2003                              Associazionismo e italianità        Mondo 

Un articolo scritto da Ezio Maranesi, già pubblicato su una rivista locale in Brasile, che traccia un quadro realistico sullo stato delle Associazioni Italiane in quel Paese, ma che ben si adatta alla maggioranza dell'Associazionismo sia in Italia che fuori. 

Associazionismo e italianitá
 
di Ezio Maranesi

Amore é "corrispondenza di amorosi sensi". Lo disse tempo fa uno che se ne intendeva. Il sentimento deve essere reciproco, corrisposto, altrimenti non é amore. É attrazione, più o meno tenera, tormentosa o morbosa, é passione, é desiderio, é sentimento di solidarietà, e ancora ardente aspirazione o forte interesse. Amore non corrisposto é masochismo.

Noi, collettività italiana all'estero, possiamo dire di "amare" la nostra Patria? La Patria ci "ama"?
Non dobbiamo annaspare molto per darci una prima risposta. Basta presenziare ad una riunione delle associazioni regionali italiane che Comites o Console periodicamente promuovono. É il nostro "muro del lamento". Mi arrischio a riassumere: Stato e Regioni spendono poco e male per i loro "figli" emigrati; i suddetti figli poco partecipano e detestano dare il loro tempo e il loro obolo per la gloria della associazione; l'organico del Consolato é da sempre insufficiente per rispondere efficacemente alle legittime aspettative di tali figli; solo ora, dopo decenni di attesa frustrata, ci é stato dato il voto. Naturalmente non é tutto. A denti stretti si ammette che la Patria ci ha dimenticati, non percependo quanto é grande il nostro amore, quanto soffriamo per l'Azzurro, quanto gioiamo per la Ferrari.
Controlliamo le emozioni e analizziamo con freddezza alcuni lati di questa crisi amorosa. Prima considerazione, parafrasando Kennedy: non chiediamoci che cosa l'Italia possa fare per noi, chiediamoci piuttosto cosa possiamo fare noi per l'Italia. Seconda considerazione, citando una circostanza personale. Qualche tempo fa, prima che l'aereo di quel folle svizzero lo centrasse in pieno, salii al 280 piano del Pirellone dove un alto dirigente della Regione mi disse, con estrema gentilezza ma altrettanta fermezza e un poco di imbarazzo, che l'assistenza alle comunità lombarde all'estero non é preoccupazione prioritaria della Amministrazione Regionale. Non é una novità e non c'é, a mio giudizio, ragione per esserne indignati. Pragmaticamente: interessi e soldi sono direzionati normalmente laddove ci si aspetta un ritorno, qualunque esso sia. Il milione di oriundi lombardi che vive in Brasile cosa può "ritornare" alla sua Regione? Non i voti, che saranno motivati da altre logiche. In fondo, guardando bene dentro di noi, neppure "amore". Ci compiacciamo certamente di essere lombardi; siamo considerati gente solida e attiva. E certamente qualcosa ci é rimasto nel cuore: il paesello, al quale però non ci lega amore bensì rimpianto della giovinezza che là abbiamo vissuto o il sogno di una stagione che non abbiamo vissuto e vorremmo vivere.

Vivono nel mondo 60 milioni di oriundi italiani: un'altra Italia. Tra essi, 4 milioni hanno la cittadinanza italiana. In Brasile, su 23 milioni di oriundi, 300.000 sono cittadini italiani. La cittadinanza comporta, ovviamente, l'essere titolari di diritti e di doveri . Verso gli oriundi non cittadini, l'Italia non ha doveri; può nutrire simpatia, riconoscenza e speciale attenzione facendoli oggetto di azioni di marketing affettuoso e interessato. La diaspora italica infatti, nel suo complesso, é considerata un asset perché ha punti di forza poderosi: ha propensione a comprare il made in Italy e ad essa appartiene una agguerrita business community che molto può fare per favorire l'internazionalizzazione della economia italiana. Della diaspora poi si occupano, guadagnandosi da vivere, vari italiani d'Italia che amano venire a visitarci.

Sembrano punti di forza decisivi ma sono invece carte che non si possono giocare: il cuore della diaspora infatti non sciopera ed é sempre disponibile a collaborare. 

La creazione del Ministero per gli Italiani all'Estero e la concessione del voto sembrano dimostrare maggiore attenzione dell'Italia verso i suoi cittadini residenti all'estero. Incontri, conferenze, dibattiti sul riscatto di questa comunità "carente d'affetto " sono frequenti ma, a giudicare dai risultati, inutili. V'é infatti uno scollamento tra la comunità, la "base" per usare un termine caro ai politici, e coloro che a turno ne parlano. Manca anche unità d'intenti: c'é chi ci vuole tutti uniti attorno all'ideale d'italianità e c'é chi ci vuole divisi e impegnati attorno a ideali politici. Le cronache di questi eventi, riportate dai giornali in lingua italiana, non mobilitano l'attenzione della comunità. I messaggi, più o meno interessati, non raggiungono il singolo, giù distante per natura.

Si potrebbe raggiungere in modo capillare la comunità attraverso le associazioni regionali, se esse disponessero di mezzi adeguati. Ma il collegamento é difficile: da un lato le pubbliche amministrazioni poco attente e sensibili ai problemi dell'emigrato, dall'altro l'emigrato che non si sente comunità e quindi agisce come individuo. Tutto ciò sembra dato per scontato, sembra essere nell'ordine naturale delle cose.

Senza soldi, le associazioni regionali languono e sopravvivono per la buona volontà ( oppure per la grinta, o l'ambizione, il desiderio di visibilità, l'altruismo, il personalismo, il godimento di qualche piccolo beneficio, ecc. . ) dei loro dirigenti. Naturalmente il dosaggio muta, caso per caso. Ma la crisi, in misura più o meno grave, é una costante. L'appartenenza, come origine, ad un determinato territorio italico non é comune denominatore sufficiente per "stringerci a coorte" e partire per imprese epiche; tutt'al più ci incontriamo a cena un paio di volte l'anno e ricordiamo con piacere e nostalgia il villaggio. La condanna viene soprattutto dai giovani: "non vedo perché mi devo associare se non ne ricavo alcun vantaggio". La legge che muove l'uomo: "do ut des". Possiamo capire.

Una associazione può solo prosperare attorno ad una idea molto forte, o attorno ad un rapporto di costo/beneficio equilibrato. Così prospera il Club Ferrari o il Club Pinheiro. Così languono i circoli regionali e altri club che conosciamo. L'individualismo, miglior virtù e peggior vizio della gente italica, non aiuta. Si vuole essere protagonisti, anche quando manca una onesta e umile autocritica. Nascono così le gelosie, le invidie, tutti quei sentimenti poco nobili che non amalgamano, non uniscono, non associano, non fanno vincere, alimentando il disinteresse. Così la comunità italiana ha perso l'ospedale Umberto Primo e la Dante Alighieri. É mancata coesione, leadership e volontà per riscattare patrimoni che, per forza di circostanze, si dovette dare in custodia ad altri. La comunità italiana, la più numerosa di San Paolo, non ha quindi ricuperato i suoi simboli.

Tirando le somme: l'Italia, la Lombardia, le altre Regioni, ecc. non ci devono null'altro che non sia di nostro sacrosanto diritto. Se ci "devono" qualcosa (il voto, la pensione, la cittadinanza, i servizi consolari) la dobbiamo esigere. Simpatia non ci é dovuta e ci serve poco. Se si aspettano qualcosa da noi, ce la chiedano e ci mettano in condizione di poterla dare. Noi siamo qui perché, in un certo momento della vita, noi (o qualcuno per noi) ha fatto una scelta. "Amare" il paesello, la terra nostra, la Patria, é bello, nobile e generoso; rincorrere una contropartita e sentirsi delusi e frustrati se contropartita non c'é  é masochismo. Sentiamoci fortunati per la cultura italica che ci é stata data: é una eredità che non ha eguali.

Un caro amico, svizzero di Chiasso, mi provocava: " Pensa la fortuna che ho avuto; fossi nato dall'altra parte della strada sarei italiano." Non me la sono mai presa; in fondo, senza che vi siano ragioni chiare e logiche, sono lieto di essere nato proprio "dall'altra parte della strada". 

Ezio Maranesi

Mantovaninelmondo© 1999-2003
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy