Associazione                                News 2004

Dal 5 al 22 aprile missione in Brasile e Argentina  dell'Associazione con l'Archivio di Stato di Mantova

La direttrice dell'Archivio dott. Daniela Ferrari sonderà le opportunità 
di collaborazione con gli Archivi Storici dei due paesi sudamericani . 


L’Associazione dei Mantovani nel Mondo,in collaborazione con la FADAL –Federazione dei Lombardi in Argentina e dei Circoli lombardi degli Stati brasiliani di Rio Grande do Sul, di S.Paolo, di Rio de Janeiro e di Espirito Santo ha organizzato una missione con Daniela Ferrari, Direttrice dell’Archivio di Stato di Mantova per incontrare i Consolati italiani, gli archivi pubblici e privati in Argentina e Brasile al fine di creare una collaborazione tra i vari enti archivisti e l’associazionismo lombardo in Italia e nel Mondo in tema di ricerche familiari.
Successivamente agli incontri previsti con la rete consolare italiana e gli archivi storici in Argentina e Brasile si intende predisporre una modello di collaborazione da sottoporre ai Ministeri competenti creando le premesse per una collaborazione con la Regione  Lombardia, al fine di creare delle banche dati pubbliche accessibili gratuitamente.
I risultati che ci si aspetta da questa missione sono quelli di creare un progetto mantovano che venga ampliato e adottato dagli Archivi di Stato presenti nella Regione, favorendo un ruolo piu’ incisivo dei quest’ultima e dei ministeri competenti a favore di questa tematica

L'Emigrazione nel Mantovano
Il fenomeno della emigrazione dal Mantovano verso l’America latina, e verso il Brasile in particolare, assume dimensioni notevoli tra gli anni Settanta e Ottanta dell’Ottocento, periodo nel quale circa 50.000 mantovani lasciano il loro paese alla ricerca di un futuro migliore. In particolare l’emigrazione riguarda molti Comuni del medio e basso Mantovano: Gonzaga, San Benedetto Po, Quistello, Sustinente, Serravalle, Bigarello, Borgoforte, Castelbelforte, Buscoldo, Castellucchio, San Giorgio, Porto Mantovano, Roverbella, Curtatone, Bagnolo San Vito, Virgilio che allora si chiamava Quattroville. 
A distanza di oltre un secolo il riconoscimento della cittadinanza italiana è la molla che spinge i rispettivi paesi a firmare accordi, e a far sì chetanti discendenti di emigrati mantovani in Brasile svolgano ricerche, per ottenere certificazioni anagrafiche dei loro antenati.  Dal 1992 l’Archivio di Stato di Mantova ha svolto oltre 1500 ricerche, utilizzando soprattutto i registri delle liste di leva che censiscono tutta la popolazione maschile nata nella Provincia di Mantova dal 1853 in poi.  Le richieste vengono inoltrate da Consolati, agenzie e uffici consolari, enti (ENASCO, Ente Nazionale di Assistenza Sociale), Patronati (Servizio Italiano di Assistenza Sociale di Itu), Comitati (Comitato degli Italiani all’estero di Rio de Janeiro), Circoli (Circulo Italo Brasileiro di Santa Catarina, Florianopolis), Associazioni (Massolin di fiori), Centri sorti appositamente (CEDITALIA, Centro Documentazione ed Informazioni d’Italia), tramite infine l’Associazione Mantovani nel Mondo. Provengono anche dai diretti interessati, residenti in località che fanno capo soprattutto allo stato di San Paolo: San Paolo, Caxias do Sul, Porto Alegre, Mata da Praia-Vitoria-Espirito Santo, Rio Claro, Araraquara, Sao Bernardo do Campo, Sao Caetano do Sul, Bauru, Campinas, Santo André, Recife, Guararapes, Serra Negra, Belo Horizonte, Cerrado-Sorocaba-San Paolo.
In particolare l’Archivio di Stato ha costituito una banca dati nella quale finora sono stati indicizzati oltre 180.000 nominativi, ricavati da circa 520 registri delle liste di leva; si è così in grado di verificare dati relativi alla popolazione maschile nata in provincia di Mantova nel periodo 1847-1900. La banca dati consente di effettuare ricerche in tempi rapidi per individuare le generalità anagrafiche, punto di partenza indispensabile per smistare le richieste ai Comuni di nascita, autorizzati poi a rilasciare le certificazioni.I risultati sono a disposizione del pubblico che frequenta la sala di studio, sono inoltre messi a disposizione di altri enti che svolgono ricerche analoghe (come l’Archivio Storico Diocesano, che svolge ricerche negli archivi parrocchiali tramite i registri dei battezzati, dei matrimoni e dei morti, l’Archivio Storico Comunale e l’Ufficio Anagrafe del Comune di Mantova). Nel 2003 è stato siglata una convenzione tra l'Archivio di Stato di Mantova e l’Associazione Mantovani nel Mondo-Onlus per implementare la banca dati e renderne l’accesso gratuito, al fine di evitare le numerose speculazioni che purtroppo si registrano nel campo delle ricerche familiari per
l'ottenimento della cittadinanza italiana. Il modello mantovano di accordi con altri Enti potrebbe essere acquisito a livello regionale ed esteso ad altri paesi, a cominciare dal Brasile e dall’Argentina.

Dott. Daniela Ferrari Direttrice Archivio di Stato
Via R. Ardigò, 11 46100 Mantova

All rights reserved
Mantovaninelmondo© 1999-2004

liberatiarts© Mantova Italy