Emigrazione Notizie

  FILEF 

 
è on line il numero 30 di Emigrazione notizie
Antonella Dolci, sul sito della FILEF, ricorda il golpe cileno di 30 anni fa
nuova veste per il sito della fiei

 120 MILIONI DI PERSONE NEL MONDO

 PARLANO L'ITALIANO

Mentre secondo i recenti dati dell'UNESCO almeno 3000 lingue saranno destinate a scomparire, l'italiano registra negli ultimi anni una forte espansione diventando la lingua parlata da circa 120 milioni di persone al mondo.
Ogni anno sempre più persone si avvicinano alla lingua italiana. Qualcuno per lavoro o passione, altri per amore dell'Italia o della sua gente, o chi semplicemente riscopre le proprie radici. Tante le motivazioni che spingono migliaia di persone ad iscriversi ai corsi di italiano all'estero.
L'italiano va molto forte nell'Europa dell'Est, in Ucraina è la lingua straniera più studiata, in Ungheria è la seconda dopo l'inglese e in Russia si piazza al secondo posto con francese e tedesco. Raddoppia il numero degli studenti d'italiano in Asia, soprattutto in Giappone, aumenta anche in Australia, dove l'italiano è la lingua più parlata dopo l'inglese, mentre diminuisce in Africa e America.
Secondo un'indagine condotta dal Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell'università La Sapienza e affidata dalla Direzione Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale del ministero degli Esteri, il numero degli studenti che frequentano i corsi d'italiano su scala mondiale è incrementato di quasi il 40% negli ultimi anni. Tale percentuale è stata calcolata sulla base dei dati forniti da 63 istituti italiani di cultura presenti all'estero tra il 1995 e il 2000. Mentre inizialmente l'italiano si diffondeva esclusivamente per mezzo dell'emigrazione, ultimamente l'italiano si sta affermando non più solo come identità culturale ma come vero mezzo di comunicazione. Ma perché tanta popolarità, soprattutto in tempi di globalizzazione anglo-americana?
Determinante è senz'altro l'alta qualità dei corsi organizzati e l'ottima preparazione degli insegnanti impiegati dai vari istituti.
Tuttavia, che l'italiano stia diventando una delle lingue più studiate, non significa certo che sia anche una delle più parlate. Escludendo l'inglese che ormai domina lo scenario internazionale, lingue come il cinese, l'arabo ed il russo difficilmente potrebbero essere superate dall'italiano. Anche se quanto veramente conta è l'attrazione che una lingua esercita al di fuori dei propri confini politici.
Attrazione quella dell'italiano probabilmente determinata anche dal grande successo di alcuni prodotti e marchi italiani che hanno contribuito a consolidare all'estero il mito della Bella Italia e della Dolce Vita. Espressione quest'ultima non solo tra le più famose al mondo, ma comunicativa di un vero e proprio stile di vita, the Italian way of life! Non solo pasta e pizza, l'italiano è famoso nel mondo per la moda, l'automobilismo, l'arredamento e per una ampia serie di beni di lusso che hanno provveduto a diffondere un'immagine prestigiosa dell'Italia, dei suoi prodotti e della sua lingua.
da Filef 

 ISTITUITI CORSI AVANZATI IN LINGUA ITALIANA NELLE SCUOLE AMERICANE

"Grande soddisfazione" è stata espressa dal Ministro per gli Italiani nel Mondo, On. Mirko Tremaglia, per la decisione del College Board, il Ministero dell'Istruzione degli Stati Uniti, di istituire un programma di corsi formativi in lingua italiana di livello universitario destinati agli studenti della scuola secondaria. "Si tratta del passaggio alla fase di pratica attuazione dell'accordo che nell'ottobre scorso, in occasione della mia visita a New York in qualità di Ospite d'Onore al Columbus Day, avevo siglato con la Signora Matilda Raffa Cuomo", ha affermato il Ministro. "Il progetto - ha poi spiegato - coinvolgerà circa 500 scuole negli Stati Uniti ed estenderà finalmente l'insegnamento della lingua e della cultura italiana a livello curriculare nella scuola americana. Il superamento degli esami con punteggio adeguato permetterà l'acquisizione di crediti formativi poi riconosciuti a livello universitario. Questa innovazione sarà di essenziale importanza anche in vista delle ricadute economiche e turistiche, oltre che politiche e di immagine internazionale, che ciò comporterà anche in virtù della diffusa 'domanda di Italia' presente negli Stati Uniti".
La notizia dell'avvenuta approvazione del provvedimento è stata comunicata al Ministro Tremaglia direttamente dall'Ambasciatore d'Italia a Washington, Sergio Vento che ha ribadito come, per il felice esito dell'iter, sia stato fondamentale l'apporto proprio della Signora Cuomo, alla quale Tremaglia ha subito inviato un telegramma di felicitazioni. L'attivazione effettiva dei corsi avverrà entro un biennio, giusto il tempo di provvedere alla formazione adeguata dei docenti. "E' un successo straordinario - ha commentato il Ministro - che corona il lungo impegno profuso per dare alla lingua italiana, nel solco della politica dell'italianità, il posto che si merita nel sistema scolastico Usa, dove la sua conoscenza è già garantita dalle 262 cattedre di Italianistica diffuse a livello universitario".

  PREMIO PIETRO CONTI: I VINCITORI E I SEGNALATI DELLA V EDIZIONE

Vorremo fare i complimenti ai due soci dell'Associazione (evidenziati in neretto) per la loro partecipazione e per il riconoscimento ottenuto in questo prestigioso concorso. 

Il 30 giugno 2003, presso la sede del Servizio Relazioni Internazionali della Regione dell'Umbria in Corso Vannucci 30, Perugia, si è riunita la Giuria della Quinta edizione del Premio Pietro Conti. La Giuria, costituita da Tullio Seppilli, Maria Immacolata Macioti, Emilio Franzina, Alessandro Vestrelli, Massimo Vedovelli e Noemi Ugolini, è pervenuta ai seguenti giudizi unanimi degli elaborati: 
Per la SEZIONE A, Narrativa: vincitori ex aequo Mauro Mirci (elaborato "Prima o poi torno") e Luisiana Luzii (elaborato "Emigrata con doppia cittadinanza"); segnalati per la pubblicazione gli elaborati " Vestiti migranti" di Franca Mionetto, "Tieni gli occhi aperti" di Iside Baldini, "L'attaccapanni" di Fabrizio Intravaia, "Malìs" di Susy Marianunzia Pirinei, "Il Natale del '39" di Bruno Bianco, "La lunga attesa" di Maria Floretta, "L'avventura brasiliana" di Franco Luperi, "Prima o poi torno" di Linda De Angelis, "Nina" di Paolo Cartocci, "Santa Claus Favourite" di Luisa Chiarot, "Tierras de sangre y vida" di Yuri Gatto, "Khadija" di Paola Sacco, "La luna ad est" di Gregorio Galli, "La condanna" di Daniela Raimondi, "Tre giorni per un tango" di Denise Cabascia, "Fino all'ultimo sogno" di Anna Rossetto, "L'uomo che rubava carrelli" di William Anselmi e "Argentina, amada mia" di Rita Pelusi. 
Per la SEZIONE B, Memorialistica: vincitore Antonella Dolci (elaborato "Pasta e fagioli all'Ambasciata" ) segnalati per la pubblicazione gli elaborati "Cari miei..." di Vesna Andrejevic. "Come tante rondini" di Giuseppe Delogu. "Un italiano all'estero" di Giovanni Battista Castagna. "Clandestina" di Dunca Ioana. "Dall'Africa al Continente" di Fernanda Panvini. "Una storia semplice" di Marleine Laetitia Kouamé Akoua e "Svizzera, l'esilio" di Vittorio Panicara.
Per la SEZIONE C, Saggi e ricerche: vincitore Michele Colucci ("La Gran Bretagna e l'immigrazione"); segnalati per la pubblicazione gli elaborati "Marocchini italiani?" di Laura Lungarotti. "Migrazione-lavoro/Lavoro-migrazione" di Sandra Monica Rosetti. "Il traffico internazionale dei minori" di Francesco Carchedi. "Disagio psichico delle donne immigrate" di Dorys Contreras Betancourt. "Pakistani a Bologna" di Roberta Scaglioni. "Donne immigrate e lavoro domestico" di Silvia Cavallini. "Un caso esemplare di letteratura" di Giovanni Meo Zilio. "Protagonisti ancora" di Antonio Maglio. "Processi migratori verso le Americhe" di Isabella Forgione. "La mia Africa: il vissuto quotidiano" di Monica d'Argenzio. "Flussi informativi e politica internazionale" di Beatrice Orlandini. "Il Vudu in Europa" di Jung Ran Annachiara Forte . "Italiane a Bahia Blanca" di Sandra Monica Rosetti.

La cerimonia di premiazione della V edizione e la pubblicazione del volume del Premio si terrà in Umbria entro l'anno 2003.

Tutti gli articoli sono tratti da Emigrazione Notizie -FILEF

All rights reserved
Mantovaninelmondo© 1999-2003

liberatiarts© Mantova Italy