brasileirologo Piave Fainors

125 ANOS DA IMIGRAă├O ITALIANA NO RIO GRANDE DO SUL
500 ANOS DO DESCOBRIMENTO DO BRASIL
84 ANIVERS┴RIO DE ERECHIM
La Piave Fainors
ComunitÓ Veneta nel Rio Grande do Sul -
FederašŃo das Associaš§es Italianas do Norte do Rio Grande do Sul

...."Nella regione nord del Rio Grande do Sul, la provincia pi¨ meridionale del Brasile, culla dell'emigrazione, incontrammo una gran comunitÓ veneta, superiore un milione e mezzo di persone
Essa Ŕ formata in maggioranza da discendenti di quei bravi emigranti, che nel fine ottocento, spinti lontano dai loro paesi, per la fame e mancanza di futuro, in quei neri anni per tutto il Veneto, furono costretti a guadagnare il pane oltre oceano.
Sono i discendenti di quelli che facevano parte dell'emigrazione dimenticata, di quei poveri contadini e artigiani, che muniti appena del biglietto d'andata, hanno lasciato le famiglie e sfidato lo sconosciuto, nelle terre lontane dell'America del Sud, senza aiuto delle autoritÓ italiane.

provicie Venete
StendardoEmigatibandiere

Oggi, proprio nel Veneto, sono pochissime le persone che sanno perfettamente dell'esistenza di questo migliaio di veneti che sono partiti nel secolo scorso. Poche sono le righe nei libri di storia italiani, che raccontano la veritÓ sugli eventi di questo vero esodo che ha spopolato intere vallate venete. Generazioni di veneti non conoscono, ancora oggi, questa pagina nera della storia dell'Italia e di questa sua Regione. Parlando d'emigrazione, si ricorda soltanto quella pi¨ attuale, quando i mezzi di comunicazione, i trasporti e collegamenti giÓ erano sviluppati e presenti dappertutto. Questa emigrazione, pur essendo stata anch'essa drammatica, non ha paragoni con le sofferenze disumane vissute dagli emigrati del secolo scorso, le condizioni di vita proibitive, trovate nella nuova terra, soli nel mezzo delle foreste e senza nessuna possibilitÓ di tornare indietro.
Il 30 settembre 1994, un gruppo di persone della nostra comunitÓ, rappresentando tutte le Associazioni Venete d'Erechim e della Regione Alto Uruguai, hanno fondato una Federazione che ha ricevuto il nome di "La Piave FAINORS" - FederašŃo das Associaš§es Italianas do Norte do Rio Grande do Sul, nata principalmente alla necessitÓ di ristabilire i legami con il Veneto rotti dall'emigrazione, coordinare un programma pi¨ concreto e moderno d'assistenza ai discendenti veneti della nostra grande regione.
Quest'evento ha ricevuto il totale appoggio della Regione Veneto, che nell'occasione Ŕ stata rappresentata dal suo Vice Presidente Fabrizio Comencini e da Antonio Politi delle Relazioni Pubbliche, che hanno portato il riconoscimento ufficiale del Governo Regionale.
La Piave FAINORS Ŕ un'Associazione legale, che riunisce tutte le Associazioni Venete presenti nel nord della nostra provincia - Attualmente, sono 26 i circoli associati - senza scopo di lucro e come finalitÓ principale ha lo scopo di aiutare gli associati a ritrovare le proprie radici, custodire, tutelare e divulgare la lingua veneta e l'antica cultura, ereditÓ ricevuta dai nostri avi, affinchÚ venga tramandata per le future generazioni. Oltre 4000 Ŕ il numero attuale degli associati nei vari circoli .
Con questi obiettivi, il nostro lavoro, volontario, ci porta in tutti i comuni della nostra regione nelle scuole medie e superiori, nelle prefetture e consigli comunali, nei club di servizi, nelle chiese e societÓ italiane, dove con conferenze e incontri attraverso pannelli esplicativi parliamo del Veneto e delle nostre origini,
Abbiamo creato molti programmi d'aiuto per la formazione di societÓ organizzate intorno alla nostra federazione, nei comuni che ne erano privi, abbiamo stimolato la formazione di gruppi folcloristici e di corali nelle societÓ giÓ organizzate, siamo presenti nei festival, feste, sagre locali e regionali. Abbiamo creato le condizioni per il ricevimento di gruppi folcloristici veneti, che ora ci visitano con frequenza e sono molto apprezzati. Abbiamo organizzato, senza nessuno aiuto, alla creazione di vari corsi di lingua veneta " il Talian" ( il veneto parlato e scritto nel Rio Grande do Sul) ; d'Italiano, con professori specializzati, oltre ai corsi di danza folcloristica e di corale.
Nel 1998, il 29 novembre vi Ŕ stato "I' Encontro Sul Brasileiro de Apresentadores de Rßdio em Talian" (il veneto parlato e scritto nel Rio Grande do Sul), con la finalitÓ di organizzare ed unificare la lingua e i programmi della radio, creandoli pi¨ culturali e pi¨ informativi. Nell'occasione sono stati realizzati corsi, conferenze a cura delle pi¨ note autoritÓ della lingua veneta nella nostra provincia.
Questo evento Ŕ stato realizzato grazie all'appoggio dell'UniversitÓ d'Erechim e della Segretaria Municipale d'Educazioni e Cultura d'Erechim, con trasmissione diretta in TV e due radio locali che erano collegate con tutte quelle degli altri comuni, in un vero pool di radio. Coinvolgendo tantissimi sindaci, consiglieri comunali e professori delle varie comunitÓ di queste provincie ove la presenza veneta Ŕ fortissima.
Nell'occasione Ŕ stato divulgato ufficialmente un dizionario portoghese - talian, con pi¨ di cinquantamila parole ed un libro di poesie "Ritorno a le radize II", i cui aturi autori fanno parte della nostra federazione.
Non vivremo nel passato o del passato, ma Ŕ necessario conoscere questo nostro ricco bagaglio culturale, individuale e collettivo, per capire e vivere il presente e cosý costruire il futuro. Sappiamo che una persona senza passato, senza storia, non potrÓ arrivare ad un buon destino. Questi ricordi sono importantissimi per stabilire un nuovo ordinamento nei rapporti tra il Veneto attuale, ove si trovano le nostre radici, e la nostra regione, come mezzo per rafforzare questo legame che ci unisce.
Crediamo che questi rapporti devono svilupparsi, principalmente con scambi culturali tra le nostre universitÓ e quelle venete, con la creazione di progetti pratici, con scambi di professori e allievi, con la creazione di condizioni favorevoli per lo sviluppo nell'area economica e turistica, campo ancora non bene esplorato ma in continua espansione . L'importanza attuale delle migliaia di veneti brasiliani, inseriti in tutti i rami dell'economia locale, cui sono perfettamente integrati, nell'universo produttivo della nazione, fanno si che il Brasile, con la sua forte presenza nel mercato latino americano, possa essere la porta d'accesso principale dei prodotti veneti verso questo mercato. Tali prodotti, sono qui apprezzati moltissimo e le opportunitÓ di nuove iniziative commerciali sono tmoltissime per tutti.
Con questo pensiero stiamo organizzando e creando progetti con il Centro Estero delle Camere di Commercio del Veneto, Camera di Commercio Veneto Rio Grande do Sul e Segretarie d'Industria e Commercio di nostri comuni, con l'intenzione di rafforzare gli scambi economici tra nostre regioni. A tale scopo, abbiamo inviato un rappresentante della nostra federazione, che ha fatto un corso nel Veneto, presso quella istituzione per il commercio, nel progetto antenne venete.
La comunitÓ dei veneti brasiliani nel nord del Rio Grande do Sul ha, anche questa, ereditato quella forza e intraprendenza che marcarono nostri antenati emigrati che con fede, sudore e molto lavoro, hanno costruito civilissime cittÓ e creato un ricco e importante mercato emergente nell'economia del Paese."
Il Presidente Dr. Luiz Carlos Piazzetta

 

carta Rio Grande do Sul

La Piave FAINORS
FederašŃo das Associaš§es Italianas do Norte do Rio Grande do Sul
Rua Nelson Ehlers, 98 sala 53 C. Postale 198
99700-000 Erechim RS Brasile
fone (054) 321-2709
fone/fax (054) 321-2606
e-mail
lcp@st.com.br

ATTIVIT└ SVOLTA DALLA FAINORS
FederašŃo das Associaš§es Italianas do Norte do Rio Grande Do Sul

Ente che rappresenta le Associazioni Italiane e dei loro discendenti, con sede ad Erechim, fin dalla fondazione, il 30 settembre 1994, svolge un lavoro costante per tutelare e diffondere la cultura italiana.
-Svolge una ricca attivitÓ culturale con lo scopo di creare opportunitÓ per i rapporti e scambi tra gli italiani, loro discendenti, nati in Brasile e quelli che ancora vivono in Italia.
-Con questa finalitÓ la FAINORS promuove annualmente il FESBRACI - Festival Sul Brasileiro de Cultura Italiana, giunto ora alla quarta edizione, ove, in due serate ad agosto si presentano pi¨ di dieci gruppi con canzoni folcloristiche italiane, della nostra regione e di tutto il sud del Brasile. Ogni anno abbiamo un ospite speciale, che viene direttamente dell'Italia.
-Annualmente realizza l'Encontro de Corais Italianos do Alto Uruguai, giÓ alla quinta edizione, evento che ha lo scopo di creare uno spazio per i gruppi di canto e ballo folcloristico italiano nella nostra regione, affinchÚ possono scambiarsi informazioni sulla loro attivitÓ.
-La FAINORS lavora per creare una societÓ italiana organizzata in ogni comune del nord del Rio Grande do Sul ove Ŕ forte la presenza d'italiani e dei loro discendenti. Dal 1994 sono nate sei nuove societÓ, con i loro rispettivi gruppi di canto e ballo.
-Promuove ogni anno, nella nostra UniversitÓ, un incontro tra i presentatori delle radio delle tre provincie meridionali brasiliane, che hanno un regolare programma settimanale in lingua italiana o dialetto. Nell'ultimo evento, realizzato nel mese di novembre dello scorso anno, erano presenti ben novantatrÚ speakers, in rappresentanza di oltre cento radio che operano in Paranß, Santa Catarina e Rio Grande do Sul.
-La FAINORS organizza e presenta programmi radiofonici settimanali in dialetto, in due radio AM della nostra regione, con riferimento speciale alla cultura e alla valorizzazione delle nostre radici. Quest' anno inizieremo le trasmissioni in lingua italiana attraverso la Radio Virtual FM d'Erechim .
-La FAINORS lavora per favorire i gemellaggi tra i comuni della nostra regione con quelli Italiani. Il Comune di S. Valentim Ŕ in procinto di gemellarsi con Santa Giustina (BL).
-Fin della sua fondazione, la FAINORS cura una colonna settimanale nel giornale regionale Dißrio da ManhŃ d'Erechim, Passo Fundo, Carazinho e IjuÝ. Si tratta dello "Spazio Culturale Italiano", con notizie, storia e geografia dell'Italia, con speciale attenzione alla divulgazione e promozione d'Italia, in tutta la nostra regione.
-La FAINORS svolge anche un lavoro di divulgazione della cultura italiana, con corsi, conferenze ed incontri culturali, nelle scuole medie e UniversitÓ, club di servizio e prefetture di tutta la regione.
La FAINORS organizza assieme all'ACIRS - Associazione Culturale Italiana do Rio Grande do Sul - Corsi di Lingua e Cultura Italiana con 400 allievi maggiorenni e 1000 bambini circa, in tre comuni della nostra regione.
Oggi la FAINORS Ŕ una federazione con 26 circoli e pi¨ 4000 associati in 50 comuni del nord del Rio Grande do Sul.

Presidente: Dr. Luiz Carlos Piazzetta lcp@st.com.br

liberatiartsę per
Mantovaninelmondo99-2000