Mantova      News 2004

 

 Museo Archeologico Nazionale di Mantova
Mostra espositiva “Cibo: vita e cultura”
piazza Castello - Mantova tel.0376 329223

Dal 13 Novembre 2004 al 28 maggio 2005

Ingresso Libero 

“Cibo: vita e cultura”, è il titolo della nuova rassegna che sarà visitabile a partire da oggi. L’iniziativa fa parte della grande mostra diffusa sul territorio nazionale “Cibi e Sapori nell’Italia Antica” promossa dalla direzione generale per i beni archeologici del Ministero per i Beni Culturali.
 "La mostra si prefigge di avvicinare il visitatore alla realtà del mondo antico creando dei collegamenti con l’attualità, per questo è stato predisposto un catalogo bilingue, in italiano e in inglese, e si affiancheranno altre iniziative collaterali rivolte ad una più ampia fascia di pubblico" ha spiegato Elena Maria Menotti durante la breve presentazione tenutasi alla presenza di Autorità e sponsor dell'esposizione. Elena Maria Menotti è la responsabile del Nucleo Archeologico Operativo di Mantova della Sovrintendenza Archeologica della Lombardia. Nelle sale espositive sono esposti materiali ritrovati a Mantova e in provincia, tutto patrimonio delle collezioni del costituendo Museo  Archeologico locale. Si tratta di reperti che permetteranno un approccio ricco e vivace al problema dell’alimentazione. Lungo il percorso espositivo si scoprirà come l’uomo sia stato capace di risolvere nei secoli il problema del cibo, non solo per sopravvivere, ma anche per trasformarlo in una manifestazione della propria cultura e del proprio tempo. Sono complessivamente alcune centinaia gli oggetti esposti fra quelli di uso comune per apparecchiare la tavola nell’antichità e poi quel che resta di forni e fornelli che servivano per cuocere i cibi e anche quegli utensili che servivano per cacciare le prede. L’arco temporale coperto comprende un periodo ampio che parte dal neolitico al Rinascimento.
Ai reperti sono affiancati i risultati delle analisi condotte sugli avanzi dei pasti rinvenuti negli antichi abitati. Gli avanzi e gli scarti che dopo i pasti era gettato in fosse, simili,  eccettuate le dimensioni, alle odierne discariche. Dentro tali fosse, durante gli scavi, sono stati rinvenuti semi ed elementi ossei che oggi ci permettono di ricostruire il passato delle nostre terre, cosa si coltivava, quali animali si cacciavano e quali venivano allevati, gli utensili utilizzati le modalità con cui venivano consumati. Per i mantovani sarà una nuova occasione per tornare nell’edificio a cui si accede da piazza Castello e che nel corso degli anni è stato prima teatro di corte, poi mercato dei bozzoli, adibito successivamente, fino ad una trentina di anni fa, a mercato ortofrutticolo ed  infine, dove è stata stabilita la sede del  costruendo Museo Archeologico Nazionale. Nelle sale al piano terra, oltre alla mostra in atto è già attiva una sezione espositiva. 
La mostra, organizzata dal Ministero per i Beni Culturali, dalla Soprintendenza Archeololgica della Lombardia e dalla Direzione Generale dei Beni Archeologici, resterà aperta fino al 28 maggio 2005.
Pietro Liberati  

All rights reserved
Mantovaninelmondo© 1999-2004

liberatiarts© Mantova Italy