ottobre 2002                           Speciale COSTA RICA                  

UTILI

 COSTA RICA

 La Bandiera Nazionale


Bandiera  "Bandera" o "Pabellón Nacional."

http://www.rree.go.cr/
Costa Rica è un Paese dell'America Centrale , confina con Nicaragua , Panama e i due oceani Atlantico e Pacifico

Scudo Nazionale
Scudo Nazionale

Alcune notizie sul Costa Rica
Superfice 50.900 Km2
Abitanti 2.000.000
Capitale San Josè


Costituzione:
Articolo 1 : Il Costa Rica è una Repubblica democratica e libera ed indipendente. 
Articolo 76 : Spagnolo è la lingua ufficiale della nazione. 

Bandiera:  "Bandera" o "Pabellón Nacional." 

Scudo Nazionale 
La creazione dello Scudo Nazionale, fu decretata dal Presidente Jose María Castro Madriz,  il 29 settembre 1848. Lo Scudo Nazionale è stato ridisegnato due volte. Nel 190, quando tutti gli elementi di guerra (cannoni, fucili ecc.) furono tolti e nel 1964, quando furono aggiunte due stelle  con la creazione di due nuove province (Limon & Puntarenas) oltre alle cinque già presenti: Alajuela, Cartago, Guanacaste, Heredia, e San José . I cambi sottolineano la natura pacata e  civile degli abitanti del Costa Rica. 
Significato :
"América Centrale"  stampato in lettere d' argento sul nastro blu posto a corona alla sommità dello scudo. I due rami di mirto che racchiudono la parte superiore rappresentano la pace del Costa Rica. Sul nastro bianco che congiunge in alto i rami, la scritta in lettere dorate. "Republica de Costa Rica".  Le sette stelle sopra ai vulcani rappresentano le sette province. 
Le tre vette rappresentano le catene montuose, che formano una valle e dividono il paese in due parti. I due mari rappresentano l'Oceano Atlantico e l'Oceano Pacifico. Le navi che navigano su ogni oceano rappresentano gli scambi culturali e  commerciali tra il Costa Rica con il resto del mondo. Il sole sorgente rappresenta la prosperità del Paese. I piccoli cerchi su ambo lati della cornice rappresentano i fagioli di caffè, "Fagioli Dorati."

Inno Nazionale 
Composto da: José María Zeledón Musica  di: Manuel María Gutiérrez
Musica deve essere eseguita  in Mi Bemolle, alla velocità di metronomo di 108 battute. 

La Musica e il Suo Significato 
Nel 1852, i governi degli Stati Uniti ed il Regno Unito accreditarono, per la prima volta, i loro rappresentanti diplomatici in Costa Rica. Il Presidente Juan Rafael Mora volle nell'occasione una cerimonia di benvenuto per le due missioni. Fino ad allora non esisteva un Inno nazionale e il Presidente, chiese al Sig. Manuel María Gutiérrez, Direttore dell'Orchestra dell'Esercito Nazionale, di comporre la musica per l'Inno Nazionale che doveva essere eseguito nella cerimonia di benvenuto. 
L'Inno fu eseguito per la prima volta l'11 giugno 1852 nel Palazzo Presidenziale.
L'Inno non ha una connotazione militare, infatti fu composto per dare il benvenuto a due missioni diplomatiche. La musica richiama un atto di unione, la solidarietà, e di accordi pacifici tra le Nazioni. Contiene un sentimento patriottico attraverso il quale il paese mostra la sua identità e la natura pacata.
Testo:

Nobile Patria!, la tua bella bandiera,
espressione della tua vita a noi dà:
sotto il limpido azzurro del tuo cielo,
bianca e pura riposa la pace.

Nella lotta tenace di fecondo lavoro
che arrossa la faccia dell'uomo ,
conquistarono i tuoi figli -semplici contadini -
eterno prestigio, stima ed onore. 
(due volte)

Salve, oh terra gentile!
Salve, oh Madre di amore!

Quando alcuno pretenda macchiare la tua gloria,
vedrai il tuo popolo coraggioso e virile,
il rozzo utensile in arma trasformare.

Salve, oh Patria! il tuo prodigo suolo
dolce riparo e sostentamento ci dà.
Sotto il limpido azzurro del tuo cielo
Vivano sempre il lavoro e la pace!

Noble Patria!, tu hermosa bandera, 
expresión de tu vida nos da: 
bajo el límpido azul de tu cielo, 
blanca y pura descansa la paz. 

En la lucha tenaz de fecunda labor 
que enrojece del hombre la faz, 
conquistaron tus hijos -labriegos sencillos- 
eterno prestigio, estima y honor. 
(bis) 

¡Salve, oh tierra gentil! 
¡Salve, oh Madre de amor! 

Cuando alguno pretenda tu gloria manchar, 
verás a tu pueblo valiente y viril, 
la tosca herramienta en arma trocar. 

¡Salve, oh Patria! tu pródigo suelo 
dulce abrigo y sustento nos da. 
Bajo el límpido azul de tu cielo 
¡Vivan siempre el trabajo y la paz! 

Il Motto Nazionale: "Pura Vida! " 

Il Costa Rica non ha designato ufficialmente un motto nazionale. Comunque, se il Costa Rica dovrebbe designare un motto nazionale, sicuramente sarebbe "Pura Vida." 
La popolazione iniziò ad usare l'espressione "Pura Vida" dopo avere guardato un film messicano chiamato "Pura Vida! " nel 1956. Negli anni seguenti pochi lo usavano. Dal 1970 l'espressione è usata quotidianamente, infatti le due  parole hanno riassunto il significato della felicità, della pace, e della tranquillità. Oggi, l'espressione "Pura Vida" è divenuta così popolare che è stata aggiunta nei dizionari spagnoli del Costa Rica come un saluto, o un apprezzamento. 

Uccello nazionale: "El Yigüirro" 

Il "Yigüirro" (grayi di Turdus), noto come la creta pettirosso colorato o tordo grigio, fu designato Uccello Nazionale novembre, 1976. Il "Yigüirro", presente in tutto il Costa Rica rappresenta la fertilità della terra, il simbolo della pioggia che fertilizza la terra, la ricchezza della Costa e la terra ricca. Il "Yigüirro" generalmente canta e si accoppia nella stagione piovosa. Tra aprile e maggio, il "Yigüirro" non canta, e posa da due a tre uova e protegge la sua covata. Il "Yigüirro" è un uccello amichevole e pacato non ha paura dell'uomo.
 
Fiore nazionale: "Guaria Morada" 

Il "Guaria Morada" (skinneri di Cattleya) è un'orchidea, fu eletto Fiore Nazionale del Costa Rica il 15 giugno 1939. Il "Guaria Morada" cresce sugli alberi, tetti, ed edifici. Trae nutrimento dall'aria, pioggia, polvere, e dai residui che si depositano sui tronchi degli alberi. Questa pianta usa gli alberi come appoggio, ma non sono parassiti. I fiori sono grandi con forme fantastiche, colori sorprendenti e  fragranze incantevoli. Il "Guaria Morada" è presente in Costa Rica da sempre. I "campesinos" curano teneramente il fiore per la sua bellezza e lo associano con la bellezza, secondo la tradizione porta fortuna e unità, esprime pace, amore e speranza per il futuro. Il suo fiore non ha una fragranza speciale ma è pieno di sogni e buoni auspici per il futuro. 


L'Albero Nazionale: "Guanacaste" 

Il "Guanacaste" (cyclocarpum di Enterolobium), albero originario del Costa Rica, fu proclamato Albero Nazionale il 31 agosto 1959. Appartiene alla famiglia di leguminose e la sottofamiglia delle Mimose. È presente lungo le coste dell'America Centrale così come a Cuba e nei bassopiani dell'Antille.  Cresce dal livello di mare fino a 900 mt di altitudine. La sua altezza varia da 25 a 50 m. Il diametro del suo tronco, robusto e di bell'aspetto  è di solito intorno ai 2 m. , cresce  in terre esposte al sole. Il "Guanacaste" detto anche albero" dell'orecchio" perché le sue foglie si arricciarono e sembrano orecchi. A marzo ed aprile, i frutti, "vainas", che hanno generalmente tra 10 e 22 semi,  maturano e diventano marrone scuro, poi cadono. Il fiore è bianco e rotondo. Il legno, resistente all'acqua è facile da lavorare, si usa in falegnameria ed arti ornamentali. Nei campi, offre ombra e cibo al bestiame bovino che si nutre dei suoi rami, foglie, e frutta. I  rami lunghi e spessi crescono orizzontalmente. L'albero ha radici grosse che si diffondono nel suolo circostante.

Simbolo Nazionale del Lavoro : "La Carreta" 

Designato il 22 marzo 1988, è un veicolo forte e rustico con due ruote di patto si mosse da due buoi. Può passare facilmente attraverso luoghi fangosi, paludi, spiagge, colline, curve, montagne rocciose, e piccoli fiumi. Principale mezzo di trasporto dopo il 1840. La prima spedizione di caffè a Londra fu trasportata dalle piantagioni ai porti principali dai carri nel 1843. Nei primi anni del 1900 si sviluppò l'usanza di dipingerli con figure geometriche a colori brillanti, dipinti a mano non ne esistono due uguali. Quest'arte è stata tramandata da generazione in generazione fino ad oggi.  Dopo la II° Guerra mondiale, i carri vennero sostituiti da mezzi a motore.  Da allora, si usa come un oggetto ornamentale anche se alcuni coltivatori ancora oggi lo usano durante la stagione della raccolta del caffè per trasportarlo dalle aree rurali. 

-Principali Rappresentanti in Italia:

   -  Sr. Manuel Hernández Gutiérrez, Embajador - 
   -  Sr. Arnoldo Fernández Baudrit, Ministro Consejero y Cónsul 
   -  Sra. Aurora Piza Rocafort, Ministro Consejero y Cónsul General - 
   -  Sra. Olga Marta Coll Montero, Innesco Secretario - 

Liberamente tratto dal sito: www.costarica.com - tradotta da Pietro Liberati

Mantovaninelmondo© 1999-2002
All rights reserved

 liberatiarts© Mantova Italy