2004                                  

AMM

L'A.M.M. CHIEDE ALL'ASSESSORE REGIONALE IL CENSIMENTO DEI LOMBARDI IN EMERGENZA SANITARIA ALL'ESTERO

COMUNICATO

Il mondo della sanità mantovano ha incontrato l’assessore regionale Carlo Borsani. Obiettivo del meeting quello di creare un momento di confronto dove Regione e operatori locali potessero dialogare e intendersi su presente e futuro della sanità e dell’assistenza in Lombardia: «Vogliamo toccare con mano la situazione mantovana» ha Borsani chiarendo gli
obiettivi dell’incontro al quale era presente il consigliere regionale Lucchini, in rappresentanza della presidenza del Pirellone e in particolare dell’assessore regionale alla famiglia e alla solidarietà, Gian Carlo Abelli, e del presidente del tavolo territoriale di confronto, Maurizio Bernardo. Lucchini ha ribadito la validità del modello di welfare regionale
che «è ormai in uno stato avanzato anche nel Mantovano» grazie alle sperimentazioni avviate per la gestione privatizzata degli ospedali di Volta, Castiglione e Suzzara. L’incontro è stato coordinato dal giornalista Franco Bomprezzi, che ha sottolineato come in Regione l’impegno dell’assessorato alla sanità e di quello alla famiglia sia ormai un tutt’uno. La dirigente dell’assessorato alla famiglia e solidarietà sociale Marina Gerini ha brevemente accennato alla situazione sanitaria mantovana che evidenzia indici di anzianità della popolazione tra i più alti in Lombardia.
 E' seguito poi un dibattito a cui hanno partecipato vari operatori sanitari, il Sindaco di Mantova e il Presidente dell'Associazione dei Mantovani nel Mondo e rappresentante del Consiglio Regionale nella Consulta dell'Emigrazione Daniele Marconcini.
In un appassionato discorso Marconcini ha evidenziato che i cittadini più bisognosi di attenzioni e di aiuto da parte delle autorità sanitarie regionali, sono i lombardi all'estero che vivono in paesi quali Argentina,Uruguay e Venezuela dove il sistema socio-assistenziale pubblico è crollato sotto il peso delle varie crisi regionali. "I lombardi in stato di indigenza in America Latina che hanno la necessità di cure sanitarie o di farmaci salvavita, non hanno attualmente alcun tipo di riferimento regionale ne legislativo e ne economico per poter affrontare le loro necessità.E' triste vedere degli gli aiuti siano spesso legati all'appartenza regionale e non a criteri oggettivi di priorità. Dopo il voto degli Italiani all'estero, occorre garantire a quest'ultimi tutti i diritti fondamentali, primo tra tutti il diritto alla salute -ha affermato Marconcini.. Nel ricordare che" la Regione Lombardia sta svolgendo all'estero una intensa attività socio-assistenziale sia con interventi di cooperazione decentrata e sia con gemellaggi tra strutture ospedaliere straniere e lombarde" Marconcini ha precisato all'Assessore Borsani " che non si chiede una assistenza sanitaria indiscriminata per tutti ,ma interventi che si rivolgano ai casi piu' gravi .Occore quindi dare mandato per un immediato censimento tramite le autorità consolari, " in quanto i tempi etici non consentono piu' ritardi perchè in paesi come l'Argentina la gente muore in attesa di politiche adeguate". All'Assessore Borsani e alla dirigente dell'Assessorato alla famiglia e alla solidarietà Gerini, il Presidente dei Mantovani nel Mondo ha consegnato la proposta di gemellaggio con l'Ospedale italiano di Rosario in Argentina, pervenuta dal Circolo Lombardo della città ed già inoltrato dall'AMM alla Regione. auspicando a luglio, un impegno di spesa nel bilancio regionale a favore dei casi sanitari piu' gravi, coerentemente con quanto espresso da un documento di solidarietà pro-Argentina votato all'unanimità dal Consiglio Regionale. Borsani ,replicando a Marconcini, ha dichiarato di condividere questa battaglia sacrosanta per il diritto alla salute dei nostri corregionali dichiarandosi molto sensibile alla tematica e dolendosi del fatto che lo Stato italiano non consente alle Regioni una assistenza diretta ai propri residenti all'estero affermando di averlo fatto presente recentemente al Ministro della Sanità Sirchia.

 

Mantovaninelmondo© 1999-2004
All rights reserved
liberatiarts© Mantova Italy