovanni Rainisio

Una guida spirituale in forma di romanzo capace di rivelare prospettive illuminanti sulla vita di coppia e sulla femminilità. Un viaggio fra i curanderos delle Ande alla scoperta di un modo più autentico di essere donna.
Lara è una donna in crisi. Il marito l'ha abbandonata improvvisamente per una più giovane di lei. Disperata, lascia Milano e, su consiglio di un amico, parte per il Perù. A contatto con una cultura e un ambiente tanto differenti dai suoi, impara a scoprire se stessa, diventando forte, indipendente, femminile e saggia. Tata Sabino e Mama Maru, i suoi maestri 'curanderos', la guidano in un percorso iniziatico che la porterà a superare prove che prima pensava impossibili, fino a scoprire e fare proprio un modo sconosciuto e più autentico di essere donna. L'antica cultura andina, contrariamente a quella occidentale, è fortemente orientata al femminile; sostiene che il primo essere umano comparso sulla terra era una donna e ha come divinità principale 'Pachamama', la dea natura. Un modo completamente diverso dunque di intendere la società, il matrimonio, il sesso. Hernàn Huarache Mamani è un indio quechua nato a Chivay, un villaggio della Cordigliera delle Ande. E’ un sacerdote, ultimo erede di un’antica generazione di curanderos andini. Da anni lavora ad un progetto di conservazione della cultura del suo Paese e, per indicazione del suo maestro, vive parte dell’anno in Europa per diffondere e insegnare la sua esperienza spirituale. Nel 2001 ha costituito la Fondazione Mamani ad Arequipa, in Perù senza  scopo di lucro, i cui intenti sono: promuovere l’attività educativa con la creazione di un’università che avrà il nome di “Università della Vita e della Pace”, lo sviluppo integrale della donna e la gestione di progetti che sostengano l’educazione per il lavoro, incoraggiare la ricerca scientifica e tecnologica con finanziamenti che la possano sostenere e contribuire allo sviluppo umano e integrale della popolazione di Arequipa e del Perù meridionale. I primi frutti di solidarietà si sono raccolti con la creazione (tra il 2002 e il 2004) di un asilo e di una scuola ad Arequipa, battezzati “De la vida y de la paz” che rispondono a principi educativi di amore per la vita e per la pace. Tutte le attività sinora svolte sono state finanziate principalmente dalle royalty dei libri del prof. Mamani, che in precedenza ha già pubblicato in italiano Curanderos delle Ande (Ed. Riza Psicosomatica), Negli occhi dello sciamano (Ed. Piemme) e La profezia della curandera (Ed. Piemme), oltre ad
altri libri in lingua spagnola ed inglese.

Fondazione Casa America Villa Rosazza piazza Dinegro, 3  16126 Genova
Tel. (39) 010 2518368 Fax (39) 010 2544101 info@casamerica.it www.casamerica.it


Shosholoza: un sogno sudafricano dal cuore italiano

Vi sono sogni che sono visioni di cose lontane e irraggiungibili e pertanto rimangono nel vago della memoria, ma ve ne sono altri che, sostenuti dal coraggio e dalla passione, si trasformano in cose visibili e tangibili, dentro cui battono un cuore e dei sogni nuovi...
La barca sudafricana che partecipa all’America Cup ha già un nome che vagheggia il suo sogno di libertà: Shosholoza. Prende il nome del treno che dallo Zimbabwe portava in Sud Africa tra la fine dell’800 e i primi del ‘900. Il termine indica, in lingua zulu, la corsa senza soste verso la meta. È un nome che contiene già un’idea e un ideale di conquista.
E dietro un sogno così grande c’è naturalmente un grande uomo: Capitan Salvatore Sarno, persona certamente a tutti nota e benemerita nella comunità italiana e sudafricana del Kwa Zulu-Natal e oltremare.....
La sua Società, MSC, è la seconda compagnia più grande del mondo nel settore dei trasporti via mare ed è lo sponsor principale di Shosholoza.
Il team Shosholoza, interamente composto da skippers ed equipaggio sudafricani, è recentemente stato insignito del titolo di “South African Sports Team of the year” e premiato a Johannesburg nella cerimonia annuale dei South African Sports Awards.
Adesso il team si prepara a Citta’ del Capo per partecipare alle prossime regate di qualificazione che si terranno in America da aprile a settembre.
Il nostro augurio a tutto il team di Shosholoza è quello di andare lontano e continuare a sognare......... per farci sognare.
 tratto da La Gazzetta del Sud Africa - Gisella Reale
 


Associazione Latinoamericana di Cremona
Centro Missioni dei Padri Saveriani in Via Bonomelli, a Cremona
sabato 18 febbraio ore 20

Cari amici,
è con piacere che l'Associazione Latinoamericana di Cremona vi invita alla ormai tradizionale cena invernale che si terrà presso il Centro Missioni dei Padri Saveriani in Via Bonomelli, a Cremona. La cena avrà inizio a partire dalle ore 20.00. La cena è finalizzata al sostegno dei progetti di cooperazione in Colombia e in Guatemala dell'Associazione. Speriamo di vedervi numerosi a questo incontro conviviale con la nostra Associazione, magari accompagnati da numerosi amici e/o famigliari. per l'Associazione Latinoamericana
il Presidente
Fabio Veneroni

Non dimenticate che anche il vostro minimo contributo può aiutare qualcuno, in Colombia o in Guatemala, ad uscire da una situazione di estrema difficoltà.


IL FUTURO VISTO... “CON GLI OCCHI DEI BAMBINI

Un omaggio a Mario Lodi comprendente: performance teatrali, tratte dai suoi racconti, rappresentate in anteprima per le scuole di Mantova e provincia, un incontro pubblico e una conversazione con il maestro.

IL TEATRO DEL PETTIROSSO, in collaborazione con il circolo culturale IL NOTTURNO, ha organizzato una rassegna di letture, narrazioni, performance, animazioni teatrali in febbraio e marzo 2006, in omaggio al grande maestro Mario Lodi, [ www.casadelleartiedelgioco.it/mariolodi/index.php?  ] che ha dedicato la sua vita professionale nella ricerca, sperimentazione e realizzazione di nuove strade pedagogiche per comunicare in modo semplice e piacevole con l’universo multiforme dei bambini.

Lunedì 27 febbraio 2006 - ore 09:30 SCUOLA ELEMENTARE DON G. MINZONI (MANTOVA - BORGO ANGELI)
Favole sul filo Performance per le classi del ciclo primario della scuola DON G. MINZONI, tratte dal libro IL SOLDATINO DEL PIM PUM PÀ, BAMBINI E CANNONI di Mario Lodi, a cura di Pierrette Strada del NUOVO TEATRINO DEL GATTO.
Lunedì 27 febbraio 2006 - ore 11:30
SCUOLA ELEMENTARE MARTIRI DI BELFIORE (MANTOVA - V.LE GOBIO)
Favole sul filo Replica per le classi del ciclo primario della scuola MARTIRI DI BELFIORE.
Mercoledì 1 marzo 2006 - ore 11:00
SALA DEGLI STEMMI DI PALAZZO SOARDI (MANTOVA - VIA FRATTINI, 60)
Girogirotondo Incontro pubblico con Mario Lodi e consegna al maestro dei disegni ispirati alle sue opere, realizzati dai bambini di alcune classi elementari.
Giovedì 2 marzo 2006 - ore 10:30
TEATRO DELLE CAPPUCCINE (MANTOVA - PIAZZA SAN LEONARDO)
Paura della notte Spettacolo per le classi del ciclo secondario delle scuole DON G. MINZONI e del ciclo primario della scuola P. POMPONAZZO, tratto da IL DRAGO DEL VULCANO di Mario Lodi, con Paolo Carboni del TEATRO DELL’ALTROVE.
Giovedì 2 marzo 2006 - ore 14:30
TEATRO DELLE CAPPUCCINE (MANTOVA - PIAZZA SAN LEONARDO)
Paura della notte Replica per le classi del ciclo secondario della scuola P. POMPO-NAZZO.
Venerdì 3 marzo 2006 - ore 10:30 SCUOLA ELEMENTARE I. NIEVO (MANTOVA - VIA TASSO)
Cipì Lettura teatrale e animazione per le classi del ciclo primario della scuola I. NIEVO, ispirate dall’omonimo libro di Mario Lodi, con Massimo Nicoli del TEATRO PROVA.
Venerdì 3 marzo 2006 - ore 14:30 SCUOLA ELEMENTARE I. NIEVO (MANTOVA - VIA TASSO)
Con gli occhi dei bambini Narrazioni teatrali per le classi del ciclo secondario della scuola I. NIEVO, ispirate dal libro FAVOLE DI PACE di Mario Lodi, con Annamaria Giacomelli del TEATRO DEL PETTIROSSO.
Martedì 7 marzo 2006 - ore 16:00 AULA MAGNA DELLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ DI MANTOVA (MANTOVA - VIA SCARSELLINI, 15) Il futuro visto… “con gli occhi dei bambini” A più di trent’anni dalla pubblicazione de IL PAESE SBAGLIATO, Mario Lodi torna a conversare con insegnanti, educatori, formatori e chi ha a cuore le sorti delle nuove generazioni. Riusciamo a vedere il futuro con gli occhi dei bambini?  Come i bambini vivono nella società dei grandi?  La scuola è luogo privilegiato ove i bambini si sentono i protagonisti di un cambiamento?
Intervengono: Prof. Roberto Farnè docente di Pedagogia alla facoltà di Scienze dell'Educazione dell’Università di Bologna e condirettore della rivista INFANZIA, Prof. Roberto Archi dirigente dell’istituto comprensivo MANTOVA 1 - “LUISA LEVI”,  Dott. Egidio Lucchini ispettore scolastico.
Ingresso gratuito.


Festivaletteratura e Jolanda e il Corsaro Nero
4 febbraio, giornata ufficiale di inaugurazione per “Qui comincia la lettura”,

Jolanda e il Corsaro Nero ormai scorazzano per Mantova. L’iniziativa lanciata dal Festivaletteratura 2005 piace a tutti. Anzi di più: dalla provincia e dalle città vicine, crescono di ora in ora coloro che hanno accettato la divertente sfida: la lettura globale del libro di Salgari. In attesa che arrivi sabato 4 febbraio, giornata ufficiale di inaugurazione per “Qui comincia la lettura”, fervono i preparativi per le numerose iniziative ispirate all’originale progetto. L’idea di coinvolgere città e provincia nella lettura del libro di Emilio Salgari “Jolanda, la figlia del corsaro nero” e trasformala in un occasione per realizzare eventi e rappresentazioni sta infatti riscuotendo grande successo. 'Siamo molto contenti. E’ un progetto che ci piace molto e che ci ha divertito lanciare. Speravamo che venisse accolto con entusiamo ed è proprio quello che sta accandendo'. Marzia Corraini, membro del comitato organizzatore del Festivaletteratura, non nasconde la soddisfazione. 'A differenza del Festivaletteratura durante il quale la persone sono invitate a partecipare, ma solo in veste di spettatori, con “Qui comincia la lettura" le cose sono diverse - prosegue la Corraini - i lettori diventano veri e propri attori, liberi di inventare e realizzare tutto ciò che vogliono ispirandosi a vicende e personaggi del romanzo. All’inizio ci chiedevano cosa dovevano fare - prosegue - ma poi hanno capito lo spirito dell’iniziativa che sta proprio nella libertà di realizzare quello che ognuno vuole'. Come ha sottolineato la Corraini, le adesione arrivano dai soggetti più diversi: scuole, biblioteche, negozi, bar. E’ una sorta di contagio straordinario che riesce a prendere chi si avvicina al libro perchè, evidentemente, da cosa nasce cosa. Tutto da vedere insomma il risultato di questa grande festa della lettura. 'É la prima volta di questa iniziativa - aggiunge - E proprio perchè si tratta di un progetto libero, speriamo che qualche altra città abbia voglia di copiarlo'. Il sipario sulla prima edizione di “Qui comincia la lettura” si alzerà già venerdì 3 febbraio. A fare da antipasto alla scorpacciata salgariana sarà l’apertura, alle 21.30 nella sede di via Accademia, della campagna di tesseramento all’Associazione Filofestival, che celebra il decimo anniversario del Festivaletteratura. Seguirà, alle 22.30 al Bibiena, lo spettacolo di David Riondino “Il Corsaro Nero, letture salgariane in musica”. Il recital, che vedrà sulla scena anche Paolo Bessegato e la Banda Città di Mantova, darà il via all’avventura corsara nella città di Mantova. Dal giorno dopo i libri saranno distribuiti in città e provincia.
BAR E LOCALI. Da bar e locali le iniziative più solleticanti: il bar Venezia propone l’apertivo piratesco, giovedì 2 marzo. Appuntamento alle 18 con la riunione straordinaria del gruppo di lettura, aperto a tutti, di “Jolanda”. All’ordine del giorno: dieci buoni motivi per leggere e 10 buoni motivi per non leggere Salgari (info 0376 321509). Uno speciale caffè Jolanda e tè Jolanda sono la proposta salgariana della caffetteria “La Ducale”, di via Calvi: calde ricette pensate apposta per l’occasione e degne deglla figlia del corsaro.
CORSI E CORSARI. Dedicati ai ragazzi e non solo, è l’iniziativa che proviene invece dagli scaffali della libreria Nautilus. Si parte giovedì 16 febbraio con lo scrittore Andrea Valente in “Il corsaro Nero era una percora nera”. Sabato 25 febbraio dalle 15.30 disegni per mani e facce a cura di Partinverse sul tema “Immagina il mare...”. Il 10 marzo appuntamento con “La scotta il doppino. Laboratorio animato di nodi marinari” e chiusura, il 16 marzo, con Federico Taddia che insegnerà come diventare filibustieri attraverso letture e aneddoti (info 0376 360414).
LA MAGLIETTA. Una t-shirt dedicata a Jolanda è l’idea del gruppo di ragazzi mantovani del “Blackpearl”, nuovo marchio di produzione. Bocche cucite su colore e caratteristiche della maglietta che verrà distribuita a fine marzo (info 328 2199247).
CINEMA. Anche il cinema rende omaggio a Salgari: al cinema del Carbone è in programma il 14 febbraio “Il corsaro nero”, interpretato da Kabir Bedi. Si continua il 21 febbraio con “Il corsaro dell’Isola Verde” e il 28 febbraio con due rarità: “Il corsaro nero” con Bruno Bozzetto (episodio pilota di una serie mai realizzata) e “La bella corsara”, film del 1928 interpretato da Rina De’ Liguoro (info 0376 369860).
CACCIA AL TESORO. Un’autentica caccia al tesoro è l’idea che è venuta all’Associazione Centro Aperto e in programma per il mese di aprile. Antiche mappe rivelerebbero che, proprio dove oggi si trova il giardino J. Andr, alcuni filibustieri Morgan avrebbero sepolto un cospiquo tesoro: bambini e famiglie sono invitati a partecipare alla ricerca a Colle Aperto (info 0376 392391). Caccia al tesoro anche nella riserva dell’isola Boschina. L’Ersaf, in collaborazione con il Wwf del basso mantovano, la biblioteca di Ostiglia e l’associazione di guide alpine X-Mountain sta preparando una giornata speciale nell’isoletta fluviale del Po. Questo e tanto altro per “Jolanda, la figlia del corsaro nero”. Un libro che evidentemente vale la pena di riscoprire. (el.pe)
sunto tratto dalla Gazzetta di Mantova


Mantova Musica Festival dal 24 al 28 maggio
In uscita a giorni il bando per partecipare alla manifestazione
Presto le selezioni degli artisti emergenti
La manifestazione è in programma

Conto alla rovescia per l’uscita del bando di partecipazione al Mantova Musica Festival che si terrà in città dal 24 al 28 maggio. A giorni, infatti, sul sito della manifestazione dovrebbe essere diffusa la guida con tutte le indicazioni utili per accedere alle selezioni. Anche quest’anno i solisti e i gruppi emergenti potranno tentare la via del concorso per esibirsi sul palco del Mmf. L’edizione numero tre della manifestazione vedrà dunque protagonisti, oltre agli ospiti speciali, anche gli artisti emergenti. La varietà dei generi dovrebbe essere confermata. Rock, pop, jazz, world music, classica, etnica potranno dunque essere i linguaggi utilizzati per misurarsi sui palchi della maratona musicale. In queste settimane la macchina organizzativa si è riunita per definire diverse cose. «Stiamo ultimando i dettagli del concorso - conferma Ricky Gianco - e anche i ruoli organizzativi». Del comitato artistico al momento dovrebbero fare parte Velia Mantegazza, Antonio Occhiato, lo stesso Ricky Gianco e Vittorio Cosma. La commissione dovrebbe essere invece composta da Alberto Tonti, Gianni Mura, Ricky Gianco, Giorgia Fazzini, Enzo Gentile, Antonio Silva, Ezio Guaitamacchi, Annibale Bartolotti, Gaetano Liguori, Aldo Nove. Come sempre motore della manifestazione saranno anche i volontari delle ‘Scudèle lavade’ - spiega Fabio Zanchi del comitato organizzatore - ovvero i tanti amici mantovani che a vario titolo hanno lavorato e contribuito al successo delle due edizioni del festival. Anche per valorizzare le forze in campo offerte dalla città, abbiamo chiesto ad Antonio Occhiato di fare parte della task force. L’idea di questa terza edizione è quella di offrire a Mantova una festa globale della musica, non solo concerti e concorsi ma anche artisti che si esibiranno in performance nelle piazze e nelle vie della città. Confermato anche il ritorno di Hyde Park, ovvero il palco libero per i gruppi che arriveranno da ogni parte d’Italia e anche il dopo-festival con le chiacchierate in notturna tra musica e intrattenimento. Mi è stato chiesto di entrare nel comitato artistico - conferma Antonio Occhiato - e ho accettato volentieri perché credo che anche le forze locali possano offrire un contributo importante alla rassegna. Penso infatti ai tanti volontari che si sono impegnati per la buona riuscita del festival. Quest’anno investiremo anche su Hyde Park, la manifestazione sarà spostata al campo canoa e prevederà, oltre alle esibizioni degli emergenti, anche concerti di artisti conosciuti». «Per quanto riguarda il concorso vero e proprio - conclude Ricky Gianco - sul sito www.mantovamusicafestival.it   inseriremo presto tutte le novità e gli artisti scelti si esibiranno nelle serate del 25, 26 e 27 maggio in una piazza della città. A loro si aggiungeranno ovviamente anche big e ospiti speciali come è già successo nelle altre edizioni». (cdp)
Dalla Gazzetta di Mantova


Anche a Mantova il Gruppo degli amici di Beppe Grillo

É stato fondato anche a Mantova il Gruppo degli amici di Beppe Grillo. Questo gruppo nasce sul sito dedicato di MeetUp ( http://beppegrillo.meetu p.com/116/   ) e vuole avvicinare le persone al buon senso e "all'agire" etico nel trovare idee, iniziative e soluzioni ai problemi delle nostre città con serietà, passione e divertimento abbracciando questa possibilità di comunicazione che Beppe Grillo ci ha mostrato e del quale ha supervisione al progetto.
Quello che cortesemente vi chiediamo è un piccolo spazio o un gisto 2 righe sul vostro sito per provuovere il gruppo che più numeroso sarà e più avrà modo di mettere in atto con successo le svariate iniziative riguardanti temi come ecologia, economia, informazione, politica, salute, tecnologia, viabilità ecc.
A solo scopo logistico chiediamo esito negativo o positivo che sia della vostra valutazione alla nostra richiesta.
Ovviamente il favore verrà ricambiato mettendo il link al vostro bel sito nei link utili del gruppo.
Siamo a vostra completa disposizione per appoggiare qualsiasi organizzazione o iniziativa etica riguardante la provincia di Mantova. Grazie della cortese attenzione
Cordiali Saluti Simone Ceoloni
asst. Organizer Mantova Beppe Grillo MeetUp Group


Nuovo sito del Collegamento Provinciale del Volontariato!
http://www.collegamentovolontariato.org/

 Finalmente!!! dirà qualcuno!
Abbiamo messo in rete in nuovo sito del Collegamento Provinciale del Volontariato!
E' solo un primo passo fra i tanti che abbiamo promesso di fare. Ogni suggerimento sarà importante per rendere partecipativo questo nuovo strumento che ci siamo dati a vantaggio del Volontariato Mantovano. http://www.collegamentovolontariato.org/  Come potrete notare, è allo stato embrionale, nei giorni che seguiranno,
la brava Francesca, segretaria del Mo.V.I. Lombardia, a cui abbiamo dato l'incarico di aiutarci, aggiungerà molte cose tra cui anche un "blog" per dare la possibilità a tutti coloro che intendono con noi comunicare, a "dar voce a chi non ha voce" di esprimere le loro difficoltà, i loro bisogni, i suggerimenti a noi e a tutto il mondo che sentiamo vicino, il
VOLONTARIATO. Grazie per quanto farete, noi siamo in attesa di darvi quanto possiamo, cioè il massimo. Coloro che intendono linkare con noi, è sufficiente una mail, e subito sarà fatto. Grazie ancora e buon lavoro. Tanto, da fare, come ben sapete ce nè e per tutti!
Giuseppe Mattiello
Presidente Collegamento Provinciale del Volontariato Mantovano


Storia e Storie un progetto emozionale

Gentile referente, nel ringraziare ancora una volta per l’attenzione riservata al progetto Storia e Storie 2005 ho il privilegio di anticipare, a Lei e a tutta la comunità di italiani di cui siete riferimento, il tema del concorso letterario del 2006. L’argomento individuato dal Comitato scientifico del progetto, ci porterà a lavorare intorno a “Modi di moda”: un individuo non è soltanto quanto è lui fisicamente, ci sono delle radici invisibili che lo collegano a tutto ciò che lo circonda … . La quaestio strettamente legata al capitale sociale delle comunità sarà quindi approfondita attraverso racconti, memorie e storie di vita.
Impegnandoci a farLe avere quanto prima il bando di concorso intanto sotto riporto, estratto dal comunicato stampa che allego, l’elenco degli Italiani nel mondo che sono stati premiati con l’edizione 2005. Nell’augurare a Lei e a tutta la comunità italiana un prospero nuovo anno di impegno e lavoro anche a nome di tutti i Volontari, le Associazioni, le Istituzioni coinvolte nel progetto saluto cordialmente.
Flavio Milandri
referente progetto
Storia e Storie


Sezione C Migranti Italiani
I° CLASSIFICATO Appuntamento nella stalla di Assunta Masotti – Nord America
II° CLASSIFICATO Elogio ad un borgo di campagna di Loretta Donda Cop – Croazia
III° CLASSIFICATO Viaggio nel sogno di Pietro Corsi – Nord America
MENZIONE Figlio di emigranti di Tino Zanelli - Francia


Storia e Storie un progetto emozionale

La premiazione del Concorso Letterario Storia e Storie: “Vivere tra Borghi, Paesi e Città”, per le sezioni adulti e migranti italiani, si è svolta nel pomeriggio di domenica 2 ottobre al Pattinodromo del Parco Incontro di Via Ribolle (Forlì), alla presenza del Sindaco Nadia Masini e delle Autorità cittadine. Lo sfondo è stata la gran festa Fantasie d’Autunno dove per l’occasione alcuni attori hanno interpretato i passaggi più significativi dei testi premiati. L’iniziativa, per il settimo anno consecutivo, è promossa da Auser Volontariato Forlì e Circoscrizione 5 con la collaborazione di: Amnesty International GR225, Comitato Volontari Parco Incontro, Centro Educazione Ambientale “La Còcla”, CIDI-Forlì, Associazione Donne nel Mondo, L’Ortica, Centro per la Pace “Annalena Tonelli” e Coop Adriatica. L’emozione, la partecipazione, l’intensità del progetto Storia e Storie sono scaturite proprio in quella giornata il 2 ottobre che AUSER ha voluto interpretare come la festa del protagonismo degli anziani per lo sviluppo della comunità. Di grande rilievo sono state le qualità delle opere inviate al concorso. Oltre 330 tra bambini, adulti, anziani e migranti italiani i partecipanti.
I premiati per la sezione bambini sono: I° Classificato (ex aequo) Scuole dell’infanzia Il Bruco, Il Folletto e La Rondine; I° Classificato (ex aequo) Scuole elementari Mellini V^ Classe e Matteotti I^ Classe, II° Classificato (ex aequo) Scuole elementari Matteotti III^ Classe, Mellini I^ Classe e Scuola Media Ribolle II^ E.
I premiati per la sezione adulti sono: I° Classificato, Il ponte della ferrovia di Mirella Giordani; II° Classificato (ex aequo), Nel negozio della Mira di Massimo Brusasco; II° Classificato (ex aequo), Cortili del Sud, di Zaccaria Gallo, III° Classificato (ex aequo), Cuori di ciottoli di Ludovica Mazzuccato; III° Classificato (ex aequo), Grazie Lina di Dionigi Mainini. Le menzioni: Ritrovarsi in un paese di montagna di “un ospite” Centro Diurno I Girasoli (Reggio Emilia), Fuori Orario di Franca Zaccheroni (ANFFAS), Vicolo Spada n. 3 di Venera Grasso (Casa Riposo Zangheri), Antiche passeggiate di Nerina Piccinini (Casa Riposo Orsi-Mangelli), Marciare per il Duce di Bruna Billi (Casa Riposo Casa Mia), Una bella gioventù di Nives Makus (Casa Riposo Al Parco).
I premiati per la sezione migranti italiani sono: I° Classificato, Appuntamento nella stalla di Assunta Masotti – Nord America; II° Classificato Elogio ad un borgo di campagna di Loretta Donda Cop – Croazia; III° Classificato Viaggio nel sogno di Pietro Corsi – Nord America; Menzione: Figlio di emigranti di Tino Zanelli - Francia.
Favio Milandri


Prorogato di altri cinque anni  il termine, previsto per presentare la richiesta per il riconoscimento della cittadinanza italiana per il territorio annesso all'Italia dopo la I guerra Mondiale (Trentino

20 gen.(Italia Estera) - È stato prorogato di altri cinque anni in Commissione Affari Costituzionali al Senato il termine, previsto dalla legge 379/2000, entro il quale si può presentare la richiesta per il riconoscimento della cittadinanza italiana. Ora passa alla Camera. La notizia è stata accolta con soddisfazione dall’associazione Trentini nel mondo che, in una nota, dopo aver ricordato che l’emendamento è stato presentato da Renzo Gubert, senatore trentino dell’Udc, in sede di conversione del decreto legge n.273 auspica una rapida conclusione dell’intero iter parlamentare. La proroga dei termini di scadenza della legge 379/2000 - per la quale nei mesi scorsi si si sono adoperati tutti i parlamentari trentini - è molto attesa, soprattutto nei paesi del Sud America, dalle comunità originarie del Trentino e di altre zone del Nord Italia. (Italia Estera) -


Teatro Comunale di Guidizzolo
RASSEGNA TEATRO RAGAZZI SIPARIO MAGICO TEATRO COMUNALE DI GUIDIZZOLO
Info 0376840435 - Biglietteria 0376818455 -  BoxOfficeMantova 0376224599

La rassegna di teatro ragazzi “Sipario magico” si comporrà quest’anno di 5 spettacoli e inizierà domenica 29 gennaio proseguendo ogni due settimane fino al 26 marzo 2006. Gli appuntamenti sono mirati ad un pubblico di “piccini” (materne ed elementari): il 29 gennaio é programmato lo spettacolo “Dallo zucchero filato” (4-9 anni) del Teatro del Topo Birbante, interessante narrazione sull’acqua come bene primario e la ricchezza della diversità delle culture. Domenica 12 febbraio è la volta di “Wonderful Snow White ...meravigliosa Biancaneve” (8-11 anni) del Teatro Arte Orizzonti Inclinati, uno spettacolo in inglese espressamente pensato per i bambini che si approcciano a questa lingua. Il 26 febbraio 2006 sarà messo in scena lo spettacolo “Tra fossi e boschi” di Giorgio Gabrielli, poetico racconto del rapporto con la natura delle nostre campagne, presentato nell’edizione 2005 del festival “Segnali” di Pavia. Il 12 marzo, il Centro Teatrale Corniani - con cui già il Teatro di Guidizzolo aveva collaborato negli ultimi anni per la realizzazione del progetto Ecoteatro - proporrà “I 3 porcellini”, una delle fiabe più conosciute e raccontata, adatta ad un pubblico dai 3 ai 7 anni, che evidenzia in modo particolare i comportamenti differenti dei tre fratelli. L’ultimo appuntamento è previsto il 26 marzo con uno spettacolo sulle leggende tradizionali dell’India “Il re delle scimmie” della compagnia Po’etica Teatro.
Gli spettacoli inizieranno alle ore 17,00 presso il Teatro Comunale di Guidizzolo. La biglietteria (ingresso € 3,00 – 0376 847387) aprirà alle ore 16,00 del giorno dello spettacolo.
Per informazioni: Ufficio Teatro c/o Biblioteca Comunale (0376 840435 – 335 422406).

Domenica 29 gennaio 2006 – ore 17,00  DALLO ZUCCHERO FILATO  Teatro del Topo Birbante
In un paese molto caldo, in mezzo ad assolate montagne, c’è un unico e bellissimo lago. Sulle due sponde opposte vivono, da una parte i grassi “CICCIOBOMBA”, dall’altra i magri “PELLE E OSSA”: ognuno dei due popoli vuole per sé la proprietà dell’acqua, impedendo agli altri di bere… Chi ci va di mezzo è PEDRITO, un bambino che vive da solo con le sue pecore sulle montagne e, non essendo né grasso né magro, ora non può scendere al lago ad abbeverarsi...
La storia viene “scoperta” da Natalino Settebellezze, simpatico venditore di zucchero filato, che userà per raccontarla gli “arnesi” del suo mestiere…
PROSSIMI APPUNTAMENTI:

Domenica 12 febbraio 2006 – ore 17,00 WONDERFUL SNOW WHITE ...meravigliosa Biancaneve – spettacolo in inglese
Teatro Arte Orizzonti Inclinati
Domenica 26 febbraio 2006 – ore 17,00  TRA FOSSI E BOSCHI  Giorgio Gabrielli
Domenica 12 marzo 2006 – ore 17,00 I TRE PORCELLINI Centro Teatrale Corniani Artisti Associati
Domenica 26 marzo 2006 – ore 17,00 IL RE DELLE SCIMMIE Po’etica Teatr


Fondazione Casa America

 La Fondazione Casa America, nell’ambito della mostra Risorgimento tra Due Mondi Immagini del Risorgimento Italiano in America Latina (aperta da martedì a domenica dalle 9 alle 19 sino al 12 febbraio presso Palazzo Ducale) organizza mercoledì 18 gennaio, ore 17.30 presso la Società di Letture e Conversazioni Scientifiche Palazzo Ducale - ammezzato ala est la presentazione del volume

I Garibaldi dopo Garibaldi
La tradizione famigliare e l’eredità politica
a cura di Zeffiro Ciuffoletti, Arturo Colombo, Annita Garibaldi Jallet
(Piero Lacaita Editore)

Intervengono:
Annita Garibaldi Jallet, Museo di Riofreddo, Roma
Zeffiro Ciuffoletti, Storia del Risorgimento, Università di Firenze
Dino Cofrancesco, Direttore Centro Internazionale di Studi Italiani, Università di Genova
Roberto Speciale, Presidente Fondazione Casa America
Presenta Anna Maria Lazzarino Del Grosso, Università di Genova

Il volume I Garibaldi dopo Garibaldi cerca di inserire l’eredità del mito di Garibaldi nel quadro della vicenda famigliare e nelle variegate e complesse vicende politiche del garibaldinismo. Come è noto il movimento garibaldino cementato nelle vicende e nelle lotte del Risorgimento e poi nelle imprese del volontariato per Roma e Venezia non era soltanto un movimento politico, ma anche un moto ed un vincolo ideale, che si nutriva proprio delle gesta compiute dall’eroe per la liberazione dei popoli oppressi e per l’emancipazione sociale. Gli ideali di libertà, di emancipazione nazionale e di solidarietà sociale si fondevano in una miscela per molti versi prepolitica ancorché pregna di valori politici e morali, che avevano una forza anche sul piano internazionale. La prima parte del libro riguarda i destini assegnati ai membri della famiglia, a Menotti, a Ricciotti, a Teresa e al di lei marito Stefano Canzio. La seconda parte, invece, affronta l’influenza del mito di Garibaldi e dei valori ideali che lo animavano nelle vicende italiane e internazionali. Completa il volume una ricca sezione iconografica. -

Nell’ambito delle attività culturali dell’Associazione Amici di Casa America segnaliamo che, giovedì 19 gennaio alle ore 17,45, a Casa America,  la prof.ssa Amina Di Munno (Università di Genova) e il Prof. Don Antonio  Balletto, presenteranno la prima traduzione italiana dell’opera poetica di Adélia Prado, una delle più alte voci della letteratura brasiliana contemporanea. La traduzione è a cura di Goffredo Feretto per la Fratelli Frilli Editori. Durante l’incontro: letture di Roberto Pagni e Sara Arata.
Fondazione Casa America
Villa Rosazza  piazza Dinegro, 3  16126 Genova Tel. (39) 010 2518368 Fax (39) 010 2544101 info@casamerica.it
www.casamerica.it


È stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.302 del 29 dicembre scorso la graduatoria dei progetti di formazione, retizzazione e sviluppo locale presentati sul Bando 1-2004 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, a favore degli italiani residenti nei paesi extraeuropei.

Ne dà notizia la Fiei – la Federazione Italiana Emigrazione e Immigrazione – precisando che quella pubblicata è solo la graduatoria approntata dal Comitato di Valutazione istituito appositamente dal Ministero, cui seguirà il Decreto vero e proprio di assegnazione del finanziamento dei singoli progetti approvati.
La Commissione ha dato l’ok a 219 progetti che hanno superato il punteggio minimo previsto dal Ministero (60 Punti su 100) dividendoli in tre fasce, in base, pare, alla loro qualità. In particolare, sono 176 i progetti di Misura A-1 (a fronte dei 394 ammessi); 11 quelli di Misura A-2 (a fronte dei 56 presentati) e 32 di misura B (a fronte dei 67 presentati). Non tutti quelli ammessi, però, verranno finanziati. Di questi ne verranno scelti soltanto alcuni che dovranno dividersi i fondi destinati a ciascuna fascia: 15 milioni di euro per la A-1, 3 milioni di euro alla A-2 e, infine, 8 milioni di euro alla Misura B, per un totale di 26 milioni di Euro. Secondo l’analisi della Fiei, i progetti finanziabili sulla misura A-1 sarebbero 15 o 16 (con un punteggio variabile tra un massimo di 89/100 e un minimo di 84/100); nella misura A-2 sarebbero solo 5 (con un punteggio variabile tra un massimo di 74/100 e un minimo di 66/100, mentre sarebbero 17 o 18 sulla Misura B (con un punteggio variabile tra un massimo di 82/100 e un minimo di 65/100). In totale, dunque, diventerebbero realtà solo 38 progetti secondo un meccanismo che escluderebbe almeno 40 progetti sulla misura A-1 che superano i 70/100 di punteggio, a vantaggio di altri che hanno ottenuto punteggi inferiori ma in un’altra fascia di qualità.
Una considerazione importante, sottolinea oggi la Fiei perché "il Ministero del Lavoro ha confermato durante l’ultima riunione plenaria del CGIE, che esso dispone dei fondi non utilizzati e accantonati, relativi alle annualità 2002, 2003, 2004 e 2005; gli ultimi progetti finanziati nel 2002 erano relativi ai bilanci di competenza 2001. Nella stessa sede – aggiungono dalla Fiei - , il Sottosegretario Romano ha riportato la volontà del Ministero di implementare parte di questi fondi disponibili sulla graduatoria citata, finanziando quindi un numero molto maggiore dei 38 progetti finanziabili con le sole disponibilità del Bando 1-2004 (che si serviva dei fondi del 2002 e forse 2003)".
Dati confermati anche da Vera Marincioni, Direttrice Generale per le politiche per l’orientamento e la formazione, che motivò la decisione ministeriale "con la giusta ragione che per tre anni (2003-2005) non è stato possibile attivare concretamente alcun nuovo finanziamento e che i tempi di realizzazione di un nuovo bando sarebbero presumibilmente lunghi".
"Ad oggi – obiettano dalla Fiei - , tuttavia, nessuno sa qual è la somma che il Ministero del Lavoro intenda aggiungere alla quota già stabilita di 26 milioni di Euro, anche se si era accennato alla disponibilità di uno stanziamento almeno equivalente. È opportuno e coerente che, nel caso ciò venga confermato, siano attribuiti fondi sulla base del punteggio di qualità prodotto dal comitato di valutazione. In caso contrario, altri dubbi e perplessità si aggiungerebbero a quelli già da molti manifestati, sulla congruità dei parametri utilizzati per redarre la graduatoria citata, la quale è stata prodotta da un Comitato di valutazione del quale - sottolineano - non faceva parte alcun rappresentante del MAE o del CGIE e che poco probabilmente era in grado di conoscere da vicino i reali fabbisogni delle collettività, le caratteristiche dei mercati del lavoro locali, le concrete opportunità di sviluppo locale, cose su cui il Bando 1-2004 abbondantemente si dilungava considerandoli prerequisiti decisivi per l’ammissione e l’approvazione delle singole proposte".
Inoltre, "nella graduatoria pubblicata si ammette candidamente che i pareri consolari (pur non vincolanti) sono stati presi in considerazione solo dopo la valutazione effettuata dal Comitato di Valutazione e da essi non sono "risultati elementi obiettivi idonei a sovvertire le conclusioni cui è pervenuto l’organo collegiale tecnico incaricato da questa Amministrazione (Min-Lavoro) della valutazione". Come a dire – commentano dalla Fiei - che la valutazione è stata fatta prescindendo del tutto dal parere dei Consoli i quali però sono gli unici – almeno potenzialmente - in grado di dire se un progetto è più o meno adeguato alle esigenze di una singola circoscrizione consolare, dei cittadini italiani che vi vivono e delle prospettive di sviluppo e dei mercati del lavoro locali".
"Nel Bando precedente – ricordano dalla Fiei - , il parere consolare valeva il 10% del punteggio complessivo. Se fosse stato applicato anche in questa occasione, è probabile che ci saremmo trovati di fronte ad una graduatoria molto differente. L’argomento è di una certa importanza poiché, sulla base del Protocollo d’Intesa tra Ministero del Lavoro e Ministero degli Affari Esteri del 24/07/2000, i singoli Consoli sono responsabili del monitoraggio e del controllo del reale svolgimento dei progetti, ed appare alquanto singolare che per tali funzioni siano ritenuti "obiettivi ed idonei", mentre all’atto di esprimere un parere sulle proposte, siano ritenuti, diciamo così, "soggettivi". Un’ultima questione che ha creato ulteriori forti perplessità – prosegue la nota - è che (anche a causa di quanto sopra accennato) la gran parte dei soggetti attuatori presenti in graduatoria non hanno il minimo insediamento storico in emigrazione e si occupano istituzionalmente di altro: Camere di Commercio, ICE, singoli Enti locali come Regioni e Province, ONG attive nella cooperazione, Banche, Fondazioni di varia natura ed emanazione, Enti di formazione che hanno sempre e solo operato in Italia, tutti accomunate da una storica assenza sul fronte dell’emigrazione e uno scarsissimo insediamento tra gli italiani all’estero sono risultati soggetti eleggibili a finanziamento dal Min-Lavoro, pur usufruendo o disponendo parallelamente di altri fondi da altre amministrazioni pubbliche o istituzioni per attività nelle quali, volendo, avrebbero potuto essere coinvolti gli italiani all’estero, cosa che invece non è mai avvenuta. Perché – si domandano alla Fiei - improvvisamente, si dà un così grande spazio a tali soggetti?"
"Il Ministero del Lavoro può riequilibrare la situazione alquanto imbarazzante che si è creata, provvedendo in accordo con il CGIE e con le rappresentanze più importanti dell’emigrazione a correggere il tiro e ad emanare prossimi bandi che prevedano l’acquisizione di tutta una serie di elementi conoscitivi di cui al momento non sembra disporre e di prerequisiti cui debbono essere chiamati gli enti attuatori; e può farlo – conclude la nota - anche integrando correttamente sulla graduatoria presente, a partire dai migliori progetti, quelle risorse destinate agli italiani all’estero che avrebbe dovuto investire nei 3 o 4 anni trascorsi e che non ha ancora speso".
fonte : (aise)

 


Fabio Claudio De Nardis il nuovo ambasciatore italiano in Perù

 

Cena di commiato il 21 dicembre scorso per l'Ambasciatore Sergio Busetto e la gentile Signora Annalisa, al Circolo Sportivo Italiano. Moltissimi membri della collettività presenti a testimonianza dell’affetto che l’Ambasciatore ha riscosso tra la comunità italiana in Perù, come del resto ha espresso il Presidente Defendi nel suo discorso di saluto. Consegnando una targa ricordo a nome del COMITES e delle Istituzioni e Associazioni Italiane del Perù su cui troneggiava la scritta:"A Sergio Busetto, Ambasciatore e Amico”. Nel rispondere, l’Ambasciatore ha dimostrato ancora una volta il suo attaccamento alla Collettività, nonchè quel senso di Italianità vera, non retorica, che ha sempre cercato di trasmettere durante la sua permanenza a Lima.
Sergio Busetto è stato per la collettività italiana oltre che un Ambasciatore, un grande amico, sempre disponibile per cercare di risolvere i problemi degli italiani, infaticabile viaggiatore per conoscere e ravvivare i rapporti con le collettività lontane dalla capitale.
Propulsore di una sempre più stretta collaborazione con il Governo Peruviano, ha sviluppato una serie di iniziative in campo commerciale che assistenziale, a dimostrazione degli ottimi rapporti e il buon lavoro svolto sono i riconoscimenti ricevuti dal Governo, dal Congresso de la Republica e dalla Marina da Guerra del Perù. Sergio Busetto e la signora  Annalisa tornano a Roma, a svolgere altre funzioni al MAE,
Già arrivato a Lima il nuovo Ambasciatore, Dott. Fabio de Nardis insieme alla sua gentile consorte, Signora Dalia, una felice permanenza in Perù.

Fabio Claudio DE NARDIS il nuovo Ambasciatore d'Italia a Lima è nato a Roma il 26 marzo 1949, si laurea in giurisprudenza presso l'Università di Roma nel 1973 ed entra in carriera diplomatica nel 1975. Tra gli incarichi ricoperti nel corso della carriera, dopo essere stato assegnato alla Direzione generale affari economici, nel 1978 è ad Al Kuwait, dal 1980 al 1985 è alla Rappresentanza permanente d'Italia presso la C.E.E. a Bruxelles, quindi a Sofia. Nuovamente alla Farnesina, nel 1988 è Capo Segreteria della Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo. Nel 1991 è Console Generale a Sydney e nel 1995 è Primo Consigliere a Parigi. Rientra a Roma nel 1999 per prestare servizio presso la Direzione generale affari economici e successivamente presso la Direzione generale per l'integrazione europea. Nel 2000 viene nominato Consigliere per gli Affari Internazionali del Ministro per i Beni e le Attività Culturali. Nel 2002 è nominato Ministro Plenipotenziario. Ha prestato servizio negli ultimi mesi alla Direzione generale per la promozione e cooperazione culturale.

fonti: Ministero degli Esteri e COMITES-PER
Ù


Associazione Latinoamericana di Cremona

 AL CENTRO INTERCULTURALE MONDINSIEME in Via Speciano, 2 a Cremona,
VENERDI' 13 GENNAIO alle ore 21.00

Si terrà la presentazione del rendiconto dei due progetti di cooperazione internazionale, rivolti al sostegno formativo di vari gruppi di ragazze madri, finanziati anche col vostro contributo diretto ed indiretto, che abbiamo sostenuto in Colombia, a Medellin negli scorsi anni; essi sono ormai ultimati perchè ci si sta avviando alla seconda fase di progetto, in cui si sta cercando di fornire gli strumenti per l'avvio al lavoro, al fine di poter garantire ad ognuna delle ragazze coinvolte un reddito per l'autostentamento, proprio e del figlio. L'iniziativa prevede la presentazione di alcuni video registrati durante lo svolgimento dei progetti e la presenza di ALBA ROCIO GRISALES OROZCO, ex direttrice del primo progetto "Sviluppo integrale di 150 madri adolescenti della città di Medellin e della sua area metropolitana" e rappresentante legale della Cooperativa Sociale COODESCOM con la quale andremo a sviluppare la nuova fase di progetto. Vi invitiamo a far circolare l'informazione e a partecipare tutti. Per l'Associazione Latinoamericana di Cremona, ONLUS Fabio Veneroni


Addio a Andrea Carrara, direttore storico dell'Ente dei Bergamaschi nel Mondo

Si è spento il giorno di Santo Stefano per una improvvisa crisi polmonare Andrea Carrara, l'ottantenne ex direttore dell'Ente Bergamaschi nel Mondo che ha guidato dal 1967, anno di istituzione, al 1990, quando è stato sostituito da Massimo Fabretti. Da alcuni giorni  Andrea Carrara accusava un costante stato febbrile e nel primo pomeriggio del giorno di Natale le condizioni di salute si sono aggravate ed è stato portato precauzionalmente al Pronto Soccorso di Bergamo dove è deceduto la mattina di lunedì 27 dicembre. "Non finiremo mai di essere riconoscenti a Carrara - ha dichiarato Fabretti all' Eco di Bergamo - per l'impegno profuso nel creare i collegamenti necessari tra Bergamo e i conterranei sparsi in tutto il mondo. Se oggi l'Ente conta numerosi circoli e delegazioni in molte città nel Mondo ed è un punto di riferimento per i cinquantamila bergamaschi che ancora vivono e lavorano all'estero lo si deve soprattutto al lavoro svolto da Carrara che, nei primi anni di vita  dell'Ente, pur operando tra mille difficoltà le ha superate con caparbietà e successo, sorretto da un grande spirito di solidarietà e senso del dovere".
Andrea Carrara, nativo di Martinengo, Comune in cui è stato sindaco dal 1970 al 1980 e dal 1990 al 1992. Lascia nel dolore la moglie Luisa Benigni ed i figli Marco e Simona .
 


 L'Associazione in linea con  SKIPE : telefonateci  gratis attraverso internet

Nel computer della nostra sede di via Mazzini è stata istallato  il programma SKIPE con cui  è possibile dialogare attraverso un semplice accesso internet con ogni parte del mondo. Per poterlo fare occorre istallare nel proprio PC il programma gratuito scaricabile dal sito di SKIPE ( http://www.skype.com/) e una volta registrato il proprio nominativo chiamare il corrispondente. Per chiamare l'A.M.M. digitare quale utente da chiamare: "Associazione Mantovani nel Mondo"  se nella sede è presente l'operatore sarà possibile istaurare il collegamente come se si parlasse con una linea telefonica.  SEGNALATECI I VOSTRI INDIRIZZI SKIPE

Pubblicita' Skype  La telefonia gratuita via Internet che funziona.

Ti salutiamo e ringraziamo per aver installato Skype. Pensiamo che sarai  contento di usarlo, ma prima di fare la prima telefonata, ci sono due cose da dirti.
La prima è che le telefonate da Skype a Skype sono e saranno sempre gratuite.Quando chiami un tuo amico cha ha anche Skype, puoi parlare con lui quanto tempo vuoi. Tutto gratis. Questo fa parte del nostro sistema. Le telefonate da Skype a Skype sono e saranno sempre gratuite. L'unica cosa che ti chiediamo in cambio, è far conoscere Skype ai tuoi amici. E' evidente, se avrai più amici che useranno Skype, avrai più amici con cui parlare. Puoi anche usare la nostra conferenza gratuita, per parlare con un massimo di quattro amici contemporaneamente. L'altra cosa che ti vogliamo offrire è che usando Skype puoi telefonare agli amici che ancora non hanno Skype. Ancora non tutti i tuoi amici usano Skype? Per questo abbiamo inventato SkypeOut - la possibilità cioè di telefonare ad un costo basso agli amici che hanno soltanto un telefono normale o un cellulare. Usando SkypeOut puoi telefonare a chiunque e dovunque. Se vuoi usare SkypeOut, puoi aggiungere il credito nel tuo conto usando una delle principali carta di credito.
Non dimenticare di ricordare a chiunque tu telefoni che usando Skype, potete parlare tra di voi gratis.


Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti
“Penombre- Cinema muto e seduzioni sonore nei musei umbri 2005/2006”
 5 gennaio 2006, alle ore 16.00 presso il Museo Regionale dell’Emigrazione.

L’appuntamento della rassegna avrà inizio con la visita guidata al Museo Regionale dell’emigrazione e all’Opificio Rubboli, a cui faranno seguito la proiezione dell'antologia di Fregoli e di una serie di corti, accompagnati da commenti sonori a cura degli studenti dei corsi di 2° livello del Conservatorio di Musica di Perugia, presso la sala Multimediale del Museo, in via Soprammuro, alla presenza dell’Ass. alle attività culturali Pierluigi Neri e delle autorità del Comune. Leopoldo Fregoli, nato nel 1867 e morto nel 1936, pioniere del linguaggio cinematografico, lega inestricabilmente il suo nome all’arte del trasformismo che fu da lui perfezionata e portata alla sua massima espressione sul finire del XIX secolo. Le messe in scena fregoliane rappresentano un nodo importante per ciò che concerne i rapporti fra teatro e cinema agli inizi del Novecento; l’artista, infatti, nei suoi spettacoli celebrava, prima in carne e ossa, poi in immagine, il primo cinema ed il suo innato dinamismo. I numeri trasformistici fregoliani, caratterizzati da un movimento rapido e nello stesso tempo fluido, rappresentavano ai più una chiara evocazione del procedimento cinematografico. Nacquero così i filmini che l’artista romano si divertiva a proiettare nella parte finale dei suoi spettacoli, chiamata in seguito “Fregoligraph”. Vi aspettiamo pertanto in questa particolare atmosfera suggestiva, ricordandovi che l’ingresso è libero. Per prenotazioni o ulteriori informazioni è possibile chiamare lo 075 9142445.


01 gen 2006 Il messaggio di fine anno del Presidente Ciampi

Nel messaggio radiotelevisivo di fine anno - l'ultimo, il più breve, il più commosso e il meno 'politico' del suo Settennato - Carlo Azeglio Ciampi ha preso commiato dagli italiani formulando gli auguri di buon anno con la voce rotta e gli occhi lucidi. Un discorso che ha suscitato molti consensi dal mondo politico in entrambi gli schieramenti. "Ho iniziato senza un preciso disegno, né esperienza di contatti diretti della gente, perciò mi sono presentato a voi così come sono". "Ho vissuto il mandato di presidente della Repubblica - ha detto - come un dovere, una missione", facendomi guidare da due parole chiave: l'imparzialità e il senso della dignità. Dallo studio alla Palazzina, con accanto il testo della Costituzione e il Tricolore, il presidente ha guardato indietro, a questi sei anni e mezzo. Ha pensato alle sue decisioni più delicate, quelle che hanno scontentato ora l'una, ora l'altra parte dello schieramento politico, e ha detto: "Mi sono proposto di esercitare imparzialmente il mio mandato e ho costantemente rivolto a tutti l'esortazione al dialogo, al confronto leale, aperto, reciprocamente rispettoso. Come presidente ho voluto esprimere il senso della dignità di cittadino di una libera democrazia: dignità che è consapevolezza delle responsabilità del proprio Stato, dei propri diritti, ma ancor più dei propri doveri"



Questo il testo integrale del discorso

Care Italiane, cari Italiani,
è questo il settimo incontro di fine anno con voi, l’ultimo prima del termine del mio mandato presidenziale. I commiati, quanto più sono sentiti, tanto più debbono essere brevi. E breve intende essere questo mio di stasera.  Tenterò di esprimere l’animo con il quale ho vissuto questi sette anni, il messaggio che ho cercato di inviarvi. Il sentimento di Patria. Più volte mi sono riletto il testo dell’impegno preso in Parlamento il 18 maggio 1999, il giorno del mio giuramento.  Quell’impegno si ispirava alle iscrizioni scolpite sui frontoni del Vittoriano, l’Altare della Patria: “per la libertà dei cittadini, per l’unità della Patria”.  Non è retorica, è l’essenza stessa del nostro convivere civile.  L’essere chiamato a rappresentare l’Italia, a essere garante della sua Costituzione, l’ho vissuto non solo come un altissimo mandato, ma soprattutto come un dovere, una missione.  Per questo ho voluto abitare, con mia moglie, sin dal primo giorno, nel Quirinale: da sette anni è la mia casa, la casa del Presidente della Repubblica, la casa degli Italiani. Per questo ho insistito nel richiamare i simboli più significativi della nostra identità di Nazione, dal Tricolore all’Inno di Mameli, l’inno del risveglio del popolo italiano; e nel rievocare il nesso ideale che lega il Risorgimento alla Resistenza, alla Repubblica, ai valori sanciti nella sua Carta Costituzionale. Per questo ho visitato ogni provincia d’Italia e ho voluto che agli incontri nelle città capoluogo partecipassero tutti i Sindaci dei Comuni della Provincia.  Ho vive nella mente, e ancor più nel cuore, le immagini delle piazze delle cento province d’Italia, delle 8.000 fasce tricolori dei Sindaci dei Comuni d’Italia, delle tante migliaia di cittadini, di ogni età e ceto, che durante quelle visite si sono voluti stringere intorno al Presidente della Repubblica, al loro Presidente. Ovunque, nella varietà dei panorami, lo stesso spettacolo, lo stesso entusiasmo, lo stesso amore per la propria città e per la Patria. Il mio lungo viaggio in Italia è stato la più bella esperienza che ha accompagnato l’intero settennato: mi ha dato sostegno, ha alimentato la mia forza morale e fisica. Lo ho iniziato senza avere un preciso disegno, né esperienza di contatti diretti con la gente.  Un italiano che si rivolge a ogni altro italiano...  Proprio questa mancanza di preparazione mi ha spinto a presentarmi a Voi come sono, come un italiano che si rivolge a ogni altro italiano.  E con voi è avvenuta una sorta di scambio. Vi ho parlato di ciò che avevo nel cuore e nella mente. Di ciò che si era sedimentato in me stesso sin dalla gioventù, vissuta in un periodo tormentato per la nostra Patria, e poi nei lunghi anni in cui mi è stato dato di servire lo Stato; e al tempo stesso di vivere una normale, serena vita di una comune famiglia italiana. E voi mi avete contraccambiato. Mi avete dato molto di più di quanto io vi abbia dato, di quanto potessi darvi. Spirito di civile solidarietà. Ho constatato quanto sia vivo in tutta Italia uno spirito costruttivo di civile solidarietà, radicato nella nostra antica tradizione comunale, libero da vincoli di parte. Esso anima le tante iniziative di volontariato, in Italia e all’estero, ovunque nel mondo la nostra presenza possa essere di aiuto. Dai nostri incontri ho tratto anche consapevolezza di quanto sia diffusa, e già in atto nel Paese, da Nord a Sud, una forte, spontanea reazione ai problemi e alle difficoltà insiti nell’impegnativo confronto, politico, economico e sociale, in un mondo, quale quello contemporaneo, investito dalla globalizzazione. Ci uniscono, e ci danno forza, il nostro ingegno, il nostro estro creativo, la nostra passione al lavoro. Gli Italiani all'estero hanno il senso dell'identità. Ed è di conforto il senso della identità italiana che anima anche le nostre comunità incontrate nei miei numerosi viaggi all’estero. A loro, come a ogni italiano che vive in Patria, mi rivolgo stasera, così come feci sette anni fa. L’orgoglio di essere italiani
Quello che mi ha sorretto, e che ho cercato di trasmettervi, è l’orgoglio di essere italiani. Siamo eredi di un antico patrimonio di valori cristiani e umanistici, fondamento della nostra identità nazionale. Come Presidente della Repubblica Italiana mi sono proposto di esercitare imparzialmente il mio mandato, e ho costantemente rivolto a tutti l’esortazione al dialogo, al confronto leale, aperto, reciprocamente rispettoso. Come Presidente, ho voluto esprimere il senso della dignità di cittadino di una libera democrazia: dignità che è consapevolezza delle responsabilità del proprio stato, dei propri diritti, ma ancor più dei propri doveri. La laicità dello stato Ho affermato la laicità dello Stato. E ho fortemente sentito l’importanza della felice convivenza, in questa città di Roma, di due Stati, indipendenti e sovrani. Ho avvertito nella concordia e nella condivisione di fondamentali valori da parte di Stato e Chiesa, e nella operosa collaborazione, nella società, di laici e credenti, un elemento di grande forza per la nostra Patria. L'augurio a Benedetto XVI Con questo spirito invio un particolare augurio a Sua Santità Benedetto XVI, che ha ereditato dal Suo indimenticabile predecessore, Giovanni Paolo II, la missione di apostolo della fratellanza tra i popoli, del dialogo tra le fedi e le civiltà. I convincimenti che ho sommariamente richiamato sono stati l’ispirazione e il filo conduttore del mio comportamento, delle iniziative e delle posizioni prese in questi sette anni sui tanti temi interni, europei, mondiali, sui quali mi sono espresso, e sui quali stasera non intendo tornare. Il bisogno di rivolgermi ai giovani Ma sento ancora una volta il dovere, il bisogno di rivolgermi ai giovani.
Siete il nostro domani. La nostra speranza. La mia generazione si è impegnata nel salvaguardare e trasmettervi lo spirito che ci animò all’indomani di una guerra orrenda. Lo spirito che ci diede la forza di ricostruire le nostre città, di dar vita alle istituzioni di libertà che contraddistinguono la Repubblica Italiana, e l’Unione Europea, che abbiamo creato insieme con altri popoli. Dai tanti incontri che ho avuto con voi ho tratto motivi di fiducia nell’avvenire della nostra Italia. So quanto siate impegnati nel prepararvi ad affrontare le sfide del futuro, insieme con i giovani di altri popoli, che condividono le vostre aspirazioni di progresso, di giustizia, di pace. La pace: mi sono rimaste impresse le parole rivoltemi da una bambina nella piazza di Corleone: “la pace ti nasce dal cuore e si diffonde nell’aria”. Preservate i valori della nostra civiltà Preservate i valori della nostra civiltà, che non soggiacciono al mutare delle mode. Primo fra essi l’amore per la famiglia, nucleo fondamentale della società, punto sicuro di riferimento per ciascuno di noi. Siete nati e vivete in un’Europa di pace, di libertà. Tenete alti, e diffondete nel mondo, i suoi ideali. Toccherà a voi completarne e rafforzarne le istituzioni. Per tutti gli Europei non c’è un domani se non in una Unione Europea sempre più coesa. Nell’approssimarsi del congedo  Questi sono i sentimenti e le riflessioni che, nell’approssimarsi del congedo, affollano il mio animo. Li affido a voi che mi ascoltate. Un pensiero, un augurio particolare vanno a coloro che soffrono, che stasera hanno per compagni il dolore, la solitudine. E a tutti, care Italiane e cari Italiani, i più affettuosi auguri per il nuovo anno. Affrontatelo con fiducia, con speranza. Possa il 2006 portare serenità a voi, alle vostre famiglie, alla nostra amata Patria. Viva l’Italia!

tratto da http://www.italiaestera.net


Mantovaninelmondo© 1999-2006
All rights reserved
liberatiarts