Mantovani nel Mondo         

      News 

Gemellaggio tra il "Carlo Poma" di Mantova e il "Giuseppe Garibaldi" di Rosario

Iniziato lo stage dei medici Argentini a Mantova

La prima tappa del progetto sanitario riguardante il gemellaggio tra l'Ospedale Italiano di Rosario e il Carlo Poma di Mantova è lo stage formativo sull’asfissia dei neonati, un trattamento di alta tecnologia a costi bassissimi che i medici del Poma trasmetteranno ai loro colleghi argentini presenti in questi giorni nella città virgiliana. Sono infatti giunti a Mantova dall'Argentina, il Dott. Herrera, primario di  Pediatria, il Dott. Lelli medico Pediatra e l'infermiera Motrovichi, per dare attuazione al progetto pediatrico – neonatologico messo a punto con la consulenza del Dott. Compagnoni.

I responsabili del progetto di gemellaggio
Dr. Roberto Savazza Dott. Compagnoni
All'incontro tenutosi lo scorso 22 settembre, all'interno della direzione del Poma, erano presenti oltre ai medici Il Vice Presidente della Regione Lombardia Lucchiniimpegnati in questa iniziativa, il vice presidente della Regione Lucchini,  il dottor Tersalvi responsabile della Regione per i rapporti internazionali e il presidente dell'Associazione Mantovani nel Mondo, Daniele Marconcini.
I rappresentanti Regionali nei loro interventi hanno evidenziato la valenza di questo progetto, il primo della Regione verso l'America Latina, che oltre a dare un contributo materiale (300.000€), permette a due realtà professionali di dialogare e di scambiarsi esperienze utili per entrambi i paesi. -"
Questo è un progetto importante e che instaura una collaborazione fondata sull’aiuto verso un Paese in difficoltà. Siamo orgogliosi che sia Mantova la capofila di un progetto che ribadisce come la sanità nel territorio virgiliano sia eccellente"-ha detto il vice presidente della Regione Lombardia, Enzo Lucchini, terminando il suo intervento. Soddisfazione è stata espressa anche dal direttore generale del Poma Roberto Savazza, dal direttore sanitario Pier Vincenzo Storti, dal responsabile del progetto Emanuele Savazza, dal dottor Herrera  e dal presidente  Marconcini che chiudendo l'incontro ha voluto rimarcare come l'Argentina abbia aiutato ed accolto gli Italiani in epoche passate e che quindi ora è giusto ci sia una sorta di ricambio, aggiungendo che sono previste anche altre forme di aiuto alla popolazione over 65 di origine italiana.

 

Il gemellaggio, nato in seguito ad una serie di iniziative sostenute dall'Associazione Mantovani nel Mondo, è sfociato in questo progetto che prevede l'erogazione di 300.000 Euro, dalla Regione Lombardia, che consentiranno la ristrutturazione di sale operatorie di chirurgia, la formazione di personale medico e infermieristico, la fornitura di apparecchiature e tutta una serie di interventi nell’area amministrativa dell'ospedale argentino.
Il progetto che ha dato il via a questo rapporto di collaborazione fra il mondo sanitario italiano e quello argentino, è partito nello scorso mese di febbraio con la firma del gemellaggio da parte del Direttore Generale Dott. Roberto Savazza dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma, individuata dalla Regione Lombardia, e dal Presidente dell’Ospedale Italiano “Garibaldi” di Rosario Dr. Lotero.
Il patto siglato alla presenza delle autorità regionali, prevedeva l’elargizione di contributi economici e l’implementazione di un articolato progetto sanitario che, avvalendosi  della collaborazione del Direttore di Struttura Complessa di Neonatologia e Patologia Neonatale, Dott. Gilberto Compagnoni e del Direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma Dott. Piervincenzo Storti,  affidava la direzione e il coordinamento degli interventi al Dr. Emanuele Savazza.
Dopo la firma di febbraio,  nel
mese di luglio 2005 si erano recati all’Ospedale di Rosario il Dott. Emanuele Savazza referente italiano del gemellaggio e l’Architetto Raffaele Grasso entrambi in rappresentanza dell’Ospedale Carlo Poma di Mantova al fine di definire i progetti e dare inizio alla realizzazione del programma già approvato dalla Regione Lombardia, incontrandosi con il referente argentino del progetto Avv. Franco Tirelli Junior.  L'arrivo a Mantova dei medici Argentini apre ora la fase formativa prevista che vedrà nel mese di novembre la visita in Argentina del dottor Compagnoni e della sua equipe.  Oltre che il Carlo Poma di Mantova la delegazione argentina visiterà i nosocomi di Bozzolo e Pieve di Coriano, nel mantovano per poi spostarsi in altri centri ospedalieri del Regione. 

Pietro Liberati

La delegazione Argentina accompagnata da Pietro Liberati, in una breve visita del Centro Storico di Mantova Signora Motrovichi, il Dott. Lelli , Pietro Liberati e il Dott. Herrera in Piazza Sordello di Mantova

 Il presidente dell'Associazione Marconcini, dona agli Ospiti alcune pubblicazioni sull'emigrazione italiana in Argentina

Mantovaninelmondo© 1999-2005
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy